venerdì 5 settembre 2014

Under the Skin (2013)

Uno dei film che volevo guardare assolutamente questa settimana era Under the Skin, diretto e co-sceneggiato dal regista Jonathan Glazer partendo dal romanzo Sotto la pelle di Michel Faber. Dico solo "Santo cielo". Potete anche non proseguire se avete adorato il film...


Trama: una donna seduce passanti solitari e li porta nel suo rifugio, facendoli scomparire misteriosamente. La donna, ovviamente, non è quello che sembra...


Fondamentalmente, ormai l'avrete capito, sono una una cinefila ignorante e, conseguentemente, una brutta, bruttissima persona. Se qualcuno mi chiedesse di scegliere tra una maratona Pasolini e una maratona horror opterei senza dubbio per la seconda ipotesi e alla vivace protesta "Ma hai un blog di cinema!! Non ti vergogni??" replicherei con un pronto "Tuffatti'azzitua!". Non mi spaventano né i film lenti né quelli complicati, neppure quelli "artistici" ma ad una condizione, e scusate se è poco: devono comunque riuscire a comunicarmi delle emozioni. The Tree of Life, da molti definito una badilata sulle gonadi, dal punto di vista di un profano era un'accozzaglia di splendide immagini quasi prive di senso, eppure la pellicola di Malick è riuscita a rapirmi, trascinarmi fuori dalla realtà tangibile, mi ha fatto riflettere e commuovere; Holy Motors non l'ho capito ma mi ha intrippata ed incuriosita, lo stesso vale per quel terrificante spauracchio de Il pasto nudo. Durante la visione di Under the Skin, invece, mi sono ritrovata ad un certo punto ad esaminarmi le parti basse alla luce di una lampada, come fa l'aliena Scarlett, per vedere se mi fossero davvero cresciute due enormi, orchitiche palle che, subito dopo, sono cadute con un pantagruelico tonfo sul pavimento. Sì perché Under the Skin è un'incredibile menata autoriale dove il massimo dell'emozione si avverte alla fine, un'emozione liberatoria, che porta a far scoppiare raudi e miccette ed esclamare "I titoli di coda, evvivaaa!!!".


Va bene, la pellicola è diretta meravigliosamente (anzi, alcune immagini sono davvero splendide, come quella in cui la protagonista diventa la natura che la circonda ma il film in generale è pieno di sequenze talmente belle da far tremare i polsi), la scelta di utilizzare attori non professionisti è perfetta e la colonna sonora di Mica Levi è molto particolare ed intrigante ma se lo scopo di Under the Skin era farmi empatizzare con la protagonista e la sua graduale ricerca dell'umanità posso tranquillamente dire che, almeno per quel che mi riguarda, l'operazione è miseramente fallita. Under the Skin ripete ossessivamente le stesse sequenze all'infinito ("dialogo" nel van - arrivo nel rifugio - scomparsa della vittima) per tutta la prima metà del film, ribadendo un concetto che lo spettatore medio riuscirebbe a capire già la prima volta, poi si trasforma in una sorta di apologia del diverso con l'aliena che cerca di sperimentare il bignami del perfetto essere umano (ho capito che le persone sulla Terra sono sole quanto me e viceversa quindi ora uh, quanto vorrei mangiare, uh quanto vorrei essere accettata non solo perché sono figa, uh quanto vorrei fare sesso almeno una volta, un diamine quantèbbellalanatura!!) e si conclude con una scena involontariamente esilarante (o forse ero io che a quel punto avevo la risata isterica): ho raccontato già la pellicola a 4 persone e ci sono voluti 3 minuti al massimo con ognuno di loro, giusto per darvi un'idea dei ricami costruiti da Glazer attorno a un canovaccio di una banalità sconcertante. Per dire, mi ero emozionata di più guardando Kim Basinger salvare la Terra grazie al potere di uno starnuto.


Voi mi direte, come hanno detto alcuni critici d'oltreoceano: "Eh ma Scarlett Johansson è bravissima. E' ipnotica". No, figliuoli, è semplicemente nuda ed è questo che vi ha ottenebrato il giudizio, tanto lo so che non siete stati ipnotizzati dagli occhi. Brava è brava, per carità, ma l'unico "sforzo" che deve compiere, d'altronde, è essere bella, comportarsi in modo educato, sensuale ma senza esagerare e, soprattutto, avere la gamma emotiva di una bambola gonfiabile. Detto questo, capirete che con un viso come il suo non ci voglia tanto ad interpretare questo tipo di personaggio, basta solo non esagerare o sconfinare nel cattivo gusto, avrebbe potuto farcela qualsiasi altra brava e giovane attrice come, per esempio, Juno Temple. Perché però Juno Temple, pur essendo normalmente più brava della Johansson, sarebbe risultata poco credibile per il ruolo e conseguentemente una pessima attrice? Beh perché il suo problema, ovviamente, è la mancanza di seno, di sedere e soprattutto di un bel visetto; anche lì però ogni tanto mi chiedo se non tiri davvero più un pelo di potato che un carro di buoi perché a me pare che la Johansson vinca sì nelle forme giunoniche ma non nell'armonia del fisico (in questa parentesi c'erano tutti i difetti che sono riuscita a trovarle dall'alto del mio essere donna eterosessuale ma li ho cancellati per evitare i soliti "Sei soltanto invidiosa". NO. L'unica cosa che invidio a Scarlett è la possibilità di passare del tempo con Robert Downey Jr., maledetta lei). Quindi, anche la tanto decantata perfezione attoriale e fisica della Johansson ha lasciato, almeno per me, il tempo che ha trovato. Di Under the Skin dunque cosa rimane? Nulla, solo un paio di belle immagini, la voglia di leggere il libro e capire se la forma scritta è più emozionante di quella cinematografica, per il resto credo che la pellicola di Jonathan Glazer possa finire direttamente nel dimenticatoio delle pomposità.


