domenica 18 ottobre 2015

Black Mass - L'ultimo gangster (2015)

Nonostante il post sia slittato per "colpa" di Suburra, durante la Festa del Cinema sono andata a vedere anche Black Mass - L'ultimo gangster (Black Mass), diretto dal regista Scott Cooper e tratto dal libro Black Mass: The True Story of an Unholy Alliance Between the FBI and the Irish Mob di Dick Lehr e Gerard O'Neill.


Trama: il boss della mala irlandese James "Whitey" Bulger comincia a lavorare come informatore dell'FBI, sfruttando questa posizione privilegiata per consolidare ed aumentare il suo potere come criminale...


Non è un mistero che io adori le pellicole di stampo "mafioso", soprattutto quelle che si concentrano sull'ascesa e la caduta delle famiglie criminali o di una banda di malviventi in particolare. E' quindi con un certo gusto che ho guardato Black Mass, zeppo di tutti quegli stilemi che adoro, nonostante fosse anche un po' superficiale e abbastanza derivativo, privo di quei tocchi di stile che avrebbero potuto renderlo non dico un capolavoro ma perlomeno un film memorabile. La pellicola di Scott si concentra sull'attività di James "Whitey" Bulger, figura di spicco realmente esistita all'interno della criminalità bostoniana, e sugli anni in cui il boss ha funto da informatore per l'FBI, desideroso di mettere le mani sui vertici della malavita italoamericana; gli sceneggiatori hanno scelto di concentrarsi molto sia sull'ambivalenza di Bulger, che passava in tempo zero dall'essere fine stratega a folle pronto ad uccidere al minimo sospetto di tradimento, sia sul marcio presente all'interno degli uffici federali, calcando la mano sul legame apparentemente indissolubile tra uomini nati nello stesso quartiere e cresciuti con gli stessi valori nonostante siano finiti dalle parti opposte della barricata. Questa parte della vita di Bulger viene ricostruita partendo dagli interrogatori dei suoi collaboratori storici, segmenti che introducono i punti salienti della vicenda come se Black Mass fosse una sorta di documentario, e il quadro generale che se ne ricava è quello tipico di un boss che, col tempo, è arrivato a perdere di vista la realtà sicura della malavita di  "quartiere" per calcare sentieri sempre più violenti, sanguinosi e ovviamente pericolosi, per quanto remunerativi; lo stesso, ovviamente, vale per l'agente dell'FBI John Connolly, la cui vita scorre in parallelo a quella di Bulger e che diventa sempre più corrotto mano a mano che il suo "protetto" nonché informatore si espande nell'attività criminale, con ovvie conseguenze.


A fronte quindi di una storia vera ed interessante, quello che manca a Black Mass sono un po' di personalità e "sentimento" che avrebbero potuto rendere la vicenda di Bulger molto più coinvolgente e memorabile. La regia di Scott Cooper non regala sequenze particolarmente d'impatto e la scelta di raccontare la storia come un mosaico di flashback introdotti da un interrogatorio ricorda molto la prima stagione di True Detective. Nel reparto attori andiamo invece molto meglio ma bisogna precisare un paio di cosette. Johnny Depp per la prima volta dopo anni offre un'interpretazione fortunatamente distante da quelle macchiette zeppe di smorfie a cui ci aveva abituati fin da La maledizione della prima luna ma, diciamo le cose come stanno, non porta a casa la performance del secolo e, di fatto, al posto suo avrebbe potuto esserci qualsiasi altro attore mediamente bravo o col phisique du role, Ray Liotta in primis. Molto meglio, almeno per quel che mi riguarda, Joel Edgerton alle prese con un personaggio scomodo e a costante rischio cliché, un Benedict Cumberbatch che finalmente ha trovato un ruolo che non lo facesse apparire un povero minus habens ai miei occhi e perfetto Rory Cochrane, l'unico personaggio negativo in grado di coinvolgermi un minimo, soprattutto verso il finale (nonostante il suo ruolo nella morte di Deborah Hassey sia stato romanzato per esigenze di copione, quindi sono stata colpita da una delle cose "false" raccontate nella pellicola). Molto interessanti, inoltre, i sempre graditi compendi informativi pre-titoli di coda, che "svelano" le condanne francamente discutibili (mi pare che Steve Flemmi si sia beccato l'ergastolo mentre John Martorano, che nel film viene dipinto praticamente come un serial killer, abbia fatto solo 14 anni...) dei coinvolti, e le vere immagini di repertorio che accompagnano i credits. In definitiva, se amate il genere biografico-mafioso, Black Mass è un film perfetto per passare una serata senza cedere alla noia neppure per un istante ma non aspettatevi un capolavoro.


Di Johnny Depp (James "Whitey" Bulger), Joel Edgerton (John Connolly), Benedict Cumberbatch (Billy Bulger), Kevin Bacon (Charles McGuire), Peter Sarsgaard (Brian Halloran), Rory Cochrane (Steve Flemmi), Corey Stoll (Fred Wyshak), Julianne Nicholson (Marianne Connolly) e Juno Temple (Deborah Hassey) ho già parlato ai rispettivi link.

