domenica 6 ottobre 2013

Bollalmanacco On Demand: Paganini Horror (1989)

Oggi il Bollalmanacco On Demand, la rubrica in virtù della quale potete farmi recensire QUALSIASI film vi passi per la mente, vira sul trash pesante. Il crudele Rosario, infatti, mesi orsono mi sfidò a riguardare l'Urendo Paganini Horror, diretto nel 1989 dal regista Luigi Cozzi... ed ecco la recensione di siffatto capolavoro! Prossimamente, esaudirò invece la richiesta del cugino Mauro con la doppia visione di The Wicker Man e The Wicker Tree. ENJOY!!


Trama: i membri di un gruppo musicale in crisi d'ispirazione entrano in possesso di un misterioso spartito di Paganini e ne ricavano una canzone. Decisi a girare il video all'interno di una villa abbandonata, non sanno che cominceranno a venir perseguitati dallo spirito del diabolico musicista...


Perché, Signore, PERCHE' ho dovuto rivedere questo indicibile orrore che già una volta mi aveva ammorbata fino all'inverosimile? Paganini Horror è rumenta allo stato puro, noioso come un filmino delle vacanze di Patty e Selma, incredibilmente pretenzioso, girato con i piedi, sceneggiato con i gomiti e recitato con il chiulo. In generale, vi posso dire che buona parte della pellicola presenta una fotografia virata sul blu per dare l'illusione che sia notte mentre probabilmente lo avranno girato di giorno (e con i cani che abbaiano costantemente in sottofondo...), cosa che già di per sé causa male agli occhi e mette addosso una rara tristezza. Gli effetti speciali sono pochi ma imbarazzanti, a farla da padrone sono i fulmini blu, sempre blu, il colore della depressione, disegnati su film per rappresentare le scosse elettriche mentre il fantasma è una mummia secca o forse uno zombie con un costume di carnevale, non so cosa diamine c'entri con Paganini. Solo per fare un esempio, anche il primo omicidio è imbarazzante: il sangue schizza sui muri a brettio e fa addirittura esplodere le lampadine, tanto per. La recitazione, come ho già accennato, accompagna degnamente questi difetti già abbastanza influenti. Daria Nicolodi, anche sceneggiatrice, porta a casa la performance più dignitosa, nel senso che vaga per il set con la faccia di chi non sa bene perché diamine sia finita lì, mentre le due inguardabili co-protagoniste (ovviamente doppiate) parlano o, meglio, urlano come la Feliciana di Lucia Ocone. Del povero Donald Pleasence non vorrei nemmeno parlare ma perché graziarlo solo in virtù delle sue collaborazioni con Carpenter? L'attore getta alle ortiche la sua dignità appena messo piede su una gondola, accarezzando come un minchione un sacco pieno di soldi che poi porterà in cima a una torre da dove li getterà ripetendo come un mentecatto "piccoli diavoli, piccoli diaaavoli...". Santo cielo.


Se ancora non vi basta l'infarinatura del paragrafo precedente, scenderò nel dettaglio e vi parlerò delle cose che mi hanno colpita di più. Innanzitutto, sappiate che "le musiche" sono state scritte nientemeno che dal Maestro Vince Tempera e che, soprattutto, la prima canzone del patetico trio di mentecatte non è altro che un plagio nemmeno tanto velato di You Give Love a Bad Name di Bon Jovi: ora, io ho voluto concedere il beneficio del dubbio a Vince e ho cercato su uichipidia in quale anno Giovanni Bongiovanni avrebbe pubblicato il suo successo, magari credendo di non venire sgamato ha saccheggiato questo capolavoro dell'horror italiano e... no, niente, la canzone è del 1986. 1 a 0 per il biondo Bon Jovi. Messe da parte le musiche, cosa serve per la buona riuscita di un film? Sceneggiatura e dialoghi, se sono buoni, nobilitano anche un'interpretazione scadente, no? E infatti. Parlando della sceneggiatura, vi dico solo che ad un certo punto le protagoniste capiscono di essere finite in una bolla spazio-temporale e, giusto per affermare questo concetto, sui muri della casa compaiono foto di Einstein e la formula della teoria della relatività. Quando avrete capito come e quando Paganini e il vecchio Albert sono entrati in contatto me lo spiegate, grazie.


E tra corde di violino ricavate da intestini umani (eh?), fantozziani scambi epistolari tra Paganini e Satana (eeh?), gente che si stupisce perché la voce di Kate viene dalla stanza dove si è aperta la voragine dentro cui è caduta Kate (eh fai un po' te...), la manager che, dopo averlo visto una volta in un documentario, riconosce un fungo assassino che esisteva SOLO nel '700 e SOLO all'interno del legno utilizzato per costruire violini (vabbé...) e un finale da antologia della cagata, spuntano anche dei dialoghi che superano in deficienza quelli di qualsiasi trailer di Maccio Capatonda: "Questa è una casa stregata! Ci dev'essere un tremendo segreto dietro queste mura!" "Hai ragione. E' come una maledizione!!" Oddio... "C'è qualcosa di folle in questa casa, qualcosa di MOSTRUOSO! Il tempo e lo spazio qui sono alterati!!". E la Nicolodi, al massimo della furia, cosa pensa di urlare alla mummia Paganinesca? "Spirito del male... TI DETESTOOOO!!" Ma poveraccio, se lo minacciavi pure di togliergli il violino di Barbie eri uguale alla MMadreee di Jean Claude. Ragazzi, Paganini non ripete e nemmeno io: mai più riguarderò 'sta schifezza di Paganini Horror, nemmeno se ne andasse della mia vita.


