venerdì 15 giugno 2018

Lego Batman - Il film (2017)

E' rimasto a frollare per un po' di mesi ma finalmente sono riuscita anch'io a vedere Lego Batman - Il film (The LEGO Batman Movie), diretto nel 2017 dal regista Chris McKay.


Trama: dopo l'ennesimo piano andato a male e la consapevolezza che a Batman importa solo di sé stesso, il Joker concerta un altra impresa malvagia che rischia di distruggere Gotham City. Come se non bastasse, Batman si ritrova ad essere padre adottivo "per caso", mentre il suo ruolo di vigilante viene limitato dall'arrivo del nuovo commissario, Barbara Gordon...



Alzi la mano chi, una volta conclusa la visione di The LEGO Movie, ha sperato fortissimamente che arrivasse uno spin-off interamente dedicato al personaggio più adorabilmente stronzo ed arrogante del film, ovvero Batman. Credo che il tempo totale di presenza Batmaniana nella pellicola del 2014 non raggiungesse nemmeno la mezz'ora ma probabilmente è bastata la canzone cantata dal personaggio per convincere i produttori della necessità di mettere in cantiere Lego Batman - Il film e dare libero sfogo all'incarnazione del Cavaliere Oscuro più perfetta dai tempi di Batman - Il ritorno. Il Batman creato dalla LEGO è una fantastica parodia degli eroi dark, quelli che passano il 90% della loro esistenza persi a crogiolarsi nell'angst di un passato traumatico e l'altro 10% nell'autocelebrazione di sé, elementi fondamentali della personalità del protagonista che vengono ulteriormente esacerbati dall'enorme infantilità di Batman, reso qui come un bambino viziato, antipatico e peppia. L'intero film ruota sul rapporto tra Batman e il suo nemico di sempre, il Joker (scritto e rappresentato come le peggiori storie romantiche viste al cinema ma declinato in "odio" con risultati esilaranti), e sul terrore del protagonista di fronte alla possibilità di crearsi una famiglia o anche solo delle semplici amicizie, scelta di sceneggiatura necessaria per veicolare l'indispensabile messaggio positivo già presente in The LEGO Movie, messaggio che, a onor del vero, rischia di perdersi in una ridda di gag e citazioni pressoché infinita. I veri destinatari di Lego Batman - Il film non sono infatti i bambini ma tutti i fan dell'eroe DC (in ogni sua incarnazione, a partire dai telefilm camp anni '60, ampiamente citati) OPPURE tutti i nerd in grado di cogliere i millemila rimandi ad altri film, serie TV, fumetti che sinceramente non pensavo nemmeno potessero avere qualcosa a che fare col Cavaliere Oscuro. Avendo avuto accanto Mirco, durante la visione, posso assicurare che il Bolluomo ha riso ma non quanto ho fatto io e che parecchie delle gag più "specifiche" gli sono scivolate addosso come acqua, cosa che non era successa guardando The LEGO Movie, un film davvero adatto a tutti e più universalmente "meravigliosoooo".


La sensazione che ho provato io è quella di essermi trovata davanti una sorta di "special TV" non proprio cinematografico, una cosina breve per appassionati. Non che il film non mi sia piaciuto, anzi, e non dico neppure che Lego Batman - Il film sia qualitativamente inferiore al suo predecessore: nell'ora e quaranta di durata passano sullo schermo le cose più assurde che si possano costruire con i mattoncini e col potere dei "mastri costruttori", in primis un mecha pipistrello animato alla perfezione, senza contare che le scene d'azione sono forse anche più emozionanti e "caotiche" rispetto alla prima pellicola, con abbondanza di morte & distruzione in formato LEGO, soprattutto grazie alla presenza di un paio di giganteschi villain di tutto rispetto... però qualcosa è mancato, probabilmente dal punto di vista del sentimento. Partendo sempre da The LEGO Movie, a mio avviso il suo spin-off difetta del senso di magia che lo collegava paradossalmente alla realtà, l'elemento "umano" che faceva dei mattoncini più amati del mondo una componente fondamentale della crescita di un bambino e, in generale, della vita di una persona, veicolando forti emozioni come già accadeva con la trilogia di Toy Story. Qui abbiamo "solo" l'esempio di un gioco, un'avventura che si apre e si chiude a mo' di parentesi e che lascia il tempo che trova; un tempo esilarante, divertentissimo e sicuramente soddisfacente, ma anche "di nicchia", quasi il bimbo di The LEGO Movie fosse stato nuovamente chiuso fuori dalla stanza dei giochi lasciando il campo al papà nerd. Il che, lo ripeto, va benissimo per una serata all'insegna del divertimento sfrenato e della risata compulsiva, anche perché personalmente adoro il Batman della LEGO e tutti i riferimenti all'ambiguità sua e di Robin, ragazzo meraviglia perennemente smutandato e con un gusto tutto particolare per le hit gaye anni '80... e quanto può essere tenero il Joker con gli occhietti tristi, sconvolto nello scoprire che Batman non lo odia? Non è meravigliosoooo ma quasi, via!