Scott Cooper è il regista della pellicola. Americano, ha diretto film come Crazy Heart e Out of the Furnace - Il fuoco della vendetta. Anche attore, sceneggiatore e produttore, ha 45 anni.


Dakota Johnson interpreta Lindsey Cyr. Americana, ha partecipato a film come Pazzi in Alabama, The Social Network e, soprattuttamente, Cinquanta sfumature di grigio. Ha 26 anni e film in uscita tra cui, ossignoreuccidimi, il remake di Suspiria e ovviamente i seguiti di Cinquanta sfumature di grigio, dove la squinzia dovrebbe riprendere il ruolo di Anastasia Steele.


W. Earl Brown interpreta John Martorano. Americano, ha partecipato a film come Fuoco assassino, Nightmare - Nuovo incubo, Vampiro a Brooklyn, Scream - Chi urla muore, Tutti pazzi per Mary, Essere John Malkovich, Lost Souls - La profezia, Vanilla Sky, The Master, The Lone Ranger e a serie come La signora in giallo, Il mio amico Alf, Più forte ragazzi, Angel, Streghe, X-Files, Six Feet Under, Cold Case, CSI: Miami, Numb3rs, CSI - Scena del crimine, American Horror Story, Bates Motel, Grey's Anatomy e True Detective. Anche sceneggiatore e produttore, ha 52 anni e un film in uscita, inoltre dovrebbe interpretare lo sceriffo Hugo Root nel pilot di Preacher.


Inizialmente, avrebbe dovuto essere Guy Pearce ad impersonare James Bulger ma l'attore ha abbandonato il progetto e gli è subentrato Johnny Depp che, tra l'altro, per un po' a sua volta ha rinunciato al ruolo per questioni salariali. La povera Sienna Miller invece, che ha girato parecchie scene nei panni di Catherine Greig, storica fidanzata di Bulger, è rimasta vittima del montaggio che ha tagliato interamente la sua parte (altrimenti il film sarebbe durato più o meno tre ore). Detto questo, se il film vi fosse piaciuto recuperate Quei bravi ragazzi, Casino, Donnie Brasco. ENJOY!

16 commenti:

  1. Mmmh io non adoro il genere, ho letto però parecchi pareri divertenti sulla performance di Depp xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, non è l'interpretazione del secolo di Depp ma giuro che ne ho viste di mooolto peggiori. L'unica cosa che perplime un po' è il trucco, abbastanza esagerato.

      Elimina
  2. Se piace il genere (e a me piace molto) Black mass ha tutto per portare a casa il risultato, il problema secondo me è il secondo tempo, la caduta deve essere pari a livello di interesse, all'ascesa, e poi il trucco di Depp è esagerato, addirittura distraente... Concordo con te non troppo noioso ma nemmeno il filmone che i fan di Depp vorrebbero. Cheers! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono andata a vederlo a prescindere da Depp, proprio perché mi interessa il genere. Non un filmone ma comunque gradevole, anche se beh... i capisaldi del filone sono altri!! :D

      Elimina
  3. Concordo: un film che per gli appassionati del genere risulterà godibile, ma che manca dello spessore per essere davvero ricordato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un riassunto perfetto di Black Mass :)

      Elimina
  4. Film buono, direi cinema medio però ... interpretazione di Deep apprezzabile, meglio delle ultime sì, con qualcosa che mi ha lasciato perplesso ... ci devo pensare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che io sono uscita dal cinema soddisfatta poi il giorno dopo ho visto Suburra e beh... in confronto Black Mass è diventato robetta :)

      Elimina
  5. Di questo genere ho ancora dei titoli importanti da recuperare, per cui questo lo metto in coda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, prima i capolavori!! :D

      Elimina
  6. Attendevo questo film da tempo.
    Sono rimasto soddisfatto per il risultato finale. Concordo su tutti i punti trattati della tua recensione.
    Sulla vita di Bulger potrebbero uscirne miriadi di film: ne ha combinate talmente tanti macelli, che ogni sessione meriterebbe un film a parte. Sono stati molto abili nel comprimere tutto.
    L'unica pecca (personale) che i film gangster ormai li so a memoria. Sono copioni già visti (perchè sono tutte storie simili, nonostante siano la maggior parte fatti reali): capisci subito chi tradisce, come viene fatto fuori lo scagnozzo, come si muoveranno...
    Felice anche per il ritorno di Johnny, che ogni tanto ci ricorda chi è veramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, per quel che riguarda i film di gangster ho il tuo stesso problema, anche perché più o meno seguono tutti lo stesso schema di ascesa-trionfo-caduta però è uno schema vecchio come il mondo, che non mi dispiace :)
      Quanto a Depp, si è rialzato ma siamo ben lontani dai fasti a cui dovrebbe tornare!

      Elimina
  7. Risposte
    1. Se ti piace il genere, di sicuro :)

      Elimina
  8. Noi per questo tipo di film non andiamo matti,abbiamo deciso di lasciar perdere!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se già non andate matti in partenza avete fatto benissimo!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...