venerdì 23 ottobre 2015

Final Girl (2015)

Nonostante fosse stato caCCato da più parti, o forse proprio per questo, ho deciso di impelagarmi nella visione di Final Girl, diretto dal regista Tyler Shields. Segue breve post con un po' di SPOILER.


Trama: la giovane e bionda Veronica si ritrova sola in un bosco con quattro ragazzi che vogliono cacciarla e ucciderla. Ma le cose non sono quelle che sembrano...



Cosa diamine ho visto? Questa è la domanda che mi turbinava nella mente durante i pretenziosi e fuorvianti titoli di coda di Final Girl, titolo che non vi sto a spiegare perché l'hanno già fatto tutti i blog che si sono sbattuti a recensire questo filmucolo. In soldoni, trattasi di thriller-horror con un bassissimo bodycount, zero splatter e pochissimo coinvolgimento emotivo, una sorta di wannabe Nikita dove la protagonista viene cresciuta come una killer da un Wes Bentley stranamente mollo e svogliato che si limita a farle da papà ed istruttore mentre lei, poverella, ne è innamorata persa. La pellicola, che come idea base, per quanto già stravista, non sarebbe neppure male, parte svantaggiata proprio in virtù dei presupposti di questa trama: pretendere che lo spettatore si beva l'esistenza di una killer paffutella e tenerosa come Abigail Breslin (non sexy né tantomeno minacciosa, ahilei) è già ai limiti del surreale ma se la cosa finisse qui ci si potrebbe ancora passare sopra. Il problema è che davanti alle immagini patinate e forzatamente "oniriche" del fotografo riciclatosi regista Tyler Shields non si prova assolutamente nulla, se non un vago senso di tedio. Non c'è modo di parteggiare per la protagonista, vuota e morbidosa macchinetta per uccidere che si pone qualche domanda ma in generale segue i voleri di Bentley senza troppe remore e, ancor peggio, gli sceneggiatori non danno modo allo spettatore di empatizzare con quest'ultimo a causa di caratteristiche psicologiche appena abbozzate e zeppe di cliché. Certo, è vero che la trama prevede l'uccisione di un branco di ragazzotti viziati che amano passare il tempo trucidando ragazze indifese ma, siamo seri: se è vero che le ragazze in questione accettano di andare nel bosco con quattro sconosciuti vestiti come Il Volo meritano di fare la peggiore delle fini. E poi, parliamo un attimo di come vengono uccisi i quattro dementi.


Abigail Breslin, come si vede nei flashback, viene addestrata da Bentley ad essere una killer fredda e spietata, mi sarei quindi aspettata come minimo un bagno di sangue. Invece la furba Abigail preferisce drogare le sue vittime e farle scontrare con delle "visioni" prima di subentrare e ucciderli nei modi più noiosi e perplimenti che vi possano venire in mente. Il primo, tanto quanto, si becca un'accetta nel petto, un altro potrebbe venire ammazzato a colpi di mazza da baseball (l'arma d'ordinanza del ragazzo, ottimo contrappasso) ma Abigail si dimentica di averla in mano e ricorre ad una pietra, il terzo viene semplicemente strangolato nonostante la protagonista abbia palesemente la forza di un bradipo morto. Non vi dico la fine dell'ultimo, ridicolo lui e ridicolo il metodo scelto per farlo fuori. E tuttavia, se Final Girl fosse stato immerso in un'atmosfera malata e disagevole forse avrebbe anche potuto essere divertente. Purtroppo Tyler Shields ha voluto fare il fighètto e allo spettatore è stata propinata l'ennesima, patinata storia di noia alto-borghese, con i ragazzotti che si comportano come dei lord inglesi a caccia di volpi e dove tutti sono conciati manco dovessero andare al ballo di fine anno o alla notte degli Oscar. Quando dico che i quattro killer sembrano Il Volo, non lo dico tanto per: questi per uscire di casa la sera, in una cittadina talmente morta che al confronto Desperation è Las Vegas, indossano tuxedo e farfallino, mentre le ragazze hanno tutte degli abiti da prom anche solo per andare a bersi il frappé nel tipico, squallido diner americano. Come scelta stilistica non poteva davvero essere peggiore ma d'altronde l'intero film è una bufala ammorbante quindi il regista avrà pensato "perché no?". Voi non fate come me e come lui, state alla larga da questa monnezza profumata di Chanel.


Di Abigail Breslin (Veronica) e Wes Bentley (William) ho già parlato ai rispettivi link.

Tyler Shields è il regista della pellicola. Americano, conosciuto soprattutto come fotografo, è al suo primo lungometraggio. Anche attore e sceneggiatore, ha 33 anni e un film in uscita.


Cameron Bright (vero nome Cameron Douglas Crigger) interpreta Shane. Canadese, ha partecipato a film come The Butterfly Effect, Godsend, Birth - Io sono Sean, X-Men - Conflitto finale, Juno, Twilight (dal secondo film in poi) e a serie come Dark Angel e The 4400. Ha 22 anni.


Alexander Ludwig interpreta Jameson.  Canadese, ha partecipato a film come Hunger Games, Un weekend da bamboccioni 2 e a serie come Vikings. Ha 23 anni.


Se Final Girl vi fosse piaciuto recuperate la serie Scream, You're Next e Kristy. ENJOY!

11 commenti:

  1. Il Khal me lo spacciava come una roba ironica,buttata sul parodistico.Dici che non è così????Ce l'abbiamo in rampa di lancio....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere che tu ti confonda con THE Final GirlS, parodico ma splendido, forse l'horror dell'anno. L'ho visto e ne parlerò prossimamente! Invece Final Girl è proprio una sòla!

      Elimina
    2. Quello è splendido davvero ma roba ironica fino a un certo punto: prepara i fazzoletti!!! :D

      Elimina
  2. Io, invece, ho abbastanza apprezzato. Visivamente, è un gioiellino.
    E, per le cose belle, ho un debole. Chissene della trama. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo pretenzioso, finto e patinato per me. Preferisco l'horror "grezzo", soprattutto quando la trama è ridicola.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Non fa neppure troppa impressione però è di una noia epica XD

      Elimina
    2. Anche io eviterò, mi convince poco

      Elimina
  4. la fotografia e luci sono da 8 il resto è da 0: media uguale 4 :-)

    RispondiElimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...