mercoledì 3 dicembre 2014

The Departed - Il bene e il male (2006)

Per il debutto del Bollalmanacco su V-Radio (a proposito, per chi se lo fosse perso il podcast è QUI) mi è stato chiesto di parlare di The Departed - Il bene e il male (The Departed), diretto da Martin Scorsese nel 2006 e vincitore di quattro premi Oscar (Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Sceneggiatura non originale, Miglior Montaggio). E forse, vista la qualità dell'opera, è bene parlarne anche un po' qui!


Trama: Colin Sullivan è appena diventato agente di polizia e la sua carriera è in costante ascesa; purtroppo, il ragazzo è un poliziotto corrotto al soldo del boss Frank Costello. Anche Billy è un novellino ma a lui è toccato invece lo scomodo compito di infiltrarsi nella gang di Costello per riuscire ad assicurare il boss alla polizia. Quando le strade dei due si incroceranno la situazione precipiterà inevitabilmente...


Lo sapete perché non avevo visto The Departed quando era uscito al cinema? Molto probabilmente anche perché ero in Australia ma soprattutto perché Leonardo Di Caprio mi stava incredibilmente sulle scatole e non potevo accettare che il mio Martino si abbassasse a collaborare con quel mocciosetto imberbe. Poi sono arrivati Scorsese e Nicholson e mi hanno presa a schiaffi forti sulla faccia perché The Departed è il più bel film recente diretto dal regista, perfetto in ogni suo aspetto, dalla trama alla regia, dagli attori alla colonna sonora. Sì, anche se è stato Mark Wahlberg (quasi irriconoscibile!) l'unico a portare a casa una nomination, tutti gli attori sono favolosi, anche e soprattutto Di Caprio, che non sfigura affatto né durante i duetti con il mostro sacro Jack Nicholson né davanti ai suoi colleghi, pur essendo costretto ad interpretare il personaggio più difficile della pellicola. Dei due protagonisti, Billy è infatti quello che, per come è stato costruito, rischiava di venire banalizzato oppure troppo caricato; un ragazzo proveniente da un ambiente malavitoso che è riuscito ad allontanarsi dalle sue radici solo per essere brutalmente ricacciato nel sottobosco criminale e che, ogni giorno, perde la sua identità e la sua sanità mentale. Di Caprio riesce a rendere il suo Billy credibile ed umano, fragile e duro al tempo stesso, mentre Matt Damon da vita a uno degli esseri più abietti mai visti al cinema, un codardo profittatore talmente falso e miserabile da risultare patetico, un verme celato da un'apparenza di bellezza, professionalità e carisma che in realtà non è altro che un lacché facilmente malleabile dalle sataniche mani di Frank Costello. Ecco, ovviamente Jack Nicholson da il bianco con un personaggio totalmente imprevedibile, un vero e proprio agente del Caos in grado di spezzare gli equilibri con uno schioccare di dita; ogni volta che la "partita" a carte coperte tra Colin e Billy, il loro gioco del gatto e del topo, sembra arrivare da qualche parte e favorire l'uno o l'altro inconsapevole contendente, spunta Costello a rimescolare tutto e a schiacciare lo spettatore con un costante senso di ansia e di imminente, sanguinosa tragedia.


