sabato 5 ottobre 2013

Kate Winslet Day - Creature del cielo (1994)


Oggi è il Jean Claude Van Damme Day. Cioè, avrebbe dovuto esserlo e invece stiamo festeggiando il Kate Winslet Day. Non che mi dispiaccia la Kate come attrice, per carità, è una delle migliori in circolazione, ma da qui a dire che è una delle mie preferite ne passa (la verità è che non le ho mai perdonato Titanic ecco, l’ho detto). Comunque, il Day è stata la scusa, oltre che per festeggiare l’ex pagnottosa miss Winslet, che oggi compie 38 anni, anche per guardare un film che puntavo da tempo, ovvero Creature del cielo (Heavenly Creatures), diretto nel 1994 dal regista Peter Jackson.


Trama: il film romanza la vera storia di Pauline Parker e Juliet Hulme, due adolescenti legate da un’amicizia talmente forte e totale da portarle a crearsi un mondo tutto loro, che proteggeranno fino alle estreme conseguenze.  


Creature del cielo è il primo film che vede protagonista la giovane Kate Winslet, all’epoca diciannovenne sebbene interpretasse una quindicenne, l’intelligente e affascinante Juliet o Deborah, come comincerà a chiamarla Pauline. Il personaggio della Winslet ci viene descritto da Peter Jackson come un raggio di sole nella monotona e solitaria vita della proletaria Pauline, una principessa inglese coccolata e viziata dai genitori, ricca non solo in senso economico ma anche dotata di cultura ed incredibili capacità artistiche che spaziano dall’arte alla scrittura. Il modo in cui la Winslet entra in scena, presentandosi con un impeccabile quanto saputello accento inglese e correggendo l’insegnante di francese, è abbastanza memorabile e cattura subito sia lo spettatore che Pauline, favorendo l'immedesimazione con la discutibile protagonista. Mano a mano che la pellicola prosegue, però, ci accorgiamo di quanto Juliet, per quanto ricca, colta e affascinante, sia soprattutto cagionevole di salute, fragile, insicura ed emotivamente instabile, in grado di passare da momenti di estrema euforia ad altri di incredibile prostrazione che la giovane amica e compagna Pauline non sarà in grado di affrontare, riuscendo solo a fomentarli. L’interpretazione della Winslet è effettivamente straziante a tratti, spesso supera in qualità quella della co-protagonista e rende difficile per lo spettatore distaccarsi completamente dall’empatia che viene a crearsi verso questa ragazzina pazza e contemporaneamente innocente, un’autoproclamatasi “heavenly creature” troppo debole per vivere in una realtà priva della perfezione e del glam che le due amiche sognano.


E ora, due parole anche per Creature del cielo nel suo insieme. Jackson, aiutato dalla moglie Fran Walsh, riesce a prendere una tragica storia di cronaca e a trasformarla nella favola nera di due adolescenti allo sbando, immergendo gli spettatori in un mondo fantastico e vintage, scandito dalle note delle canzoni del tenore Mario Lanza, l'idolo delle due ragazze (in netto contrasto con Orson Welles, visto come un uomo nero terribile e allo stesso tempo sexy). La realtà insoddisfacente lascia spesso il posto al regno immaginario di Borovnia, dove Juliet è la principessa Deborah e Pauline è dapprima il principe Charles e poi la bella zingara Gina, un mondo popolato da semoventi statuette di argilla a grandezza naturale perfettamente animate dalla WETA; tutto ciò che le protagoniste vivono nella realtà viene romanzato in questo mondo fantastico dove, di fatto, vengono annullate le delusioni sentmentali, legittimate le loro pulsioni omosessuali e anche quelle omicide, incarnate dalla terribile figura di Diello, figlio adolescente dei regnanti. Jackson mette al servizio di Creature del cielo la sua esperienza di regista horror/fantasy, riuscendo nell'intento di mescolare commedia e tragedia, fantasia e realtà in maniera completamente inedita e, soprattutto, molto disturbante. Per buona parte del film, infatti, i toni sono quelli del romanzo di formazione e della favola ma verso il finale, subdolamente, l'atmosfera diventa assai simile a quella di un horror, il punto di vista della madre di Pauline viene fatto percepire maggiormente e, di conseguenza, lo spettatore comincia a ricordare qual è il fulcro da cui è partita la vicenda di Creature del cielo... ma lo stesso non può smettere di provare pena per le due protagoniste, come dimostra lo straziante finale che mi ha lasciata in lacrime, sconfitta. E pensare che, fino a quel momento, Jackson era stato il regista splatter-demenziale per eccellenza. Alla faccia dello schiaffo morale, eh! Se non lo avete mai visto, dunque, recuperate Creature del cielo e continuate a festeggiare il Kate Winslet Day con...

