mercoledì 26 giugno 2013

Killer in viaggio (2012)

Qualche sera fa sono riuscita a recuperare e vedere Killer in viaggio (The Sightseers), film diretto nel 2012 dal regista Ben Wheatley e pellicola che puntavo già da quando ne avevo adocchiato l’uscita USA.


Trama: una ragazza vessata dalla madre tiranna trova finalmente l’amore della sua vita e decide di passare una vacanza in caravan assieme a lui. Peccato che l’uomo, apparentemente tanto gentile, nasconda l’indole di un killer psicopatico…


The power of love. Si potrebbe riassumere così questo Killer in viaggio, ed effettivamente la canzone dei Frankie Goes to Hollywood è parte della bellissima colonna sonora del film e accompagna una delle sue sequenze più riuscite, verso la fine. Per il resto, abbiamo per le mani una simpatica commedia nerissima che si rifà più di una volta all'indimenticabile La signora ammazzatutti di John Waters, con un protagonista "costretto" ad essere killer per imporre quell'educazione che i villici dello Yorkshire paiono aver dimenticato. A differenza del film di Waters, però, questo Killer in viaggio si fregia anche di una protagonista femminile frustrata, priva di personalità e totalmente incapace di fare alcunché, che, se all'inizio parrebbe accettare le pericolose tendenze di Chris per amore, userà in seguito il rosso barbuto come mezzo per prendersi le sue rivincite sulla vita e come modello da superare in follia. Questo è l'unico, fuorviante twist di una pellicola che, per la maggior parte della durata, segue sentieri già battuti ampiamente in precedenza e, pur essendo diretta con maestria (bellissima la scena onirica, inoltre il montaggio è sicuramente dinamico e d'effetto), riesce ad essere divertente e coinvolgente solo a tratti, proprio per colpa di questa sua prevedibilità.


I due protagonisti sono molto affiatati e la maggior parte delle gag vertono ovviamente sul loro rapporto, sulla discrepanza tra la loro apparenza dimessa e sfigata e le loro perversioni (le scene di “sesso” o le messinscene di Tina per eccitare Chris sono da primato!) e sul modo in cui, tempo due giorni, il loro legame diventa simile a quello di una coppia di sposini che si detestano, pur amandosi, reciprocamente: una sorta di Sandra e Vianello psicopatici, insomma. La sequenza più esilarante (anzi, l’unica in cui ho riso davvero pur essendomi anche sentita male) però è quella che rivela che fine abbia fatto il cane Poppy originale e perché la madre di Tina la detesti al punto di dirle che persino la sua nascita è stata un incidente. Interessante infine anche la cornice del viaggio del titolo italiano, che alterna paesaggi e luoghi a dir poco mozzafiato come il Ribblehead Viaduct ad altri più trash e squallidi come il museo dei tram o quello delle matite, così come altrettanto bello da sentire, almeno per chi ama le lingue come me, è il particolare accento dei coinvolti. A maggior ragione, Killer in viaggio sarebbe un film da vedere in lingua originale senza aspettarsi però chissà quale cult o black comedy innovativa… giusto un filmetto simpatico con cui passare la serata.

Ben Wheatley è il regista della pellicola. Inglese, ha diretto film come Kill List e The ABCs of Death (lettera U). Anche sceneggiatore, attore, produttore, addetto al montaggio e agli effetti speciali, ha 41 anni e un film in uscita.


Alice Lowe interpreta Tina ed è anche co-sceneggiatrice del film. Inglese, ha partecipato a film come Hot Fuzz, Kill List e a serie come Little Britain. Ha 36 anni e due film in uscita. 


Steve Oram interpreta Chris ed è anche co-sceneggiatore della pellicola. Inglese, ha partecipato a film come Kill List. Anche compositore, regista e produttore, ha 40 anni e due film in uscita.  

 
Se Killer in viaggio vi fosse piaciuto consiglierei la visione del già citato La signora ammazzatutti, Natural Born Killers e Una vita al massimo. ENJOY!!

16 commenti:

  1. Risposte
    1. Sì sì e devo dire che mi ritrovo più a pendere verso il tuo giudizio rispetto ad altre recensioni straentusiaste che ho letto! XD

      Elimina
  2. a me invece è sembrato parecchio originale, sia per lo stile registico che per il finale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti sono le uniche due cose che me l'hanno fatto apprezzare o, meglio, che lo hanno elevato dalla massa. Per il resto, carino ma nulla di che.

      Elimina
  3. Ma sai che questo me lo ero proprio perso? La prima serata vuota che ho quasi quasi gliela dedico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardalo allora ^^
      Come ho detto, niente di innovativo ma è carino e i due protagonisti sono bravissimi!

      Elimina
  4. Non sono ancora riuscita a vedere questo film lo rimando sempre e porto avanti altre pellicole, devo rimediare!

    http://lovedlens.blogspot.it
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza fretta, che è carino ma non meritevole di tanta attesa :P

      Elimina
  5. Questo è un filmetto che voglio assolutamente recuperare...ho perso la visione in sala sarà mio in home video.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora fammi poi sapere se ti è piaciuto!

      Elimina
  6. sono indeciso potrebbe piacermi,anzi lo dico subito che la canzone dei frankie goes hollywood essendo una della mie preferite mi farà commuovere a manetta,ma ..boh...effettivamente il grottesco non è mai stato nelle mie corde eh!
    Diamogli un'occhiata va ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' inserita in una sequenza che POTREBBE far commuovere. Guardalo e fammi sapere!!

      Elimina
  7. Io la odio la "Sinora Ammazzatutti". Speravo che sciattasse lei, ed invece no!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhh allora odierai fino alla morte Killer in viaggio!!

      Elimina
  8. ohibo' ma ci sono due poison? Clonazione? a me questo film è piaciucchiato non mi ha entusiasmato come il precedente Kill List ma mi ha divertito parecchio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' l'invasione degli ultraPoison :PP
      Comunque adesso mi recupero Kill List!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...