giovedì 20 giugno 2013

James Gandolfini (1961-2013)

Il giovedì di solito è il giorno dedicato alle uscite cinematografiche della settimana, ma questo giovedì in particolare è abbastanza triste e scioccante per me.
La prima notizia che mi colpisce come un macigno è quella della morte di uno dei miei attori preferiti, James Gandolfini.
Era in vacanza a Roma, pare, ed è stato colpito da un attacco cardiaco.
Il come e il perché importano poco, morire a 51 anni è sempre una maledetta fregatura.
E così, con un magone così grosso da non riuscire nemmeno a parlare, mi viene in mente l'incredibile bravura e professionalità con cui, per anni, il buon James ha interpretato una delle figure più grandiose della tv americana, il boss Tony Soprano, con le sue fisime, le sue imperfezioni, i suoi attacchi d'ansia.
Mi viene in mente il suo sorriso dolce e minaccioso, quello che precede il devastante pestaggio ai danni della povera Patricia Arquette in Una vita al massimo.
Mi viene in mente il tirapiedi con bambina a seguito di Get Shorty.
Mi vengono in mente 8 MM, The Mexican, L'uomo che non c'era: ruoli ben più sostanziosi ed importanti, a loro modo sempre negativi, perché, diciamocelo, Gandolfini aveva il perfetto phisique du role per essere criminale anche quando impegnato nel ruolo di generale, come ne Il castello.


Ci sono ancora parecchie sue pellicole che devo ancora guardare... ma mi dispiace tantissimo che, a questo lungo elenco di film "mancanti", non potranno più aggiungersene altri.
So long, James.

18 commenti:

  1. Risposte
    1. Come arricchiva lui le pellicole nessuno mai. Persino una mmmerda come The Mexican.

      Elimina
  2. Un attore vero. Sognavo di girare un film con lui come protagonista. Stavo scrivendo la sceneggiatura, pensa.
    Mi mancherà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un attore vero troppo spesso relegato a ruoli di comprimario, purtroppo. Per fortuna la sua bravura lo ha fatto apprezzare comunque.

      Elimina
  3. Ho appreso della notizia proprio sta mattina. Questo è un anno di grandi lutti, maledizione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo siano finiti lì o che comunque non tocchino altri grandi.

      Elimina
  4. Era anche giovane ed era nella città eterna, addio Tony.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto poeticamente, mi viene da sperare che il suo spirito sia felice di poter diventare parte dell'aria di una città così bella.

      Elimina
  5. Ok, andrò prima o poi su I soprano, perché è lì, è un uomo da serie, non da film...Ah, se l'avesse chiamato Scorsese, o Coppola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, se l'avessero "sfruttato" meglio. Ma non importa, guarda, ha fatto meglio lui in anni di Sopranos che tanti attori più famosi e molto meno bravi.

      Elimina
  6. Dopo più di 24 ore ancora non ci credo....è morto qui a Roma……..a casa mia....neanche il tempo di incornarlo, guardalo negli occhi e manifestagli tutta la mia stima. Ci mancherà :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mancherà sì. Sarebbe piaciuto anche a me incontrarlo, un giorno, e fargli i complimenti per tutto!

      Elimina
    2. Quando ho finito i Soprano la prima volta ho sentito un vuoto incredibile......mi sono affezionato agli attori in una maniera viscerale.....grave perdita :(

      Elimina
    3. Ti capisco :(
      Ci rimarrei altrettanto male se venissi a sapere della morte di qualsiasi altro "guaglione" del cast!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...