Di Will Arnett (voce originale di Batman/Bruce Wayne), Michael Cera (Dick Grayson/Robin), Rosario Dawson (Batgirl/Barbara Gordon), Ralph Fiennes (Alfred Pennyworth), Zach Galifianakis (Joker), Billy Dee Williams (Due facce), Eddie Izzard (Voldemort), Seth Green (King Kong), Jemaine Clement (Sauron), Channing Tatum (Superman), Jonah Hill (Lanterna verde) e Ralph Garman (Reporter numero 2) ho già parlato ai rispettivi link.

Chris McKay è il regista della pellicola e doppia il pilota Bill. Americano, è al suo primo lungometraggio ma ha diretto episodi della serie Robot Chicken. E' anche produttore, tecnico degli effetti speciali, doppiatore, sceneggiatore e animatore.


Zoë Kravitz è la voce originale di Catwoman. Figlia di Lenny Kravitz e Lisa Bonet, la ricordo per film come X-Men - L'inizio, Mad Max: Fury Road e Animali fantastici e dove trovarli. Anche cantante, ha 30 anni e due film in uscita, tra cui Animali fantastici: I crimini di Grindelwald, dove interpreterà Leta Lestrange.


Tra i doppiatori originali figura anche il conduttore Conan O'Brien, che presta la voce all'Enigmista, e Mariah Carey, che doppia il Sindaco, mentre tra quelli italiani spiccano Claudio Santamaria nei panni di Batman e, ahinoi, Geppi Cucciari in quelli di Batgirl, a mio avviso terribile con quell'accento sardo. Billy Dee Williams, che doppia Due Facce, è stato l'Harvey Dent buono del primo Batman di Tim Burton e, se non fosse stato per l'arrivo di Joel Schumacher (e il conseguente casting di Tommy Lee Jones), avrebbe interpretato anche la versione malvagia del personaggio. Detto questo, se Lego Batman - Il film vi fosse piaciuto recuperate anche The LEGO Movie, di cui questo film è lo spin-off. ENJOY!


15 commenti:

  1. Ho adorato questo film! Mi hai fatto venir voglia di rivederlo! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a dire il vero ho preferito Lego Movie, questo era già un po' più "esagerato" per i miei gusti ma comunque molto divertente :)

      Elimina
  2. Assolutamente concordo. Anche io avevo adorato Lego Movie, questo è effettivamente meno universale ma sempre godibile, trascinato da un protagonista azzeccatissimo. Ora mi guardo Lego NinjaGo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il NinjaGo ispira obiettivamente poco o__O
      Fammi sapere com'è!

      Elimina
  3. Amo questo film perché, come dici, è destinato ai fan di Batman, ma a chi Batman lo conosce in lungo e largo.
    Secondo me il fatto che sia sottoforma di Lego è solo un mezzo, peraltro non necessario, per raccontare una storia che poteva essere fatta anche coi Playmobil, con i disegni, con attori, in cgi o coi segnali di fumo^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente qui non conta com'è fatto Batman (o meglio, con cosa è fatto), quanto piuttosto come viene rappresentato. E il risultato è comunque esilarante!

      Elimina
  4. In questo film il fulcro è la parodia o la citazione di varie opere, la morale (fatti tanti amici, fidanzati, metti su famiglia) invece è messa giusto per far contento chissachì e l'ho trovata forzata, ci hanno speso troppe scene a riguardo.
    Per la parte grafica si sono migliorati con l'uso di qualche nebbia o luce d'atmosfera che sembra poco detto così però fanno la differenza.
    Già a metà mi aveva convinto però sul finale hanno marcato troppo su certi temi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la parodia ci sta tutta. Però boh, forse sono invecchiata e a un certo punto la parodia fine a se stessa mi da anche un po' noia...

      Elimina
  5. Lego Movie doveva uscire per ultimo. Perché è troppo bello, troppo profondo. Tutti i film successivi rischiano di impallidire al confronto. Perché Lego Batman è davvero un ottimo film, anche per chi come non ama i film sui supereroi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, bello ma come hai detto tu... Lego Movie era meravigliosoooo! XD

      Elimina
  6. Citazioni a non finire in un film che mi ha divertito, da morire, dall'inizio alla fine. Non so se ho preferito The LEGO Movie o questo spin-off, li ho adorati entrambi. E sono anche gli ultimi film d'animazione (L'isola dei cani e Anomalisa fanno storia a sè) ad essermi veramente piaciuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mh, sarà che io li ho visti entrambi a casa e non al cinema, non mi hanno colpita tanto quanto avrebbero potuto. Belli, sì, ma ho visto di meglio!

      Elimina
  7. Il primo è certamente migliore, ma questo è ugualmente bello, forse anche più dei film non d'animazione della DC ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah beh io tra Nolan e la Lego... preferisco la Lego XD

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...