lunedì 30 marzo 2015

Black Power: Candyman - Terrore dietro lo specchio (1992)


Questo mese grazie alla mente eclettica di Alessandra di Director's Cult e agli sforzi congiunti del dinamico gruppo di Blogger più figo del web abbiamo organizzato (in occasione dell'anniversario della marcia di Selma) una celebrazione del Black Power, ovvero di registi, sceneggiatori e attori di colore più o meno conosciuti. Siccome avevo già recensito il bellissimo e sottovalutato La casa nera di Wes Craven, ambientato in un ghetto "nero", ho deciso di omaggiare il babau di colore per eccellenza e parlare di Candyman - Terrore dietro lo specchio (Candyman), diretto e co-sceneggiato nel 1992 dal regista Bernard Rose e tratto dal racconto The Forbidden di Clive Barker. ENJOY!


Trama: Helen sta scrivendo una tesi sulle leggende metropolitane e scopre che dietro quella concernente Candyman, un assassino armato di uncino, potrebbe nascondersi qualcosa di vero. La donna decide così di indagare nel ghetto dov'è nata la leggenda ma presto le persone attorno a lei cominciano a venire uccise in modo brutale...



Erano tanti anni che non riguardavo più Candyman e sono molto contenta di averlo recuperato per questa celebrazione del Black Power. Il motivo che mi ha spinta a scegliere questo piuttosto che altri horror come, che so, Blacula, risiede molto prosaicamente nel desiderio di ascoltare la sensualissima e profonda voce di Tony Todd, passato alla storia dell'horror per aver interpretato questo terribile e vendicativo assassino sovrannaturale, ma guardandolo mi sono resa conto di aver azzeccato in pieno il tema "Black Power". La leggenda di Candyman inizia infatti durante il periodo della schiavitù e affonda le radici in una classica storia d'amore "proibito" tra un artista di colore (probabilmente già malvisto dai bianchi per la sua condizione di nero privilegiato) e la bella figlia di un committente bianco che, scoperta la tresca, decide di porvi rimedio nel modo peggiore e condannare il pittore a subire inenarrabili torture prima di ucciderlo. Come spesso accade nelle società più povere ed arcaiche, la verità si tinge di fantasia e la storia di questo amante sfortunato si trasforma col tempo e il passaparola in una "favola della buonanotte" a tinte horror per tenere buoni i bambini mentre l'artista a cui è stata mozzata una mano diventa un mostro armato di uncino a cui bisogna tributare rispetto, doni, venerazione, tramandando la sua leggenda e rendendolo, di fatto, immortale. Potere nel sangue, potere nell'accettazione dell'irreale, potere nel rispetto delle tradizioni, potere nella PAURA che diventa naturale veicolo di immobilità sociale: ecco le forze che governano tacitamente il ghetto chiamato Cabrini Green dove, diciamocelo, Helen va a ficcare il naso portando con sé la sua supponenza di bianca colta, oltre che la sua errata convinzione di essere una donna forte, razionale ed indipendente. La laureanda, che non bada a niente e a nessuno pur di scrivere una tesi sensazionale, richiama così sulla piccola comunità di colore un'infinita serie di guai, scatenando l'ira di chi non accetta di essere razionalizzato e liquidato come semplice "fantasia".


Il bello di Candyman, ovviamente, è che questa è un'interpretazione, quella che ho sposato dopo essere stata ipnotizzata come Helen dalle parole e dalla voce suadente e terribile di Tony Todd. A differenza della maggior parte degli horror attuali, infatti, il film di Bernard Rose offre una miriade di chiavi interpretative e ben poche spiegazioni, tutto dipende dall'intenzione o meno dello spettatore di vedere la storia di Candyman come il parto irrazionale di una mente malata oppure una reale incursione del sovrannaturale nella quotidianità. Certo, la seconda opzione è molto più affascinante a mio avviso: immaginare la comunità di Cabrini Green "controllata" dall'occhio onnisciente di un'entità nascosta all'interno degli specchi, pronta a colpire al minimo segno di "sfiducia" nei suoi confronti, è una squisita tortura in grado di regalare notti insonni e di portare alla follia superstiziosa. D'altronde è impossibile restare ancorati alla realtà guardando Candyman perché la regia di Bernard Rose è talmente bella e curata (i primi piani della protagonista, la sequenza dell'autostrada all'inizio, il funerale alla fine sono di una finezza incredibile) che sembra davvero che gli incubi possano infrangere la barriera che li separa dalla nostra quotidianità: gli specchi, i buchi nei muri, la bocca gigantesca del murales di Candyman, il palazzo diroccato di Cabrini Green, che sembra quasi un alveare, gli occhi sconvolti di una bravissima Virginia Madsen sono tutte porte attraverso le quali Candyman può tranquillamente arrivare a noi per trascinarci nelle tenebre. Non lo farà in modo gentile, nonostante Tony Todd riesca a conferire al personaggio una sensualità perfetta per le tipiche atmosfere morbose dei racconti di Clive Barker, anzi. Ci metterà forza, impegno e sudore, la stessa impiegata dal convintissimo attore per sventrare le sue vittime nel modo più sanguinoso possibile, come Bernard Rose si pregia di mostrare in poche sequenze gore ad altissimo impatto, prima di cullarci nell'ingannevole e quasi poetico score composto da Philip Glass. E sarà un'esperienza indimenticabile, in grado di meravigliare ed entusiasmare anche chi, come me, non credeva più di potersi ancora emozionare per un horror.