Di Scarlett Johansson, la protagonista del film (nei titoli di coda non compare il nome di nessun personaggio ma solo quelli degli attori) nonché unica attrice "professionista" coinvolta, ho già parlato qui.

Jonathan Glazer è il regista e co-sceneggiatore della pellicola. Inglese, ha diretto film come Birth - Io sono Sean. Anche attore, ha 49 anni.


Gli uomini con cui interagisce la Johansson cercando di attirarli sul furgone non erano attori e venivano ripresi attraverso telecamere nascoste per poi venire ovviamente avvisati in seguito; Adam Pearson invece, purtroppo realmente affetto da neurofibromatosi, ha partecipato ad una regolare audizione. Tra le attrici vere a cui si era pensato di offrire il ruolo principale figurano nomi come Gemma Arterton, Eva Green, Megan Fox, Olivia Wilde e Amanda Seyfried mentre Brad Pitt era stato tirato in ballo quando il progetto prevedeva una coppia di alieni che fingevano di essere un marito e una moglie scozzesi. Detto questo, se Under the Skin vi fosse piaciuto recuperate Specie mortale... o magari persino Nynphomaniac 1 e 2!! ENJOY!

24 commenti:

  1. Ho come l'impressione che lo massacrerò di bottigliate! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere la tua recensione!

      Elimina
  2. la recensione più divertente dell'ultimo periodo, tra poco dovrei guardarlo anche io, e ci sarà da divertirsi, pecchè? Pecchè se non me piace glie metto due xD
    Ciao Bollicina un bacio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah sììì massacralo!
      Bacioni!

      Elimina
  3. A primo impatto.... mi fa venire voglia da dire "No"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, mantieniti tranquillo sul "no" :)

      Elimina
  4. Abbi pazienza ma non riesco a trattenermi dal farti notare che alla Johansson è stata premiata anche per un film in cui non le si vede nemmeno un centimetro quadro di pelle. O meglio, non la si vede per niente. Si sente solo la sua voce.
    De gustibus, eh. Ad esempio io faccio parte della minoranza che non apprezza Angelina Jolie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti io parlavo di Under the Skin in particolare. Anche se la Johansson non mi ha mai fatta impazzire, nel film Her che citi mi è piaciuta molto perché la sua voce, delicata e sensuale, è perfetta per il ruolo di Sam. Però in Under the Skin tutta questa bravura non l'ho vista perché il personaggio in sé, a mio avviso, era davvero di una banalità sconcertante.

      Elimina
  5. lo volevo andare a vedere...ecco, se mi volevi mettere paura ora ci sei riuscita....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ma no, dai, guardalo che le tue recensioni le leggo sempre volentieri!

      Elimina
  6. Penso sia la prima volta che mi trovo in totale disaccordo con te, Bollina mia adorata.
    Però luv lo stesso, perché sei sempre meravigliosamente rozza e volgare come lo sarei io (lo dicono i test!) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te l'ho detto che sono una brutta persona Sillyna!! :D

      Elimina
  7. non ho particolarmente amato il libro ergo il film lo salteró paro paro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece il libro ora mi è venuta voglia di leggerlo... sarà un buon modo per tenermi allenata anche in inglese!

      Elimina
  8. come forse hai letto, non sono per niente d'accordo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ancora leggere in effetti :P Vado!

      Elimina
  9. Mi sa che ci siamo copiati le recensioni XD
    Io poi cado sul fatto 'Johansson-nuda', al di là della poca armonia fisica. Lei non è bella, è un ideale, che è una cosa diversa u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ok. Il mio ideale però è Robertuccio, quindi non sono rimasta colpita :P

      Elimina
  10. Un film che emanava noia e sbadigli già dal trailer. E che non ho alcuna intenzione di vedere. Ciao Scarlett, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure sarei mooolto curiosa di leggere la tua opinione in merito, mannaggia!!

      Elimina
  11. Oh, che poi devi sapere che me l'ero completamente perso, quest'articolo. :D
    Come dicevo dalle parti della nostra comune amica, l'idea che mi sono fatto io è che GLazer sia riuscito in pieno a mostrarci com'è la specie umana, quegli esemplari raccattati in auto, quindi andando a pescare proprio nella melma. Siamo esattamente così, noiosi.
    Certo, a questo punto mi dirai che un film è, nell'accezione più ovvia, intrattenimento, quindi la scelta di renderlo noioso come l'umanità è controproducente. Ma, ehi, la sperimentazione è coraggiosa pure per questo, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah veramente non è tanto la noia (sì, anche quella) che mi ha turbata di questo Under the Skin. E' stato proprio il nulla cosmico che mi ha annientata. E tu ribadirai: beh ma noi esseri umani moderni siamo l'incarnazione stessa del nulla, basta solo andare su Facebook per rendersene conto. Però io vivo tuttora nella convinzione che il cinema debba meravigliarmi, farmi riflettere, emozionare. E l'emozione qui non l'ho percepita proprio, solo un freddo esercizio di (meraviglioso, va bene!) stile.

      Elimina
  12. Talmente brutto che devo scriverlo da qualche parte. Anche qui che il post è vecchio di due anni. Scarlett è nuda. Mettete il fermo immagine e buona sega.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho argomenti per controbattere :P

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...