martedì 8 luglio 2014

Nurse 3-D (2013)

Nonostante la blogosfera unita fosse concorde nel ritenerlo una porcata delle peggiori, in questi giorni ho recuperato Nurse 3-D, diretto e co-sceneggiato nel 2013 dal regista Douglas Aarniokoski. Ma soprattutto... peerchèèèè???

See, see, ringraziamo tutti Fotosciòp, per cortesia!
Trama: Abby conduce una doppia vita, di giorno è un'infermiera provetta mentre di notte si dedica a punire i mariti o i fidanzati fedifraghi. La questione si complica quando Abby si invaghisce della sua protetta Danni...


Cosa si può dire di un film che non è un horror, non è un thriller, non fa ridere, non fa riflettere, non diverte e, qui lo dico a beneficio dei lettori porZelini, non è nemmeno vagamente sexy come parrebbe promettere l'idea di un'infermiera amante del sesso e del sangue? Non si può dire nulla tranne che Nurse 3D potrebbe davvero essere il punto più basso di un certo tipo di horror modaiolo, splatteroso e ridanciano che viene dato volentieri in pasto all'adolescente americano boccalone medio e mi chiedo quale sia stata l'utilità di distribuire una simile porcata persino in treddì. Non bastava la bidimensionalità? Davvero lo spettatore target aveva bisogno del 3D per contare i parchi peli sulla passera di Paz de la Huerta? Eh Bolla, che volgarità! Ma volgarità un par di palle, ribadisco: accetto il 3D ma spiegatemi perché la protagonista si diverte ad uccidere la gente indossando solo un reggiseno! Hai le tette che ti cadono? Non usi Chilly e il tuo intimo manca di freschezza visto che in OGNI maledetta inquadratura del tuo deretano o della tua patata la mutanda non esiste? No, scusate, 'sta cosa non mi torna: se fossi una pazza psicopatica ucciderei la gente completamente nuda, tanto cosa diavolo cambierebbe? Ma poi perché mai all'inizio del film la protagonista uccide i mariti fedifraghi, cosa che avrebbe anche senso, dopodiché per accontentare lo spettatore pipparolo diventa una lesbicona infoiata il cui unico interesse è accaparrarsi l'ammore della topolona bionda (assunto iniziale, addio...) e infine, per accontentare anche il fan dello slasher tout court, dimentica la sua passione per la professione infermieristica e macella ogni paziente che le capita a tiro (assunto iniziale e mediano, ciao ciao!)? Ma, soprattutto, perché cerco di trarre un senso da questa immane buddhanata quando già la santa Lucia aveva stilato un'ottima disamina dei motivi per cui Nurse 3D incarna la fine dell'horror così come lo conosciamo e insulta sia l'intelligenza dello spettatore maschio che la dignità della spettatrice femmina?


Aarniokoski non lo conosco, lo ammetto, non ho mai visto nemmeno The Day che, mi si dice, non è neanche male. Per me, di conseguenza, poteva anche rimanere in Finlandia ad intagliare il legno e sicuramente non ne avrei sentito la mancanza perché, santo cielo, quest'uomo non è in grado di costruire una scena tesa nemmeno per sbaglio, neanche durante i pochi momenti "thriller"/"horror" (per dire, sono più le sequenze in cui vengono inquadrate le terga della protagonista) che prevedono sangue a profusione, qualche urlo e nulla più. Giuro, l'unico momento in cui mi sono spaventata (o, meglio, ho aperto gli occhi ormai a mezz'asta), è stato quando ho sentito un tonfo tremendo provocato da un paio di tette che sbattevano contro un vetro. E mi sono spaventata più per l'abbondanza di silicone che per il tonfo. Poi, santo cielo, l'idea di raccontare l'intera vicenda attraverso la voce della protagonista mi conferma il fatto che Paz de la Huerta l'abbia data ad ogni uomo coinvolto nella produzione e realizzazione di Nurse 3D perché, davvero, non vedo altro motivo per aver dato la parte a 'sta tizia. Nomen omen (Huerta in spagnolo vuol semplicemente dire orto), la signorina avrebbe dovuto andare a zappare i campi visto che, salvo il fisico effettivamente mozzafiato, riesce ad essere ancora più monocorde, inespressiva e trash della peggiore Asia Argento: una drogatazza in botta, la cui parlata è resa ancora più strascicata dal chirurgo plastico che, maledetto lui, ha palesemente sbagliato ad iniettare il botox e il silicone in quei labbroni che paiono due canotti! Poi, detto da donna, la De la Huerta è talmente suCCida che, s'i' fossi uomo, non la copulerei nemmeno con quello di un altro, avrei paura di prendere malattie veneree da qui all'eternità. Va un po' meglio la biondina che le hanno affiancato ma, anche lì, che mercimonio! Tra l'inevitabile scenetta pornolesbosoft, lo sfoggio di addominali del fidanzato (not bad effettivamente...) e l'altro manzo nivuro a cui, pur essendo poliziotto, non dispiace intrattenersi con possibili sospettate, questo film mi è sembrato più un'ininterrotta serie di contentini per uomini e donne tristi, sfigati e soli più che un horror. E siccome so che i miei lettori NON rientrano in questa categoria di disperati oltre ogni recupero, vi sconsiglio caldamente la visione di questaMMerda.