Volete continuare a celebrare il Black Power coi miei Fratelli Blogger? Andate ai link che trovate sotto e buon divertimento!

White Russian
Non c'è paragone
Director's cult
Recensioni Ribelli
Scrivenny
Prevalentemente Anime e Manga
Solaris
Pensieri Cannibali


28 commenti:

  1. Ci sono pochissimi film horror più "autoriali" di questo. È un oggetto davvero strano, perché a raccontarlo sembra il solito pseudo slasher con il babau nascosto dietro gli specchi. Poi lo analizzi un po' più a fondo e ci trovi dentro miriadi di suggestioni e spunti,
    E poi sì, è tremendamente emozionante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, infatti non ero molto convinta di volerlo rivedere perché solitamente non amo gli slasher. Ma Candyman conquista fin dalle prime battute, da quei titoli particolari con la musica in sottofondo e si capisce subito che non si ha davanti un horror come gli altri.
      Alla fine, poi, si rimane senza fiato!

      Elimina
  2. Ma sai che non l'ho mai visto!?
    Mi sa tanto che urge un recupero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero?! Avrei detto che Candyman l'avesse visto praticamente chiunque, soprattutto un cinefilo come te!
      Allora recuperalo e fammi sapere se ti è piaciuto :D

      Elimina
  3. Lo diciamo? filmone ;-) Tony Todd un mito, ottimo commento e buon black Power day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E diciamolo, dai! :P Grandissimo Tony!

      Elimina
  4. L'ho visto un annetto fa e sinceramente non mi aveva impressionato più di tanto, nonostante gli specchi nei film horror mi facciano una paura fottuta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che provare paura, ho provato un senso di fascinazione e inquietudine, che mi hanno intrigata molto di più :)

      Elimina
  5. Ci credi che non l'ho mai sentito nominare? Dovrò recuperarlo.

    RispondiElimina
  6. Me ne hanno parlato... ma non l'ho mai visto. Alcune immagini sono belle inquietanti per i miei gusti mollicci :) hehehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah ma non autodefinirti molliccio, suvvia!! :P
      Rischi di perderti delle chicche... u__u

      Elimina
  7. Che sei andata a ripescare!
    Qualche mese fa ho letto il racconto di Clive Barker che ha ispirato il film e devo dire che secondo me è meglio della pellicola. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il racconto è contenuto nei Libri di sangue, vero? Speravo li ristampassero tutti in Italia ma si sono fermati al secondo volume -.-

      Elimina
    2. Sì.
      Si trovano soltanto nelle librerie d'usato.
      Finora sono riuscito a recuperarne cinque su sei, ma il sei mi sfugge.
      Comunque Candyman è un gran bell'horror con i fiocchi. :-)

      Elimina
    3. Eh, ho guardato un po' su ebay qualcosina si trova. Ma a 'sti punti, visto le edizioni bruttarelle, medito di acquistare gli ebookki inglesi su Amazon e sbattermi un po' nella lettura in lingua originale...

      Elimina
  8. Giuro che non riesco a ricordarmi se questo film l'ho visto. Mi sembra di sì, tipo una quindicina d'anni fa, ai tempi in cui Notte Horror era una figata di programma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente questo a Notte Horror è passato un paio di volte. Io ho però avuto la sfortuna di vedere prima il secondo poi questo, rimanendo un po' sfalsata...

      Elimina
  9. Mai sentito nominare prima...
    quasi quasi lo recupero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi state sconvolgendo, giuro XD
      Recupera, allora!

      Elimina
  10. Ricordo che mi era piaciuto questo film.poi era inusuale vedere un protgonista nero in un horror e avevo apprezzato l'originalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' effettivamente inusuale, sia il protagonista che la realizzazione.

      Elimina
  11. Urca che ricordi!
    L'ho visto al tempo delle medie in cui fingevo di avere coraggio: non mi sono avvicinata agli specchi per settimane, immagina il risultato :) E lo sconvolgimento è proseguito nel sentire miei nonni raccontarne tranquillamente la trama qualche tempo dopo, pure loro lo avevano beccato e visto fino alla fine in TV!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaah grandissimi nonni impavidi che affrontano gli horror meglio di quanto facciamo noi :P

      Elimina
  12. I migliori horror sono quelli che riescono a lasciare le cose in sospeso, senza far capire bene se quello che è successo è reale o è il parto di una mente malata o troppo fantasiosa. Quelli che devono buttare tutto sullo splatter è perché mancano di spunto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indicativamente ti darei ragione, anche perché gli horror come Candyman sono quelli che preferisco... ma anche lo splatter, se fatto con criterio, da delle gioie :P

      Elimina
  13. Mente eclettica, onorata per il complimento! Candyman ammetto che mi ispira per la voce seeeeeexy più che per l'horror in sé! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh Tony Todd ha una voce che scansati!!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...