domenica 1 dicembre 2013

Thor: The Dark World (2013)

"Nora, Merlo, siete sempre in ritardo, ecchecca..."
"Dai, ragazzi, muoviamoci che mancan cinque minuti all'inizio di Thor: The Dark World!"
"Belin, ma è in treddì?"
"Occristo, sì.... Che due marroni. E vabbé, ormai ci siamo..."

Come avrete evinto, domenica scorsa sono andata a vedere Thor: The Dark World, diretto dal regista Alan Taylor. Con qualche convinzione derivata dalla visione di Thor e qualche dubbio derivato dalla lettura di recensioni assai migliori di quella che sarà la mia…


"Ma che è sta roba?"
"Che c'entra l'Iter? Ma non è Aehter?"
"Oddio Malekith!! Quello si chiama Malekith!! Bwahahaahh!!!"
"E quelli? Sono i Teletubbies?"
"No, sono dei mimi anni '50. Che tenerezza, hanno le orecchiette!"

Trama: Thor e compagnia stanno riportando la pace ad Asgard e negli altri Regni, mentre la povera Jane Foster langue per la mancanza del Dio norreno. Insomma, tutto sembra tranquillo almeno finché la dottoressa non rinviene l’Aether, la potentissima arma che già una volta aveva quasi consentito agli Elfi Oscuri capitanati da Malekith di distruggere interi mondi…

"Stellan Skarsgard è nudo. ARGH! Ma perché?"
"Adesso è in mutande"
"Ah beh"
"Quello è Stan Lee"
"E quello è Sir Anthony Hopkins. Non ci crede più nemmeno lui, poveraccio".


"Ooh il martello! Va che roba! Ma da dove gli arriva? Dove lo tiene quando non combatte?"
"Nella gnagna di Miley Cyrus"
"Ahahahahahaahhahah!!"

Sono sincera. A parte gli addominali di Chris Hemsworth, il bel funerale vichingo, la "rivelazione" finale e i meravigliosi disegni nei titoli di coda, di Thor: The Dark World non ricordo quasi più nulla perché, purtroppo, è un film che sul nulla si regge. La pellicola avrebbe potuto tranquillamente ridursi alla mera parte centrale, quella in cui la presenza di Loki è un pochino più cospicua e, soprattutto, utile, una cosa che dura più o meno un quarto d’ora. E non lo dico perché mi piace Tom Hiddleston, non faccio parte dello zoccolo duro delle Hiddlestoner o come diavolo si fanno chiamare, sebbene l’attore inglese sia affascinante da morire e l’unico in grado di dare un minimo di profondità al personaggio: il problema è proprio che, a livello di sceneggiatura, non c’è nient’altro di interessante e, peggio ancora, Thor: The Dark World, sotto tutti i suoi mirabolanti effetti speciali, è privo di un’identità precisa. Comincia come la versione menosa de Il signore degli anelli, continua come Guerre Stellari e finisce (o, meglio, vorrebbe finire) come The Avengers ma il problema è che ai comandi non c’è Joss Whedon (nonostante ci abbia messo del suo quando Loki imita Capitan America pare) e, soprattutto, quest’ultimo tentativo di svolta umoristico/CCioFfane risulta un po’ improbabile.

"Bolla, ma come minkia si chiama quella?"
"Boh, mi ricordavo Frigga ma qui la chiamano Figa, Frega... ma che ti frega, tanto faceva la carta da parati nell'altro Thor."


"Che palle di film... Bolla, ricordami perché sono venuta a vederlo."
"Non lo so, devo già capire cosa ci faccio io qui. Certo che Kenneth Branagh..."
"Alé, pure il bambino col giochino."
"Allora, ho capito che il ragazzino è scoglionato, ma almeno la suoneria la togliamo? Grazie."

Vedete cosa intendo? Immaginate, per tutto il film, che quei pochi momenti epici o drammatici o anche solo vagamente interessanti vengano interrotti da quelle che in gergo chiamano gag ma che io chiamo ca**ate o “momento Ciccio Bastardo”: ricordate quando, negli ultimi due Austin Powers, Ciccio Bastardo raccontava i suoi tristi problemi esistenziali… e concludeva il tutto con una bella scoreggia? Ecco, Thor: The Dark World è interamente retto da momenti simili, senza soluzione di continuità tra serio e faceto. Tra l’altro l’unico, vero, inutile momento comico in grado di strappare una vera risata spunta dopo i titoli di coda (non in mezzo, proprio alla fine, non fate come TUTTI quelli che si sono alzati alla prima scena post credit, perché ormai lo sa persino l’ultimo streppone della Terra che ce ne sono DUE di scene) ma, anche lì, lascia in bocca quel simpatico retrogusto di fregatura messa lì solo perché ci DEVONO essere delle scene dopo i titoli di coda altrimenti non abbiamo visto un film Marvel.