Contagion (2011) dove la brava Kate interpreta una coraggiosa quanto sfortunata dottoressa.

Carnage (2011), moglie frustrata del fastidioso ma bravissimo Christoph Waltz in una prova di recitazione da Oscar.


Comic Movie (2013) lo spreco di talento in un film imbarazzante!


E con le recensioni degli altri blogger che hanno partecipato all'operazione! ENJOY!

Director's Cult
In Central Perk
Recensioni ribelli
Scrivenny 2.0
White Russian
Movies Maniac
Bette Davis Eyes
Combinazione Casuale
Pensieri Cannibali
Montecristo
Dal romanzo al film


32 commenti:

  1. Ottimo film, ne ho un ricordo affascinato ed inquietante ad un tempo.

    Buon Van Damme Day! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon Van Damme Day anche a te! XD

      Elimina
  2. Questo film mi manca, lo inserisco nella lista di quelli da vedere ASAP! Comunque io, piuttosto che Titanic, alla Winslet non perdonerei mai Comic movie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comic Movie è incommentabile! XD

      Elimina
    2. Però il gargarozzo palloso di Hugh Jackman ipnotizza, stavo andando il fissa! XD
      Questo film mi manca assai, e mi manca soprattutto Peter Jackson che faceva i film dementi e i film interessanti. Buon KWD!

      Elimina
    3. Ahahah effettivamente è ipnotico!
      Allora recupera tutto il vecchio Peter Jackson perché merita tantissimo!

      Elimina
  3. Lo vidi che ero ancora alle medie, ne ho un ricordo troppo offuscato XP a questo giro faccio davvero schifo...

    Buon Kate Winslet Day ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un buon motivo per recuperarlo allora!
      Buon Jean Claude ehm... Kate Winslet Day! :)

      Elimina
  4. Devo rivederlo ma ricordo che all'epoca mi piacque parecchio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi pento di non averlo visto prima!

      Elimina
  5. Anche qui chiedo il permesso per aderire, Kate Winslet è una delle mie attrici preferite da sempre, credo di aver visto quasi tutti i suoi film...era splendida persino nel terribile "Jude" (non so se l'hai visto, in caso non l'abbia visto non te lo consiglio affatto!!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, partecipa pure e poi commentami il link così lo inserisco!

      Elimina
    2. http://dalromanzoalfilm.blogspot.it/2013/10/kate-winslet-day-jude-1996.html
      eccolo qui!

      Elimina
  6. Buon KWD!
    Devo recuperare questo film. Dai che con Van Damme recupereremo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, speriamo, ché un Day all'insegna della tamarreide ci starebbe :)

      Elimina
  7. Ma ma... Mi piace tanto la Kate e continuo a imbattermi in film che non ho visto. Uff. Questo però intriga parecchio, la possibilità gliela do!

    Buon KWD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma assolutamente, è uno dei film più belli che ho visto con lei come protagonista!
      Buon KWDay anche a te!

      Elimina
  8. Mitico film, ottima scelta. Buon KWD

    RispondiElimina
  9. Il finale mi tormentò per giorni. Peccato che Jackson si sia rincoglionito inseguendo elfi e fatine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei finali più belli e terribili mai scritti/girati. Anch'io preferivo il vecchio Jackson ma le sue saghe Tolkeniane mi piacciono assai!

      Elimina
  10. Assolutamente da recuperare.
    Buon KWD :)

    RispondiElimina
  11. bel film, un peter jackson intimista che ha fatto da anticipazione al mio amato amabili resti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi accorgo solo ora di non averlo citato nella recensione, e sì che i due film hanno parecchi punti in comune. Mea culpa! :(

      Elimina
  12. Questo mi manca, accidenti, e la tua recensione è elettrizzante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! :)
      E mi raccomando, recuperalo!

      Elimina
  13. Film bellissimo e agghiacciante. Qualche anno fa mi e' capitato di conoscere Anne Perry, alla presentazione di un suo libro. Ovviamente nessuno ha menzionato il suo passato :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente! Beh, ormai è abbastanza vecchiotta e quello, diciamo, è stato un terribile errore di gioventù. Alla fine le due ragazze (almeno nel film) fanno parecchia pena.

      Elimina
  14. Non ho mai visto questo film, anche se ne ho sentito parlare.
    Lo devo recuperare assolutamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piacerà tantissimo, recuperalo!! :)

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...