domenica 9 marzo 2014

La bella e la bestia (2014)

Mercoledì sono riuscita a convincere un'amica ad andare a vedere La bella e la bestia (La belle et la bête), l'ultimo film del regista Christophe Gans, preparandomi già al peggio...


Trama: Belle, figlia di un mercante, si offre di prendere il suo posto come prigioniera di una terribile bestia che vive in un castello incantato. A poco a poco, tra i due nascerà l'amore...


Chi mi conosce sa quanto abbia amato La bella e la bestia, senza se e senza ma il cartone animato Disney più bello in assoluto. Chi mi conosce sa anche che, nonostante mia madre ami definirlo "faccia da porco e leppego", ho un debole per il buon Vincenzo Cassola che, se leggerà queste righe, ora che è single potrebbe anche fare un salto da me. Questo per dire che, all'idea che Gans girasse un film tratto da La bella e la bestia, il cor mi si spauriva molto leopardianamente ma, allo stesso tempo, l'idea di una bestia Cassoliana mi intrigava... beh, mi intrigava aBBestia. Questo dualismo mi ha accompagnata fino all'inizio del film che, per fortuna, si è distaccato completamente dall'adorato capolavoro animato e ha preso una strada tutta sua, consentendomi così di godermelo senza pregiudizi di sorta e anche di emozionarmi e commuovermi, di tanto in tanto. Partendo dalla fiaba nella versione di Jeanne-Marie Leprince de Beaumont, Gans aggiunge elementi che rendono la trama simile a quella dei miti dell'antica grecia e, fondamentalmente, si concentrano più sulla natura bestiale intrinseca dell'uomo che sulla capacità di vedere oltre le apparenze e accogliere l'altro da sé. Tutti i protagonisti infatti, tranne Belle, sono mossi dai più bassi istinti umani quali l'avidità e la vanità e il Principe viene trasformato in Bestia proprio in virtù di questi due difetti, che lo portano ad ignorare le richieste provenienti dall'oggetto del suo amore, fino alle estreme conseguenze. Allo stesso tempo, non esiste per Belle un percorso che la porterà con pazienza ad amare la Bestia in quanto tale ma, come si dice, "ci piace vincere facile"! Al quarto giorno la virtuosa fanciulla è già non tanto conquistata dallo charme della bestia ma dai ricordi della precedente moglie, che le arrivano in sogno nottetempo: Belle vede la donna ballare con quel figo di Vincent Cassel e testimonia pure quanto quest'ultimo fosse una bestia sì, ma a letto. Tac, innamorarsi è un attimo, chiamamela scema, anche perché la bestiola dopo cent'anni, per così dire, di solitudine, ne ha una voglia che lévati e Gans lascia intendere che il protagonista non provi un sentimento così casto e puro verso la Bella (per dire, implorarla di chiamarlo ancora "Disgustoso" per poi afferrarle corpetto e quanto sta sotto per "salvarla" non è molto Disneyano). Infatti sconsiglierei alle mamme di portare le bambine al cinema e andrei per i fatti miei, signore, che lì c'è tanta roba bella e buona.


