venerdì 19 luglio 2013

Pacific Rim (2013)

E così domenica sera ce l’ho fatta anch’io a vedere l’incredibile film che da mesi teneva in scacco tutti i nerd del pianeta e buona parte di chi la parola nerd nemmeno la conosce. Sto parlando, ovviamente, di Pacific Rim di Guillermo Del Toro.


Trama: nel futuro, la Terra è minacciata dai Kaiju, giganteschi mostri che periodicamente compaiono attraverso una breccia sottomarina. Per combatterli, sono stati creati gli Jaeger, robot pilotati da esseri umani interconnessi tra loro, ma anche questi prodigi della tecnica sembrano non bastare più…


Davanti ai robottoni e ai mostri giganti la mia reazione è pari a quella di Nami e Robin quando Franky spara i suoi laser: un’alzata di spalle e lo sguardo indulgente di chi sta pensando “e quindi…?”. Stessa cosa di fronte ai mostri, a meno che non si parli di quelli un po' più horror e un po' meno animaloni troppo cresciuti. Immaginate, quindi, lo scetticismo con cui entravo nel cinema, nonostante il grande nome di Guillermo Del Toro e la speranza di godermi l'ennesima performance di Ron Perlman. Non era assolutamente previsto che io rimanessi a bocca spalancata come una bimba idiota a fare "oooh" e "aaah" o a trasalire sulla poltrona quando la situazione si fosse fatta (prevedibilmente, poi ne parliamo) pesa o persino a piangere come un vitello davanti alle urla disperate di una povera bimba giapponese abbandonata in mezzo all'apocalisse. E invece è successo. Mi sono messa a tifare per gli Jaeger e i loro piloti, mordendomi le dita ogni volta che veniva dichiarata la comparsa di un kaiju di categoria superiore (all'ultimo ho praticamente urlato "occazzo, Chtulhu!!", chiedo ancora scusa a chi mi sedeva accanto...), ho seguito i virtuosismi di Del Toro, quelle vertiginose inquadrature dal basso che accentuavano ancor più la grandezza dei robottoni, ho (ri)toccato con mano il potere fantastico del cinema e degli effetti speciali davanti a delle creature così ben fatte che sembravano essere state riprese dal vero, mi sono lasciata coinvolgere dalle elaboratissime battaglie tra questi colossi, ho riso come una pazza davanti alla sboroneria del personaggio di Perlman e al nerdismo di quel gran pezzo di figo di Charlie Day e in un paio di momenti ho persino applaudito davanti alla grandezza del Pentecost di Idris Elba (nella fattispecie quando urla in faccia a quel minchiafritta del protagonista e quando si staglia come un Dio Norreno "qualsiasi" contro il Sol Levante).


Davanti all'entusiasmo e al perfezionismo visionario di Del Toro ho ignorato, quindi, quel zankoku no tenshi no teze che mi è risuonato in testa fin dalla prima sequenza della pellicola, ho sorvolato sul fatto che ogni risvolto della trama e ogni caratterizzazione dei personaggi (protagonista e bulletto sono praticamente identici, poi dicono degli orientali...) seguisse così pedissequamente i topoi del genere che ogni colpo di scena, se così si può chiamare, venisse direttamente comunicato dagli sceneggiatori agli spettatori tramite telefono incorporato alla poltrona, ho persino fatto finta di non sentire il delirante monologo finale di Elba e il 90% dei banalissimi dialoghi, cercando invece di concentrarmi sulla meravigliosa colonna sonora e godendomi il binomio morte + distruzione anche durante l'esilarante scena dopo i titoli di coda. Per dirla in breve, mi sono lasciata coinvolgere da quello che, pur non essendo un capolavoro del Cinema, è un giocattolone che realizza i sogni dei bimbi cresciuti a pane e robottoni e mostri, creato da un bimbo come loro che, per sua fortuna, è riuscito a dare corpo alla sua passione e a farlo con talmente tanta energia da trasformare anche una scettica come me, per almeno due ore, in una true believer. E di fronte a tanta abilità, Guillermo caro, non posso che togliermi il cappello e consigliare il tuo film a chi ancora crede nella magia del cinema "commerciale" e d'intrattenimento.