"Ah, che bel momento dramma... e no ca**o, Stellan Skarsgard è di nuovo in mutande!!"
"No ma complimenti per il montaggio! La prossima volta mettete direttamente la dissolvenza con la stellina..."
"Bolla, scusa, ma perché sono a Greenwich? Cosa vanno a fare lì?"
"Nora è la convergenza... sì perché i pianeti, sai... er ... Malekith!!!"
"Bwahahahah chenomedimmm... Malekith! Ciao, guardami, sono Malekith!"
"ALLORA, LA SMETTIAMO CON 'STO GIOCHINO???"


Poi, per carità, il fumettone c’è e meno male perché, come mi successe ai tempi di Capote, serve a un certo punto il colpo di pistola che ti risveglia dall’assopimento oppure sai che dormita! Messo da parte l’approccio poco zamarro di Kenneth Branagh che, si sa, è uno snob e nel suo Thor aveva preferito concentrarsi un po’ più sui dialoghi e sui confronti tra i personaggi piuttosto che sulle mazzate, è stato giustamente chiamato Alan Taylor che, invece, si è profuso in adrenaliniche scene zeppe di effetti speciali della madonna, scenografie grandiose con il ponte arcobaleno rifatto, botte da orbi, visioni virate in rosso, il finale con tanto di confini spaziali che si annullano consentendo così balzi continui da un universo all’altro con dovizia di vomitazio per la sottoscritta e, ovviamente, l’importante monumento/città distrutti per giustificare la presenza di un Eroe a proteggere l’umanità. Biondoooo! Biondoooooo!! Mi hai scassato mezza Londra, che il Signore ti camalli! Proteggiti Asgard che “hai mancato una colonna!”, ah-ha. E non dimentichiamo l’approccio maschilista di Branagh! In Thor: The Dark World invece le donne rialzano la testa e reclamano fiere il loro ruolo di protagoniste, con l’ex carta da parati Rene Russo che viene messa a tacere per la legge di The Walking Dead, Natalie Portman che piglia a schiaffi gli dei quando per la scemenza del personaggio, semmai, sarebbe lei quella da prendere a ceffoni, e Kat Dennings che acquista maggiore importanza grazie ad un comprimario ancora più sfigato e inutile di lei. Bello bello, come no. Ridatemi Scarlett Johansson, Branagh, Whedon e Robertino mio bello, che è meglio.

"Noruzza, ma che fine ha fatto Odino quindi?"
"Ma che ca**o me ne frega...."


Del regista James Gunn (che ha diretto solo la scena post credit e che aspetto al varco con quello che potrebbe essere un trashissimo, meraviglioso Guardians of the Galaxy!) ho già parlato qui. Chris Hemsworth (Thor), Natalie Portman (Jane Foster), Tom Hiddleston (Loki), Anthony Hopkins (Odino), Stellan Skarsgård (Erik Selvig), Idris Elba (Heimdall), Rene Russo (Frigga) Tadanobu Asano (Hogun), Alice Krige (Eir), Clive Russell (Tyr) e i non accreditati Benicio Del Toro (il Collezionista) e Chris Evans (Capitan America) li trovate invece ai rispettivi link.

"Bolla ma quello alla fine era quello di Chuck?"
"Che è Chuck?"
"Ma sì dai è lui. Bolla, dimmi un po' come si chiama"
"Ma Zachary Levi dici?"
"No Bolla, quello di Chuck"
"..."

Alan Taylor è il regista della pellicola. Americano, ha diretto film come I vestiti nuovi dell'imperatore ed episodi delle serie Oz, Six Feet Under, Sex and the City, Lost, I Soprano e Il trono di spade. Anche produttore e sceneggiatore, ha 48 anni e un film in uscita, Terminator (!).

 
Christopher Eccleston interpreta Malekith. Inglese, ha partecipato a film come Piccoli omicidi tra amici, Elizabeth, eXistenZ, The Others, 28 giorni dopo e a serie come Doctor Who Heroes. Ha 49 anni e un film in uscita.