Di Daria Nicolodi (interprete di Silvia e co-sceneggiatrice del film) e Donald Pleasence (Pickett) ho già parlato ai rispettivi link.

Luigi Cozzi è il regista e co-sceneggiatore della pellicola. Nato a Busto Arsizio, ha diretto film come Ercole, Nosferatu a Venezia e Il gatto nero. Anche sceneggiatore, attore e produttore, ha 66 anni.


Jasmine Maimone (accreditata come Jasmine Main) interpreta Kate. Di lei si hanno poche notizie ma siccome è stata Miss Roma nel 1983 dovrebbe essere originaria della Capitale e ora potrebbe avere quasi 50 anni. Oltre a Paganini Horror ha partecipato anche a film come Vacanze di Natale, Demoni e Il gatto nero.


Tra gli altri “interpreti” (e chiamiamoli così…) segnalo anche la presenza, nei panni di una delle tre sgallettate, di tale Luana Ravegnini, showgirl diventata famosa negli anni ’90 soprattutto per essere stata fidanzata con Claudio Lippi. Invece, la ragazzina che all’inizio si diletta a fulminare la povera mamma nella vasca è la figlia di Luigi Cozzi, Giada. Se, dopo questa recensione, deciderete di recuperare comunque Paganini Horror e vi dovesse anche piacere, buttatevi senza indugio su Il bosco 1. ENJOY!



22 commenti:

  1. Noooooo!
    Questa mi mancava :D
    Sembra una trashata alla Yotobi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi stupirei se non lo avesse mai recensito! XD

      Elimina
  2. Comunque una Giustizia Divina esiste... il nostro "amatissimo" Cozzi ora lavora come commesso nel negozio "Profondo Rosso" dell'amico Dario, sito qui in Roma! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'avevo letto da qualche parte e se riuscirò ad andare a Roma il mese prossimo passerò di lì per rendergli omaggio! :-)

      Elimina
  3. P.S. nella filmografia di Cozzi hai dimenticato di citare i "capolavori" "Star Crash - Scontri Stellari oltre la 3° dimensione" e "Alien Contamination", pellicole che hanno rivoluzionato il concetto di "science-fiction" all'italiana! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho citato solo quelli che ho visto, pietà! :P La mia cultura in ambito trash-scifi non è così vasta... ancora! XD

      Elimina
  4. beh, adesso devi farti anche Kinski Paganini e Nosferatu a Venezia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nosferatu a Venezia l'avevo visto tempo addietro, ahimé! XD Kinski Paganini non so se me la sento, credo sia troppo trash anche per me! :P

      Elimina
    2. per come l'hai descritto, non può essere più trash di Paganini Horror

      Elimina
    3. Non saprei, ricordo che entrambi erano nell'elenco dei 100 film più trash della storia stilata da Ciak in tempi non sospetti e ti dirò che affrontare il pazzo Klaus assieme all'allora moglie Deborah Caprioglio (per l'occasione Deborah Kinski) mi mette ansia XD

      Elimina
  5. Dovrei ancora possedere una vhs buttata da qualche parte di questa ciofeca.
    Paganini Horror fa parte di quel gruppo di pellicole interpretate dal povero Pleasance esclusivamente a fini "alimentari"- e si vede!
    Mentre sulla performance della Nicolodi...stendiamo un velo pietoso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coraggioserrimo! Pensa che io ne ero venuta a conoscenza grazie a un amico che, all'epoca, mi spacciava brutture italiane horror. Non mi aveva procurato Paganini Horror ma me ne aveva scritta una mini-recensione su carta che avrei voluto riportare per intero nel post ma che si è nascosta in qualche meandro di casa mia e rifiuta di uscire, purtroppo!!
      Povero Pleasence... e povera Daria!!

      Elimina
  6. Dovrei ancora possedere una vhs buttata da qualche parte di questa ciofeca.
    Paganini Horror fa parte di quel gruppo di pellicole interpretate dal povero Pleasance esclusivamente a fini "alimentari"- e si vede!
    Mentre sulla performance della Nicolodi...stendiamo un velo pietoso.

    RispondiElimina
  7. potrebbe essere usata come arma di tortura codesta pellicola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che l'avevo fatta anche rientrare nei 10 film con cui uccidere i nemici XD

      Elimina
  8. Yuppiduuu! E conosco anche gggente che ci trova dei meriti.
    E poi,attenzione a parlar male del trash orror italiano. "KArgento c'ha vinto ben due premioni della critica specializzata ad un importante festival americano, con la sua ultima cagata....

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. Mah sì, ho letto e non ho compreso molto bene, nel senso che non ci ho voluto credere!
      Comunque io non ne parlo male, sotto sotto lo amo. Il problema è che Paganini Horror va oltre il trash e sconfina nella noia e nella scempiaggine, e ciò è male.

      Elimina
  10. Congratulazioni per aver avuto il fegato di (ri)guardare uno dei più brutti film della storia del cinema. Credo di aver visto ben poco di peggio di questa accozzaglia di minch##te a nastro. E ti assicuro che ne ho viste parecchie.
    Devo però anche ammettere che mi ha regalato un bel po' di risate. Su tutte quella fantastica canzone-plagio di Bon Jovi. Ma davvero pensavano che non se ne sarebbe accorto nessuno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha grazie ma non si può vivere solo di film belli, ogni tanto è salutare ridere di qualche belinata come Paganini Horror (che, per inciso, mi ha più annoiata che divertita).
      Quanto a Bon Jovi stendiamo un velo pietoso... XD

      Elimina
  11. Ce l'abbiamo in hard disk da secoli,quello che manca è il coraggio per affrontare la visione XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vi consiglierei di togliere la roba importante dall'hard disk e poi farlo brillare! XD

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...