Scorsese da par suo dirige con la solita finezza, dando vita a sequenze indimenticabili che acquistano ulteriore profondità grazie al montaggio della fantastica Thelma Schoonmaker e che creano sì un'atmosfera tesa ma anche molto grottesca, quasi una prefigurazione di quello che sarebbe stato poi The Wolf of Wall Street; ad una scena drammatica ne segue subito un'altra quasi farsesca (la morte di uno dei personaggi principali colpisce allo stomaco proprio perché è inaspettata visto il "clima" goliardico del momento), senza soluzione di continuità. Lo spettatore assiste così ad un vero e proprio balletto dalle mosse finemente pianificate, un'emozionante e tesissima corsa che ci fa arrivare alla fine senza fiato, cadenzata dalla splendida colonna sonora di Howard Shore, uno stranissimo mix di melodie latine (il cui ritmo somiglia molto a quello di un tango) e chitarre "americane", tipiche dei film polizieschi, a cui ovviamente si aggiungono pezzi già conosciuti come la devastante I'm Shipping Out to Boston dei Dropkick Murphys che, non so voi, ma a me esalta sempre un sacco e soprattutto incarna perfettamente un certo spirito irlandese. Oltre alla perfezione "formale", la tensione e il ritmo sono quindi assicurati in ogni aspetto di The Departed e lo spettatore viene inevitabilmente catturato da quel mondo fatto di sangue, religione, criminalità ed ipocrisia che ha sempre affascinato Martin Scorsese e che rende i suoi film migliori dei capolavori unici nel loro genere, da vedere, ascoltare e vivere fino in fondo. E pazienza se stavolta la sceneggiatura non è originale ed è stata addirittura tratta dal film hongkonghese Internal Affairs, pazienza se ci allontaniamo dai miei adorati mafiosi italo-americani per addentrarci nei meandri della mala irlandese: il cuore nero e malato dell'America, il malcelato senso di colpa di vivere una vita al di fuori dei dettami cattolici e sociali, il desiderio di diventare altro da sé non hanno confini né limiti e Martin lo sa bene!


Del regista Martin Scorsese ho già parlato QUI. Di Leonardo Di Caprio (Billy), Matt Damon (Colin Sullivan), Jack Nicholson (Frank Costello), Mark Wahlberg (Dignam), Ray Winstone (Mr. French), Vera Farmiga (Madolyn), Alec Baldwin (Ellerby), Kevin Corrigan (Cugino Sean) e James Badge Dale (Barrigan) ho già parlato ai rispettivi link.

Martin Sheen (vero nome Ramon Antonio Gerard Estevez) interpreta Queenan. Americano, padre di Charlie Sheen ed Emilio Estevez, lo ricordo per film come Apocalypse Now, Gandhi, La zona morta, Fenomeni paranormali incontrollabili, Wall Street, Hot Shots! 2 e Prova a prendermi, inoltre ha partecipato a serie come Colombo, Due uomini e mezzo e doppiato episodi delle serie Capitan Planet e i Planeteers e I Simpson. Anche produttore e regista, ha 74 anni e quattro film in uscita.


Anthony Anderson interpreta Brown. Americano, ha partecipato a film come Io, me & Irene, Urban Legend: Final Cut, Scary Movie 3 - Una risata vi seppellirà, American Trip - Il primo viaggio non si scorda mai, Scary Movie 4, Scream 4 e a serie come Tutto in famiglia e The Bernie Mac Show; come doppiatore ha invece partecipato a film come Cappuccetto rosso e gli insoliti sospetti. Anche produttore, sceneggiatore e regista, ha 44 anni e un film in uscita.


Per partecipare a The Departed Leonardo Di Caprio ha rifiutato il ruolo di protagonista in The Good Shepherd - L'ombra del potere, subito sostituito da Matt Damon, mentre Robert De Niro ha rifiutato il ruolo di Queenan proprio per partecipare a quel film; Ray Liotta, invece, ha dovuto rinunciare al ruolo di Dignam per impegni pregressi e lo stesso è successo a Mel Gibson, scelto per il ruolo di Ellerby ma già impegnato sul set di Apocalypto. Brad Pitt invece, dopo aver rifiutato la parte di Colin Sullivan (e Tom Cruise avrebbe dovuto essere Billy), è diventato uno dei produttori della pellicola. Tra gli altri "rifiuti" c'è anche quello di RZA, per fortuna, contattato per la parte di Brown ma impegnato in altri progetti. Come ho detto nel post, inoltre, The Departed è praticamente il remake di Internal Affairs e dei suoi due seguiti, di cui contiene alcuni elementi. Se il film vi fosse piaciuto potreste provare a guardarli, altrimenti buttatevi fiduciosi su The Town, Heat - La sfida e Donnie Brasco. ENJOY!