Vi amo entrambi... <3

Del regista e co-sceneggiatore Guillermo Del Toro ho già parlato qui. Idris Elba (Stacker Pentecost), Charlie Day (Newton Geiszler) e Ron Perlman (Hannibal Chau) li trovate invece ai rispettivi link.

Charlie Hunnam (vero nome Charles Matthew Hunnam) interpreta Raleigh. Inglese, ha partecipato a film come Ritorno a Cold Mountain, I figli degli uomini e alle serie Queer as Folk e Sons of anarchy. Ha 33 anni e un film in uscita.


Max Martini (vero nome Maximilian Carlo Martini) interpreta Herc Hansen. Americano, ha partecipato a film come Riposseduta, Contact, Salvate il soldato Ryan e alle serie Walker Texas Ranger, Nash Bridges, Jarod il camaleonte, Oltre i limiti, Taken, 24, CSI: Miami, Numb3rs, Lie to Me, CSI – Scena del crimine e Criminal Minds. Anche regista, sceneggiatore e produttore, ha 44 anni e tre film in uscita.


Clifton Collins Jr. interpreta Tendo Choi. Americano, ha partecipato a film come Traffic, Il castello, Le regole dell’attrazione, Capote, Star Trek, Scott Pilgrim vs. The World e a serie come Freddy’s Nightmares, Flash, Walker Texas Ranger, E.R. medici in prima linea, NYPD, Più forte ragazzi, Alias e CSI: NY. Anche produttore e regista, ha 43 anni e due film in uscita. 


Tom Cruise avrebbe dovuto partecipare al film ma alla fine gli è stato preferito, devo dire giustamente, Idris Elba. Per quanto riguarda invece il futuro di Pacific Rim, che negli USA non sta incassando quanto previsto, pare che Del Toro qualche tempo fa avesse parlato di un possibile sequel… ma gli appassionati avranno da attendere parecchio, mi sa. Nel frattempo, se il film vi fosse piaciuto, recuperate l’anime Neon Genesis Evangelion, Cloverfield e magari i vecchi film di Godzilla! ENJOY!

34 commenti:

  1. tutto vero, Guillermo Del Toro sa come fare:)

    RispondiElimina
  2. Confezione splendida, ma io l'ho trovato privo del cuore che rendeva speciali i cartoni animati dei robottoni.
    Ma ne parlerò nei prossimi giorni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ford, io sono cresciuta a pane e majokko, non pane e robottoni, quindi la mancanza di corazon non mi ha turbata ^__*
      Verrò comunque a leggere la recensione!

      Elimina
  3. Ma come? Neanche tu hai percepito il gigantesco Sacco dei Lanzichenecchi che questo goduriosissimo film pieno di difetti ha fatto di Indipendence Day?

    Hai detto bene,pero': quanto sa fare bene il suo lavoro Del Toro Guillermo???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò un segreto: ho sempre rifiutato di vedere Independence Day XDXD
      E Del Toro è un grande, punto.

      Elimina
  4. Del Toro dimostra di essere ancora una volta magnifico!
    Chissà se avesse girato lo Hobbit... cosa sarebbe successo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda... ma a me ha soddisfatto molto anche quello di Jackson!

      Elimina
  5. l'ho visto coi bradipini e mi ha entusiasmato a mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chissà i bradipini com'erano esaltati ^^

      Elimina
  6. Immaginavo ti sarebbe piaciuto a questi livelli, lo davo per scontato. Però continuo a preferire quei cartoni animati che guardavo da piccolo o Neon Genesis Evangelion, dove almeno l'epica non era solo "robotica"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belin, Evangelion è altro livello, anche se io dopo un po' Shinji lo avrei ucciso XD

      Elimina
  7. Ne parlerò anche io nei prossimi giorni... e non positivamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verrò a leggere la recensione allora!

