martedì 27 ottobre 2015

Il Bollodromo #19: Lupin III - L'avventura italiana - La marionetta assassina

E' martedì, giorno di Lupin - L'avventura italiana e conseguentemente giorno di camurrìa! Ma stavolta, forse perché il titolo dell'episodio era La marionetta assassina e di solito questi due elementi formano un connubio da me assai temuto nonché gradito, i realizzatori sono riusciti a portare a casa un prodotto perlomeno dignitoso.


Nel Paese degli spaghetti e del mandolino ma soprattutto della mafia, in qualche punto imprecisato di un'Italia che ormai è solo mero e scenografico sfondo, c'è un tizio che si diverte a fare il salvatore del popolo promettendo alla gente di liberarla dai Malvagi. E chi è più malvagio di Lupin e soci? Perché andare, che so, dai peggiori capimafia quando puoi prendertela con persone che nemmeno rubano più e che si limitano a magnare e bere in un orrido bugigattolo? Mah, esigenze di copione. Sta di fatto che questo tizio dagli inquietanti capelli biondi è solito riunire gruppi di malviventi, scegliere uno di loro, farne la sua marionetta e spedirlo ad uccidere i compagni: in due parole, La cosa versione Lupin III. Ok, senza scomodare il Capolavoro di Carpenter, diciamo che, nonostante avessi capito già dall'inizio chi tra i nostri eroi fosse stato trasformato in marionetta, l'episodio gestisce bene la tensione e le dinamiche del whodunnit?, alimentando la curiosità dello spettatore senza afflosciarsi neppure troppo nel finale (per quanto, anche stavolta, Lupin non abbia rubato nulla ma si sia solo goduto il frutto delle scommesse).


Momento più alto de La marionetta assassina è il favoloso, per quanto breve, duello tra Jigen e Goemon, uno scontro che, per quanto ne dicano gli sceneggiatori privi di memoria storica, si era già tenuto almeno due volte in passato, sicuramente nello special TV Resa dei conti per Lupin ma anche in una delle ultime puntate di Una donna chiamata Fujiko Mine (sebbene i due non si conoscessero e si vedessero con le sembianze di gufi), ma che comunque è sempre qualcosa di godereccio. Seguono ovviamente anche un paio di inevitabili momenti "bassi", perché troppa badassitudine per Jigen e Goemon evidentemente agli sceneggiatori non piace, quindi durante l'episodio scopriamo che Jigen fa una non meglio specificata dieta (che, a quanto pare, lo rende dipendente dall'Imodium e soprattutto, se ho compreso bene gli highlights della prossima puntata, gli consentiranno di diventare un modello...) e, soprattutto, che Fujiko ha lo sterno d'acciaio o non si spiegherebbe perché non sia stata uccisa da un coltello infilato dritto tra le sise "protette" da un imbarazzante quanto inutile corpetto. Vabbé, inutile virgola. Il tizio biondo e persino il prete parrebbero aver gradito! Tanta grazia non durerà a lungo, vi avviso: con l'episodio La prima cena torneranno Rebecca, Nyx e il redivivo Leonardo Da Vinci. Uccidetemi con un coltello tra le sise, grazie!!


Ecco le altre puntate di Lupin III - L'avventura italiana:

Episodi 1- 4
Episodi 5 - 7
Episodi 8-10
Episodi 11-13 
Episodio 14
Episodio 15
Episodio 16
Episodio 17


20 commenti:

  1. Addiritura Giovanni Carpentiere heilà, forse gli sceneggiatori sono riusciti a darsi un giro finalmente, speriamo non sia un fuoco di paglia ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quasi sicura che lo sia, anche perché Carpenter posso citarlo anche io pur facendo unaMMerda XD

      Elimina
  2. Risposte
    1. No ma a me fa ridere che il corpetto non le copre affatto quel punto. Avrebbero fatto meglio a parlare di coltello dalla punta retrattile XD

      Elimina
    2. forse volevano farci intendere che il corpetto stringe così tanto le tette da consentire di reggere in equilibrio un pugnale? mha hahahh

      Elimina
    3. Da Fujiko mi aspetterei questo e anche di più!!