24 commenti:

  1. Ricordo che lo vidi per l'intero cast stellare, ma nel finale fu un film che mi piacque molto.
    Sinceramente mi parlarono tempo dopo della pellicola originale, ma non l'ho mai recuperato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho ancora visto nemmeno io ma adesso mi è venuta la curiosità!

      Elimina
  2. grande film, per quanto riguarda v-radio la pubblicità te la meriti tutta, ma tieni presente una cosa, la tua passione e il tuo amore per il cinema è una cosa che nessuno ti potrà mai togliere, difendila e approfondiscila sempre ^_^ un abbraccio bollicina, te lo meriti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è sicuro, cara e nulla potrà mai cambiarlo! :)
      Un abbraccio anche a te!

      Elimina
  3. il film è bello ma gli Oscar vinti furono una mezza presa per il culo anche perché, non so se hai visto l'originale, ma qui c'è poca farina del sacco di Scorsese che imita anche le sequenze e i movimenti di macchina di Infernal Affairs....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martino eppure disse di avere visto il film solo dopo aver completato le riprese.... tuttavia non discuto, Internal Affairs mi manca e io sono troppo di parte per poter controbattere senza pregiudizio :P

      Elimina
  4. Devo assolutamente trovare modo e tempo di ascoltarmi la puntata.

    Questo e' forse l'unico recente di Scorsoio che ho retto e guardato senza convulsioni e schiuma alla bocca: miracolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io amo Scorsese, non faccio testo! :D

      Elimina
  5. Non ho visto l'originale, ma questo è un cult a casa nostra...

    RispondiElimina
  6. Uno dei miei Scorsese preferiti e pace se è un "remake"... Di Caprio e Nicholson GIGANTI!!! Mi sono piaciuti anche Wahlberg e Damon. Ma diciamo che il cast TUTTO è eccezionale. Un filmone, a mio avviso. Colonna sonora bellissima. La scena della "mano" terrificante... E quel ratto sulla ringhiera del balcone nell'ultima scena...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono pochi esempi di remake fatti bene e questo ne è un esempio... se fossero tutti così non bestemmierei ad ogni annuncio delle uscite cinematografiche recenti! XD

      Elimina
  7. meno male che sei riuscita a rivalutare il povero leo ;)

    io invece grazie a questo film ho rivalutato matt damon, che nella parte del codardo è perfetto, sarà un caso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere un caso... io Matt Damon lo sto ancora un po' studiando, non mi è mai piaciuto particolarmente :)

      Elimina
  8. Uno tra i miei preferiti di Scorsese! Cast incredibile, concordo sulla perfezione nei vari aspetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me i vecchi sono inarrivabili ma questo è riuscito a diventare uno dei miei preferiti :)

      Elimina
  9. Girato alla grande, eppure secondo me è stato molto sopravvalutato.
    Le cose migliori di Scorsese sono altre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo poco ma sicuro. Però tra i suoi film "moderni" sicuramente questo è il migliore dopo The Wolf of Wall Street!

      Elimina
  10. io non ho ancoraa visto the wolf of wall street, e quindi la palma di miglior scorsese recente va ancora a The Departed per me :) Bella recensione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! E recupera The Wolf appena puoi perché è sicuramente il film più bello dell'anno!!

      Elimina
  11. Film straordinario. Adoro sopratutto il gioco delle "croci" che appaiono ogni volta che un personaggio sta per morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno, Scorsese è un grande!

      Elimina
  12. Ho finito di vederlo proprio in questo momento, l'avevo in lista da tempo, ma dopo essermi guardata lo spettacolare The Wolf of Wall Street ieri mi sono decisa.
    Ottimo film, non c'è che dire, ma ai miei occhi non può competere con Infernal Affairs, io poi sono di parte perché adoro i film di Hong Kong e le loro atmosfere, completamente diverse da quelle americane, e anche il carisma degli interpreti (senza nulla togliere ai bravissimi colleghi statunitensi) pende decisamente a favore di Tony Leung e Andy Lau. Se ti capita guardalo, merita davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo quello che hai scritto non posso esimermi... anche se io sono altrettanto di parte, però per Scorsese!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...