      Elimina
  8. E pensare che non ti ispirava :)

    Film bellissimo! Geegman, Voltron, Ironman 28, Robotech, Gundam... Aspetto fiducioso :)

    RispondiElimina
  9. eh, mi piace parecchio Del Toro e mi piacevano i mecha.
    Prima o poi lo vorrò vedere!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A maggior ragione, devi vederlo!

      Elimina
  10. Un ottimo film di intrattenimento puro, che per oltre due ore ti fa scollegare il cervello e catapultarti in una dimensione diversa e fiabesca. Peccato che sia un po' troppo simile a Starship Trooper di Verehoven, senza però la critica sociale e politica di quel film. Avercene, comunque, di prodotti così 'commerciali' che ti fanno divertire e tornare bambini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come per Independence Day anche Starship Trooper è roba che ho sempre evitato di vedere!
      Comunque intrattenimento puro e graditissimo!

      Elimina
    2. Starship Troopers merita assolutamente!

      Niente ha che vedere con Independence Day.

      SST è una satira sociale pura e dura!

      (e poi il primo attacco alieno è arrivato a buenos aires ]:D )

      Elimina
    3. Sì ma sono quelle tamarreidi che all'epoca evitavo come la peste. Magari adesso li guarderei se non con piacere almeno con indulgenza :P

      Elimina
  11. Manca di anima. Troppi topoi sono andati a scapito del coinvolgimento emotivo. Ero andata a vederlo con le migliori aspettative, ma mi ha un po' deluso. La colonna sonora è stupenda. Ne parlerò anche io ;).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece non mi aspettavo nulla, quindi lo riconfermo: bisogna andare al cinema già dilusi!

      Elimina
  12. Trattenermi dall'urlare:alabarda spaziale ! E' stata dura.
    Per il resto grandissimo film. Dove ogni cosa è al suo posto e dove vengono inquadrate il più bel paio di scarpe mai apparse su schermo:quelle di Perlman.
    I personaggi sono scolpiti,ma non banali. Tanto che la morte dei russi per me è stata traumatizzante,o il dialogo finale tra Marshal e Mako,commovente!
    Poi appena sento la colonna sonora, cazzarola mi vien voglia di pilotare un jaeger e prendere a pedate nel culo i mostri
    Immenso ed epocale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I personaggi sono banalissimi, Davide, purtroppo. Telefonati in ogni scelta, pensiero e parola, anche se pure io mi sono commossa sul dialogo finale tra Marshal e Mako :P
      Però chissene, il film funziona benissimo anche così e la colonna sonora è epica!

      Elimina
  13. visto al cinema è veramente spettacolare! Che importa dei personaggi (ridotti all'osso come in ogni anime che si rispetti) e chissene pure dei dialoghi! Da vecchio estimatore di anime quali Mazinga, Goldrake, Datarn III....voglio solo vedere alieni di 2500 tonnellate lanciati contro grattacieli come palle da ping pong..... anyway in sintonia con il tuo giudizio! l'ipermaniacale attenzione ai dettagli di del toro ha decisamente giovato alla causa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarei stata curiosa di vederlo anche in 3D ma, stranamente, dalle mie parti lo hanno snobbato... o__O

      Elimina
  14. Concordiamo su quasi tutto, ma...
    Dopo tutte le citazioni da fumetti e anime che hai fatto, te lo ripropongo un'altra volta, SPOSAMI!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rifammi la proposta al Comicon e accetto u__u

      Elimina
  15. Ci abbiamo portato il bacarospo. Ci siam divertiti tutti quanti. Son tornata bimbetta per due ore, davvero una gran sorpresa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che anche io sono tornata un po' bacarospa :P

      Elimina
  16. Daccordissimmo su tutto con te, io ero letteralmente ipnotizzato dallo schermo. Divertimento assoluto e le 2 ore sono veramente volate!!! A fanculo la trama e viva petroliere in da la fazza!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hhahah grandissimo esempio di entusiasmo, bravo!!!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...