martedì 9 luglio 2013

Shakespeare a colazione (1987)

L’ignoranza, che brutta bestia! Personalmente, non avevo mai sentito nemmeno nominare il film Shakesperare a colazione (Withnail & I), diretto nel 1987 dal regista Bruce Robinson e tratto da un suo romanzo mai pubblicato… però, leggendo questo titolo tra i soliti consigli del sito GetGlue mi sono incuriosita e per fortuna!


Trama: Withnail e Marwood sono due attorucoli falliti, senza prospettive di impiego presenti o future. Stanchi della vita londinese, decidono di andare per un periodo nel casolare di campagna dello zio di Withnail, portando come unico bagaglio alcool, fisime e problemi…


Shakespeare a colazione è una commedia nerissima zeppa di humour e wit inglesi, due elementi che apprezzo sempre tantissimo. Attraverso la voce narrante di Marwood (menzionato nei titoli di coda come l’and I del titolo originale, alter ego del regista nonché immagine sputata di John Lennon in alcune sequenze... Non a caso, il film è prodotto da George Harrison) ci vengono raccontate le vicende surreali dei due protagonisti, le cui vite scorrono quotidianamente immerse in un vortice di alcool e stupefacenti, costellate da personaggi borderline e al limite del caricaturale. Dei due, nemmeno a dirlo, il più folle è Withnail, un guitto totalmente fuori dal tempo, perfetta incarnazione dell’idea di “poeta maledetto”, di attore per cui non esiste distinzione tra realtà e palcoscenico, costantemente ubriaco o fatto di qualsiasi sostanza e, per questo, assolutamente imprevedibile, come purtroppo scoprirà a sue spese il povero Marwood. L’interazione tra i due porta a delle sequenze esilaranti, soprattutto quando tra loro si metterà lo zio gay di Withnail (un insospettabile Richard Griffith nei panni di un personaggio ispirato, pare, a Zeffirelli, che durante le riprese di Romeo e Giulietta avrebbe fatto avances parecchio esplicite al regista, che interpretava Benvolio) oppure quando verrà il momento di interagire con gli autoctoni della campagna inglese.


Come in tutte le migliori commedie nere, tuttavia, oltre agli abbondanti momenti comici c’è anche una solida vena negativa e malinconica che, se nel corso del film viene “dissimulata” ma aleggia come un’ombra sui due protagonisti, nello splendido finale torna a galla in tutta la sua intensità, lasciando allo spettatore l’inevitabile amaro in bocca e segnando la definitiva separazione tra i due protagonisti: Marwood, per quanto influenzato dall’amico, è comunque un uomo “moderno”, in grado di scendere a compromessi e adattarsi per poter sopravvivere, mentre Withnail rimarrà per sempre ancorato al 1969 e alla sregolatezza di quegli anni nonostante si stiano per aprire le porte di un’altra epoca, come rimarcato tristemente dal tossico Danny (anche se nel romanzo il destino di Withnail è definitivo e ben peggiore…). Comunque, non è certo solo nel commovente finale che si può apprezzare l’incredibile bravura dell'attore Richard E. Grant: una scheggia impazzita che salta disinvoltamente dal rispetto della sceneggiatura all’improvvisazione, un astemio costretto ad interpretare un ubriacone, un personaggio profondissimo e allo stesso tempo cialtrone, che non sfigurerebbe affatto accanto ad altri "disadattati" cult come, per esempio, Drugo Lebowski o Capitan America e Billy. Altro non dico per non rovinare il gusto della visione. Fate come me, affidatevi all'istinto e, se non l'avete mai fatto, godetevi questo Shakespeare a colazione, rigorosamente in lingua originale!


Di Richard Griffiths, che interpreta Monty, ho già parlato qui.

Bruce Robinson è il regista e sceneggiatore della pellicola, inoltre compare nei panni del barista del pub londinese. Inglese, ha diretto altri tre film, ovvero Come fare carriera nella pubblicità, Gli occhi del delitto e il recente The Rum Diary – Cronache di una passione. Anche attore, ha 67 anni.


Richard E. Grant (vero nome Richard Grant Esterhuysen) interpreta Withnail. Originario dello Swaziland, lo ricordo per film come Come fare carriera nella pubblicità, Pazzi a Beverly Hills, Hudson Hawk – Il mago del furto, Dracula di Bram Stoker, L’età dell’innocenza, Ritratto di signora, Gosford Park e The Iron Lady, inoltre ha lavorato come doppiatore in La sposa cadavere e partecipato alla serie Doctor Who. Anche regista e sceneggiatore, ha 56 anni e due film in uscita.


Paul McGann interpreta Marwood. Inglese, ha partecipato a film come L’impero del sole, Alien3, I tre moschettieri e La regina dei dannati. Ha 54 anni.


Ralph Brown interpreta Danny. Più volte nominato sul Bollalmanacco, non ha mai avuto il solito trafiletto tutto per lui, quindi rimedio ora. Inglese, ha partecipato a film come Alien3, La moglie del soldato, Fusi di testa 2 – Waynestock, L’esorcista – La genesi, Dominion: Prequel to the Exorcist, I Love Radio Rock, Stoker, Il cacciatore di giganti e alla serie Dallas. Anche sceneggiatore e produttore, ha 56 anni e due film in uscita.


Il ruolo di Withnail era stato offerto a Daniel Day-Lewis, che però ha rifiutato, mentre tra gli altri attori presi in considerazione c’erano anche Kenneth Branagh e Bill Nighy, quest’ultimo molto amico del regista. Per concludere, se Shakespeare a colazione vi fosse piaciuto, consiglierei di buttarvi su uno qualsiasi dei film di Wes Anderson. ENJOY!!

14 commenti:

  1. Mi ispira tantissimo :)
    Lo metto subito sulla lista dei film da vedere entro subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai!
      Aspetto la recensione allora!

      Elimina
  2. Me gusta parecchio...lo voglio proprio vedere. Mi fido di te Bollina ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fidati, fidati, secondo me ti piacerà!

      Elimina
  3. Forse ma forse...puo' non dispiacermi.
    Lo devo recuperare se esiste doppiato,pero'...che Dolcetesso' e' allergica all'originals..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confermo che esiste doppiato, quindi recupera tranquillo!

      Elimina
  4. uh mamma. Cosa sei andata a ripescare.
    Lo vidi al cinema quando uscì, ti dico solo questo.
    E, considerati gli anni che sono passati, mentirei se dicessi che me lo ricordo bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non lo avevo mai nemmeno sentito nominare, ma un'amica che sta in Inghilterra è rimasta entusiasta quando ha saputo che lo stavo guardando XD

      Elimina
  5. Ignorante anche io, dunque.
    L'ho sentito nominare, perché il titolo non mi suona nuovo (e infatti scopro che ne ho un piccolo approfondimento sul un libro di cinema che possiedo) ma non l'ho mai visto.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi consolo allora, pensavo di essere una dei pochi a non conoscerlo :P

      Elimina
    2. Il cinema è un mondo così vasto (e che amo) che è impossibile conoscere tutto.
      Poi, diciamo che io da sempre sono più orientato verso altri lidi... quindi ho lacune per quanto riguarda alcune cose (ad esempio tutta la hollywood contemporanea fatta di cinecomix ecc)

      Moz-

      Elimina
    3. Guarda, anche ad impegnarsi io credo sia matematicamente impossibile persino per chi è appassionato conoscere proprio tutto.
      A me mancano film talmente fondamentali che solo a pronunciarne i titoli mi vergogno XD

      Elimina
  6. Visto recentemente.
    Mi è abbastanza piaciuto :)

    RispondiElimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...