Zachary Levi (at last!) interpreta Fandral al posto di Josh Dallas, impegnato sul set della serie Once Upon A Time. Americano, ha partecipato ALLA SERIE CHUCK, Perfetti ma non troppo e ha lavorato come doppiatore in Alvin Superstar 2, Rapunzel - L'intreccio della torre e Robot Chicken. Anche regista e produttore, ha 33 anni.


Tra gli altri attori, segnalo la presenza dell'impronunciabile Adewale Akinnuoye-Agbaje (l'elfo nero Algrim) che, in Lost, interpretava Mr. Eko mentre il solito, immancabile Stan Lee è il vecchietto che in manicomio presta una scarpa a Stellan Skarsgard; rimanendo in tema "attori seri costretti a fare i cretini", ringraziamo la Madonna e gli impegni con la serie Hannibal o Mads Mikkelsen si sarebbe sputtanato la carriera interpretando Malekith. Passiamo ora al regista: Natalie Portman vi è sembrata svogliatella? Certo, perché dietro la macchina da presa avrebbe dovuto esserci la regista Patty Jenkins, che alla fine ha rinunciato per "divergenze creative", e l'attrice ci è rimasta così male che, non fosse stato per il contratto che prevedeva il suo ritorno nei sequel, avrebbe dato forfait senza pensarci un istante. E invece anche lei è rimasta a nel variopinto universo cinematografico Marvel che, al netto dei film mutanti, al momento comprende L'incredibile Hulk del 1998, Iron Man, Iron Man 2, Thor, Capitan America - Il primo Vendicatore, The Avengers, Iron Man 3la serie Agents of S.H.I.E.L.D. e gli imminenti Capitan America: The Winter Soldier, Guardians of The Galaxy (introdotto dalla prima scena post credits di Thor: The Dark World) e The Avengers: Age of Ultron. Ovviamente, se Thor: The Dark World vi fosse piaciuto recuperate tutto. ENJOY!

* P.S.: Ogni dialogo, per quanto idiota, è stato riportato fedelmente.






26 commenti:

  1. questo film mi manca, ma Hiddleston è molto bravo, al torino film festival ho visto Only lover left alive, dove Hiddleston interpreta un tormentato vamipro ed è bravissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hiddleston è l'unico motivo valido per non bocciare in toto questo film. E Only Lovers Left Alive lo aspetto da parecchio tempo al varco con impazienza e speranza, chettelodicoaffare?

      Elimina
    2. guarda al TFF ha avuto un buon successo, la sala era piena ed era uno dei film più gettonati, quindi secondo me in italia arriva e poi Jarmusch è un regista piuttosto noto

      Elimina
    3. Immagino ma, senza nulla togliere a Jarmush, l'affluenza credo sia stata dovuta essenzialmente a Hiddleston e alle sue fan. Ti basti solo pensare che sto facendo una fatica incredibile per procurarmi un biglietto per andare a vedere il Coriolanus a Londra, con lui come protagonista: se consideri che la media delle fan ha 18 anni o meno, quante credi andranno per l'opera del Bardo o anche solo conosceranno la TRAMA di Coriolanus? XD
      Per lo stesso motivo credo che Only Lovers Left Alive verrà distribuito ma in pochissime copie, perché Hiddleston al momento viene considerato solo "fenomeno da bimbeminkia"...

      Elimina
  2. Orribile peggio del primo. Ormai e' definitivo solo igli Avenger si salvano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E gli Iron Man :)
      Spero fortemente ne I guardiani della galassia, anche se non seguo i fumetti.

      Elimina
  3. A me non é dispiaciuto per nulla, preso per il giocattolone che é mi ha soddisfatto pienamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che io non mi sono divertita nemmeno considerandolo giocattolone...