Douglas Aarniokoski è il regista e co-sceneggiatore della pellicola. Nato in Finlandia, anche produttore, attore e sceneggiatore, ha diretto episodi delle serie Sleepy Hollow, Criminal Minds e Arrow.


Katrina Bowden interpreta Danni. Americana, ha partecipato a film come Tucker & Dale vs. Evil, American Pie - Ancora insieme, Piranha 3DD, Comic Movie, Scary Movie 5 e a serie come 30 Rock. Ha 26 anni e tre film in uscita.


Paz de la Huerta interpreta Abby Russell. Americana, ha partecipato a film come Le regole della casa del sidro e a serie come Broadwalk Empire. Ha 30 anni e quattro film in uscita.

Neanche. Con. Quello. Di. Un. Altro.
Kathleen Turner interpreta la capo infermiera Betty Watson. Indubbiamente un mito degli anni '80 e '90, la ricordo per film come Brivido caldo, All'inseguimento della pietra verde, L'onore dei Prizzi, Peggy Sue si è sposata, Il gioiello del Nilo, La guerra dei Roses, La signora ammazzatutti e Il giardino delle vergini suicide; inoltre, ha partecipato a serie come Friends, Nip/Tuck, Californication, ha doppiato la procace Jessica Rabbit in Chi ha incastrato Roger Rabbit e, sempre come doppiatrice, ha lavorato nel film Monster House e nella serie I Simpson. Anche produttrice e regista, ha 60 anni e un film in uscita, Scemo & + scemo 2.


Judd Nelson interpreta il Dottor Morris. Americano, ha partecipato a film come Breakfast Club, St. Elmo's Fire, Airheads - Una banda da lanciare, Jay e Silent Bob... Fermate Hollywood! e a serie come Moonlightning, Oltre i limiti, CSI - Scena del crimine, CSI: NY e Two and a Half Men; ha inoltre doppiato episodi de I Griffin e Phineas and Ferb. Anche sceneggiatore e produttore, ha 55 anni e quattro film in uscita.


Michael Eklund interpreta Richie. Canadese, ha partecipato a film come Watchmen, Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo, The Call e a serie come Dark Angel, Oltre i limiti, The 4400, Masters of Horror, Smallville, Supernatural e Bates Motel. Anche produttore, ha 42 anni e dieci film in uscita.


Martin Donovan (vero nome Martin R. Smith) interpreta Larry Cook. Americano, ha partecipato a film come Malcom X, Ritratto di signora, Insomnia, The Sentinel, The Alphabet Killer e a serie come CSI - Scena del crimine, Weeds, Masters of Horror, La zona morta, Ghost Whisperer e Hannibal. Anche regista e sceneggiatore, ha 57 anni e due film in uscita tra cui Inherent Vice, la nuova pellicola di Paul Thomas Anderson.


Se Nurse 3D vi fosse piaciuto... no, dai, non ci credo. Guardatevi solo La signora ammazzatutti, è meglio. ENJOY!

28 commenti:

  1. ne ho letto le peggio cose, e tu non fai che confermare... (The Day a me non era dispiaciuto).
    Però dovresti sacrificarti e recensire un filmdimmerda a settimana, perché le tue stroncature sono fantastiche! ;P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah stasera dovrei andare a vedere Le origini del male, ne parlano male tutti... con un po' di fortuna, chissà! :P
      Comunque a The Day magari un'occhiata la do!