      Elimina
  3. Riassumi sempre perfettamente il succo della puntata, come non darti ragione..tra quelle "sise" morirei XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uomini, accontentatevi ché a 'sto giro Fujiko è più parca che pòrca, ahivoi!

      Elimina
  4. EHhehehee
    Io non so che altro aggiungere.
    Penserò a te quando recupererò tutto. Hai tutto il mio supporto XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei davvero certo di volere recuperare? XD

      Elimina
  5. Punta molto bella, anche perché di paletti c'è ne erano pochi, quindi gli sceneggiatori si sono sbizzarriti. Dopo due puntate di melma ci voleva questa puntata per respirare un po. L'unica pecca era una certa semplicità di base (chi sia la marionetta si capisce subito). Per una volta Lupin usa il cervello e sbanca il banco.

    Sul duello tra Jigen e Goemon credo che ogni capitolo faccia storia a se. Anche perché la serie "Fujiko" dovrebbe essere ambientata negli anni 60-70, mentre quella attuale è moderna come datazione. Quindi i nostri duellanti dovrebbero avere una "settantina d'anni" ben portati in questa puntata (beati loro!). Che mi ricordi poi già nel loro primo incontro nella prima serie c'era stato un breve duello.

    Fujiko dimostra che risolvere le situazioni di "petto" è sempre la migliore soluzione ;P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'identità della marionetta era palese ma ci sta, via. Quanto all'età anagrafica dei nostri eroi ci sarebbe da parlare per ore ma come al solito il tempo nei cartoni è molto dilatato benché, con tutti i limiti del caso, Fujiko Mine to iu onna fosse un prequel dichiarato...

      Elimina
    2. Credo di si, anche se il finale della serie sembra quasi spazzare via quanto si era imbastito per mantenere l'aurea di mistero intorno a Fujiko.

      Ovvio che il tempo sia relativo, infondo Lupin è i un emblema che viene di volta in volta impersonato da un personaggio leggermente diverso in alternative epoche. Un po come il "Dottore" di Doctor Who.

      Elimina
    3. Però quello che mi sono sempre chiesta è: se Lupin in realtà è un uomo che "indossa" la maschera... allora Jigen, Goemon, Fujiko e Zenigata allora sono gli ultimi Highlanders? XD

      Elimina
    4. Ovvio che no ;) L'onorevole tradizione giapponese ci insegna che i discendenti di un personaggio avranno sempre tratti somatici quasi identici al progenitore (tranne al massimo per qualche elemento). Basti guardare la serie mai realizzata "Lupin VIII", dove Lupin e soci quasi identici ai loro antenati.

      http://www.pluschan.com/uploads/gallery/album_41/gallery_18_41_210228.jpg

      Elimina
    5. Sai che quella serie mai realizzata GIUSTAMENTE non esiste, vero? XD Che aberrazione!!

      Elimina
    6. Comincio a pensare che forse rispetto "all'avventura italiana" non sarebbe stata malaccio. Infondo anche in questa Lupin non ruba, ma almeno in Lupin VIII c'era la scusa del cambio di "lavoro". Poi fumare è cancerogeno quindi un bel lecca lecca per Jigen ci sta ;p .

      Elimina
    7. Credo che se fossi stata costretta a vedere un Jigen col chupachups in bocca il mio cuore non avrebbe retto. Sarei morta di tristezza XD

      Elimina
  6. Come al solito non posso che concordare su tutto, una puntata molto dignitosa che poi ha qualche momento di superficialità estrema o di raffazzonamento generico nel disegno o nella trama...
    Ed anche dopo questa puntata ciò che rimane impresso è il bocciodromo di Fujiko!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è rimasto impresso il duello ma mi rendo conto u_u Bisogna cominciare a sperare che il bocciodromo venga sfruttato ai livelli di Una donna chiamata Fujiko MinNe XD

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...