      Elimina
  4. Grazie a Ortolani, andai preparato...
    Ma anche cosi'...qual vaccata!
    E io che speravo nella 'Fase 2'
    "Che il signore ti camalli" molto ROTFL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che il Signore ti camalli è un cavallo di battaglia, peraltro è stata una frase parecchio pronunciata durante la visione del film XD
      Comunque... te l'avevamo detto :)

      Elimina
  5. Malefich!!! A me, quelli che a te sono sembrati i Teletubbies, hanno ricordato molto i cattivi dei Power Rangers... Il martello nella gnagna di Miley Cyrus.... uahauhauhauahuahuaha!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, guarda, ricordavano ogni cosa malefica e trash XD

      Elimina
  6. ah ah divertente questa recensione..hai reso benissimo l'atmosfera che si crea quando si sta vedendo un film che sta annoiando a morte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annoiare è dir poco... pensare che io al cinema non parlo MAI!! >.<

      Elimina
  7. L'ho visto al cinema. La prima parte è di una noia abissale (credo anche di essermi appisolata, ad un certo punto, ma la comprensione della trama non ne ha minimamente risentito), la seconda è la più interessante (non sono una fan sfegatata di Hiddleston ma sembra l'unico in grado di recitare in quel gruppo, l'unico che non abbia l'espressività di una colonna corinzia - che, tra l'altro, ai fini dell'intera trama, la parte con Loki era completamente evitabile ma fondamentale per non mandare in coma gli spettatori) e la terza banale, prevedibile e montata con un'espediente narrativo ridicolo per dare uno scopo all'inutile personaggio della Portman (ora qualcuno mi spieghi come funzionava esattamente quel joystick che aveva in mano, sono davvero curiosa!). A proposito di Jane Foster: ma la mamma non le ha insegnato a non mettere le mani in posti evidentemente pericolosi? Anche se tra quelle due pietre (di cui una flottava nell'aria) non ci fosse stata l'arma della Fine del Mondo, la probabilità di farsi malissimo (anche solo se, per dire, il masso volante fosse caduto) era altissima! XD

    PS: Tra l'altro, quando sono stata in Svezia, una simpatica guida locale vestita da vichingo, all'isola di Birka, spiegava allegramente che il funerale Vichingo non era esattamente come mostrato nel film (e in tanti altri) ma le barche venivano bruciate sulla terra ferma e poi tumulate ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'altronde, la Portman (anche se non sembra, né nel primo né nel secondo film) è pur sempre una fisica, studiosa, o quel che è , quindi un minimo di dignità dovevano dargliela anche se poi, effettivamente, se non sbaglio le mega ideone vengono tutte dallo Skarsgaard nudo.
      Comunque, film inutilissimo, palesemente girato come riempitivo tra I vendicatori e I vendicatori 2. Peccato, perché per l'appunto Hiddleston merita di più.
      P.S. Il funerale vikingo mostrato nel film è comunque molto scenografico ma è bello anche conoscere la verità :)

      Elimina
  8. film interminabile (naturalmente siamo restati seduti fino alla fine dei final credits), tanto che ogni tanto mi distraevo, pensando alle tasse da pagare...
    QUALCHE BEL MOMENTO c'è stato: nel mezzo della desolazione del Dark World (che in confronto Mordor è Montecarlo) SQUILLA UN TELEFONINO (risatona in sala); si vede che c'è campo...
    e c'è Loki, l'Ingannatore: prima finge di tradire Thor e non è vero, poi finge di morire e non è vero (figurati se i produttori rinunciano all'oca dalle uova d'oro)
    DELUSIONE delle ammiratrici di Hiddlecomesichiama: non è mai nudo, semmai sfoggia delle mutande nere (ma non si capisce se è Calvinclain)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diludendo massimo la mancanza di un Loki in mutande anche perché Skarsgaard nudo infesta i miei incubi ancora adesso.
      Sulla gag del telefonino non ho voluto infierire, sarebbe stato come sparare sulla Croce Rossa.

      Elimina
  9. Bella recensione!
    E concordo pienamente sulla maggior parte delle cose dette

    RispondiElimina
  10. A me ha divertito quanto basta a farmi restar sveglia, chè a me i suereroi fanno sonnolenza a prescindere. Plauso accorato agli addominali del tenero Hemsworth ma ancora di più a Hiddleston e al funerale vichingo che è stato di una bellezza strappalacrime. Portman sempre inutile, a parte che non fosse stato per lei col piffero che succedeva tutto il patatrac!:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'addominale fa partire l'applauso in automatico anche se il film fa schifo mentre Hiddleston è semplicemente bravo da matti, oltre che bello :)

      Elimina
  11. Ti dirò... a me è piaciuto! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha sì avevo letto la recensione :P

      Elimina
  12. Sempre più contento di essermelo perso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maddai!! Un bel filmetto così! XD

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...