      Elimina
  2. Paz de la Huerta non la sopporto...
    Il film lo lascio volentieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascia, lascia che non ti perdi nulla!!

      Elimina
  3. Un filmone. ahahah ho riso un sacco, è talmente una porcata che alla fine non mi ha nemmeno schifato. Procede per addizione di porcate e sono arrivato alla fine per vedere quella che seguiva e ammetto che come baraccone soft-porno funziona. Alla fine credo sia volutamente trash, non mi sembra un film fuori controllo. Da omino devo dire che la Huerta ha l'eleganza di una orata masticata, quindi se avrà anche un fisico incredibile ma un viso inguardabile, non saprei proprio a chi possa piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah io non l'ho trovato neanche trash perché non mi ha strappato nemmeno una risata, né si è creato quel reciproco prendersi in giro tra spettatore e regista. Quindi proprio una porcata fine a se stessa. E per la De la Huerta mi consolo, pensavo mi arrivassero insulti del tipo "eh ma perché ti piacerebbe essere figa come lei!" XD

      Elimina
  4. the day non era affatto male...recuperalo se puoi,,questo tenderei ad evitarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ri-segno The Day e ri-confermo: evita Nurse 3d!

      Elimina
  5. ammetto di averlo visto unicamente per Paz de la Huerta. una roba davvero inutile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh anche la De la Huerta è parecchio inutile, almeno come attrice. Come bambola gonfiabile avrebbe invece un'espressività perfetta!

      Elimina
    2. mah, a me in Enter the void e The limits of control (due signori film, d'accordo) era piaciuta molto, non solo fisicamente

      Elimina
    3. Ma davvero....?
      Allora li recupererò, anche solo per darle il beneficio del dubbio e capire il mistero di questa donnaccia!

      Elimina
  6. The day è bello. Ma queste cadute di stile mi fanno rizzare i parchi peli sulla passera di Paz de la Huerta... :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha :D
      Cadute di stile mie o del regista? XD

      Elimina
  7. The Day era cosettina caruccia, molto sempliciotto e vagamente amatoriale ma comunque con qualche buono spunto, uno di quei film che dici dai vediamo cosa saprà fare il regista con il prossimo. E invece...

    Me lo sono procurato subito quand'è stato disponibile, ma madò, sono piovute le recensioni più violente ever e l'ho abbandonato nell'hard disk :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me più che il regista hanno sbagliato gli sceneggiatori (tolto che, come ho detto, quest'uomo avrebbe dovuto strizzare più l'occhio a Rodriguez/Quentin e meno al porno, ecco...) che hanno preso un binario troppo "serio" quando invece era da sbragare e trasformarlo in un Machete al femminile XD

      Elimina
  8. The Day a me è piaciuto tantissimo...ma questo dai...ti vuoi proprio male eh???Visto il trailer di Green Inferno??Promette malissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì l'ho visto... ma sai che sono di parte e ad Eli posso solo voler bene!! :D

      Elimina
  9. Beh, ci hanno infilato gli elementi che ritengono dovrebbero attrarre lo spettatore medio: sangue, donne nude, lesbismo gratuito.

    Comunque non avevo idea che dovesse uscire Scemo e più scemo 2, ma si son svegliati ora?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ma almeno una trama sensata intorno costruiscigliela, ti fa così schifo? XD

      Eh già. Sbaglierò ma sarà un giusto flop!

      Elimina
  10. allora lo salto a priori, ciao bollicina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah grazie che ti fidi ^__* Ciao Arwenuzza!

      Elimina
  11. Ne faccio volentieri a meno, grazie dell'avviso ^^'
    Comunque, com'è che la povera Paz fuori da "Boardwalk empire" è uno scorfano della peggio specie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse perché essere cessa mal si sposa con la bellezza della serie? :D

      Elimina
    2. No, nella serie sembra proprio un'altra persona. Avranno un bravo trucccatore :-P

      Elimina
    3. Ma sì può essere. Se mi mettessi in mano ai truccatori professionisti credo diventerei figa anch'io XD

      Elimina
  12. Una schifezza. Ma secondo me, una schifezza innocua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sull'innocuo non sono d'accordo.
      Producendo simile monnezza spingi altri a fare lo stesso e svilisci sempre più un genere, l'horror, che non ne ha assolutamente bisogno.

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...