giovedì 22 agosto 2013

Open Grave (2013)

La nuova stagione cinematografica sta iniziando ma in sala c'è ancora qualche rimasuglio estivo. E se tutti i rimasugli fossero di questa caratura il mondo sarebbe un posto migliore perché Open Grave, diretto nel 2013 dal regista Gonzalo López-Gallego, è davvero un ottimo film.


Trama: un uomo si sveglia in una fossa piena di cadaveri. Ferito e senza memoria alcuna, viene tratto in salvo da una misteriosa ragazza che lo conduce da altre persone rifugiate in una casa e nelle sue stesse condizioni. Mentre gli sventurati protagonisti cercano di ricordare cosa li avesse portati lì i boschi circostanti cominciano a palesare oscuri e pericolosissimi segreti...


La recensione di Open Grave sarà brevissima e assolutamente priva di spoiler perché l'unico modo di godersi appieno la pellicola è quello di non sapere nulla della trama o del genere di "orrore" che i protagonisti andranno ad affrontare. Questo perché, un po' come succedeva in Quella casa nel bosco, la forza di Open Grave sta nel modo in cui la sceneggiatura asseconda i cliché a cui sono abituati gli aficionados del genere e gioca con essi creando un piacevole effetto spiazzante. Lo spettatore scafato, quale penso di essere, si diverte così a snocciolarsi nella mente le ipotesi più probabili, ad indovinare la natura del pericolo che i protagonisti devono affrontare e a cercare di capire chi dei "sopravvissuti" è buono e chi è cattivo. Vi assicuro che Open Grave riesce ad interessare, incuriosire, inquietare e sorprendere per più di metà della sua durata; solo verso le ultime battute si riesce più o meno a prevedere dove andrà a parare il finale ma fino a quel momento ci si è appassionati così tanto che questo difetto (così come un altro paio di soluzioni "comode" che spuntano qua e là nel corso del film) viene facilmente perdonato.


Per quanto riguarda la realizzazione, chapeau. Quando ho capito dove avevo già sentito il nome di Gonzalo López-Gallego sono rimasta stupita perché non avrei mai collegato la regia fluida, le inquadrature per nulla banali, un paio di sequenze dove colonna sonora e ralenti si fondono alla perfezione e la bellezza di alcuni flashback al quel grezzume scuro che era Apollo 18. Certo, qui è anche merito di una fotografia nitida e pulitissima, ma il salto di qualità è comunque notevole. E' interessante anche come sia la regia che la sceneggiatura si soffermino spesso su dettagli e ripetizioni apparentemente inutili che acquistano invece maggior senso mano a mano che il film prosegue, inoltre anche gli attori coinvolti sono molto bravi. Detto questo, non mi va di aggiungere altro perché ho paura di sciupare l'importante effetto sorpresa. Se avete un minimo di fiducia nel Bollalmanacco ciò dovrebbe bastarvi per spingere a recuperare questo delizioso horror indipendente (che tra l'altro credo sia uscito solo in Italia, possibile??), imprevista e gradita chicca di un'altrimenti DIludente estate cinematografica!


Del regista Gonzalo López-Gallego ho già parlato qui. Sharlto Copley, che interpreta John, lo trovate qua.

Joseph Morgan interpreta Nathan. Inglese, ha partecipato a film come Master and Commander, Alexander e alla serie The Vampire Diaries. Anche produttore, sceneggiatore e regista, ha 32 anni e due film in uscita. 


Thomas Kretschmann interpreta Lukas. Tedesco, ha partecipato a film come La sindrome di Stendhal, Blade II, Il pianista, La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler, King Kong, Wanted – Scegli il tuo destino, Hostel III, il Dracula di Dario Argento e alle serie L’ispettore Derrick, Relic Hunter e 24, inoltre ha lavorato come doppiatore per Cars 2. Ha 51 anni, cinque film in uscita e parteciperà all’imminente serie Dracula nei panni di Van Helsing.


Tra gli altri attori, Josie Ho (la straniera muta) aveva già partecipato a Contagion mentre Max Wrottlesley (Michael) è comparso in Hugo Cabret. Il film non dev’essere inoltre confuso con Open Graves, horror del 2009 con Mike Vogel ed Eliza Dushku, che il bellissimo blog CinemaOut definisce addirittura scadente, cosa che invece non è Open Grave. Quindi attenzione e… ENJOY!!


20 commenti:

  1. Io vorrei vederlo, mi incuriosisce tantissimo! Ma è un horror o un thriller? (Te lo chiedo solo perché ho qualche problema a prendere sonno con gli horror alla Ju-on :D).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' più thriller che horror, visti un paio dei film che hai recensito direi che questo potrai affrontarlo benissimo!! ^__*

      Elimina
    2. Perfetto ;). Ti farò sapere!

      Elimina
    3. Aspetto la recensione dunque!! :)

      Elimina
  2. ecco, direi che mi hai incuriosito parecchio...anche perchè a me era piaciuto Apollo 18...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno a me era dispiaciuto però ho preferito di gran lunga questo!

      Elimina
  3. Altra recensione positiva... mi sa che me lo devo proprio vedere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardalo, guardalo! Poi fammi sapere se ti è piaciuto! :)

      Elimina
  4. L'avevo adocchiato tempo fa, la tua recensione invoglia alla visione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo, perché sarebbe un peccato se questo film passasse inosservato.
      Figurati che in sala c'eravamo solo io e il mio amico! ç__ç

      Elimina
  5. Come ben sai... ho timore a guardare questi film. Poi non ci dormo la notte :)
    Ma forse uno strappo lo farò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo non fa così tanta paura, credo tu possa guardarlo tranquillamente!!

      Elimina
  6. La mia opinione, nel bene e nel male, la sai XD
    Ora però sono curioso di veder questo "Apollo 18"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto ma non condivido. Sono curiosa di sapere come ti sembrerà Apollo 18 ^__*

      Elimina
  7. Dopo questa recensione, il mio interesse nel vederlo si è acceso.
    Se poi paragoni il finale all'effetto sorpresa di Quella casa nel bosco, ben venga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, non vorrei essermi espressa male. Cabin in the Woods è inarrivabile, ma Open Grave ha un modo simile di giocare con le aspettative del pubblico e disattenderle.

      Elimina
  8. L'ho noleggiato a caso, bighellonando per il videonoleggio. Poi, arrivato a casa, mi è venuta la strizza di aver noleggiato una cagata. Allora sono corso a cercare un parere affidabile sull'interweb e son stato rassicurato dalle tue parole. Meno male, forse non ho "buttato" il mio euro. Tra qualche minuto me lo sparo e poi ti dico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quindi? Com'è stata la visione? Continuerai a seguire il Bollalmanacco o sono stata bannata per sempre? :P

      Elimina
    2. Eccomi! Ahahahah, tranquilla, ho apprezzato! Non il massimo dell'originalità ma mantiene comunque vivo l'interesse per il plot (al massimo avrei sforbiciato via qualche scena centrale in cui si gira troppo a vuoto).
      Ho avuto paura di mettere in pausa il frame dove la sordomuta scrive in giapponese perché non volevo spoilerarmi il finale :D Poi magari era cinese e non c'avrei capito nulla (non che col giappo sia un prof. :D)...

      Elimina
    3. Uh già non ricordo se scrivesse chino o giappo... ma anche tu pratichi la lingua nipponica? :)
      Comunque sono contenta che ti sia piaciuto il film!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...