Tornando in ambiti un po' più cinematografici prima che il fascino di Cassel (e la voce italiana di Roberto Pedicini, santo cielo!!!) mi obnubili la mente, c'è da dire che l'impianto tecnico non si differenzia molto da quello de Il patto dei lupi. Gans sceglie una via di mezzo tra l'approccio Burtoniano e quello di Paul W.S. Anderson, il franzoso adora i barocchismi e si vede; il castello della Bestia è qualcosa di incredibile sia all'interno che all'esterno, le scene oniriche dove Belle si immerge in specchi e fontane danno il capogiro e le poche scene d'azione sono ben coreografate. Gli effetti speciali sono tantissimi e, per la maggior parte, sono realistici e per nulla fastidiosi mentre altri, purtroppo, non raggiungono lo scopo e risultano forzati; uno dei peggio riusciti, purtroppo, è proprio la Bestia che, vista a figura intera, viene penalizzata da movenze troppo rigide. L'unica cosa che non perdono a Gans è quella di avere inserito a forza nella trama un branco di buffi simil-cagnolini che, innanzitutto, visivamente parlando sono un pugno nell'occhio che farebbe ribrezzo persino a Luc Besson e ai suoi Minimei e poi sono completamente inutili per quel che riguarda la storia, messi lì solo per accontentare eventuali spettatori bambini mentre le madri rimangono imbambolate davanti allo schermo e a Cassel. Che, bello lui, nei panni della Bestia/Principe è superbo, sembra che il ruolo gli sia stato cucito addosso. Meravigliosa anche la Seydoux, innocente e sensuale al tempo stesso e, soprattutto, avvolta in mezza dozzina di abiti uno più bello e colorato dell'altro. Gli altri attori invece lasciano un po' il tempo che trovano, non amo molto i francesi e il doppiaggio di solito piatto non giova alla loro recitazione, infatti tra tutti spiccano il bravo e luciferino Eduardo Noriega e la splendida e regale Yvonne Catterfeld, l'uno spagnolo e l'altra tedesca. Insomma, pensavo peggio e invece ho trovato questo La bella e la bestia particolare, avvincente e gradevole, per quanto leggermente sempliciotto e paraculo: sicuramente meglio di molte altre fiabe modernizzate di recente, meglio sicuramente de Il grande e potente Oz o Alice in Wonderland. Potere di Cassel? Probabile, ma quel che è giusto è giusto.


Del regista e co-sceneggiatore Christophe Gans ho già parlato qui. Vincent Cassel, che interpreta la Bestia, lo trovate invece qua.

Léa Seydoux (vero nome Léa Hélène Seydoux-Fornier de Clausonne) interpreta Belle. Francese, ha partecipato a film come Inglorious Basterds, Midnight in Paris, La vita di Adele e sarà anche nell'imminente The Grand Budapest Hotel. Ha 29 anni e tre film in uscita.


André Dussollier interpreta il Mercante. Francese, ha partecipato a film come 3 uomini e una culla, Il favoloso mondo di Amélie, Vidocq, Tanguy, Agents Secrets e Una lunga domenica di passioni. Ha 68 anni e un film in uscita.


Eduardo Noriega (vero nome Eduardo Noriega Gómez) interpreta Perducas. Spagnolo, ha partecipato a film come Tesis, Apri gli occhi, La spina del diavolo, Che Guevara e The Last Stand - L'ultima sfida. Anche sceneggiatore, ha 41 anni.


Se La bella e la bestia vi fosse piaciuto recuperate l'omonimo capolavoro disneyano e Il patto dei lupi. ENJOY!!

26 commenti:

  1. Addirittura maeglio di Oz, a me piacque assai il rifacimento di Raimi, non da farmi strappare i capelli dalla gioia, ma almeno la visione cinematografica è passata indolore e divertendomi pure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi ero annoiata tantissimo... forse perché mi aspettavo un capolavoro in grado di superare Ritorno ad Oz! :)

      Elimina
    2. Io ero pronto al peggio specie dopo "Alice in wonderland"

      Elimina
    3. Beh peggio non si poteva fare XD Giusto Biancaneve e il Cacciatore, forse!

      Elimina
    4. Cosa mi riporti alla memoria "Biancaneve e il cacciatore". L'ho visto sulla sica di commenti abbastanza positivi, ma alla fine anche quella si è rivelata una delusione. Partendo dal fatto che la Stewart per quanto bella non è la Theron e questo la dice lunga su quanto lo specchio sia bravo a mentire, ma Thor con la spada nei panni del cacciatore non si può vedere. Tutto troppo truzzo, tutto troppo stupito per essere sopportabile. Ho rpeferito in questo senso il Biancaneve di Tarsem, almeno era onesto, sempre una cazzatona ma onesta.

      Elimina
    5. La Stewart per me non è né bella né espressiva, mentre Thor, per quanto sia incredibilmente bellerrimo, in quella parte non sapeva proprio di nulla.
      Il biancaneve di Tarsem, per contro, l'ho adorato.. soprattutto per il finale Bollywoodiano!!

      Elimina
    6. Il finale in stile Bollywood e i costumi della mai troppo osannata Eiko Ishioka sono le cose che preferisco. Poi anche il climax generale è ben gestito con le musichine di Menken, probabilmente è uno dei miei film vergona XD

      Elimina
    7. Ahahah film vergogna? Addirittura? Un giorno lo rivaluteranno TUTTI e ci chiameranno geni u__u

      Elimina
  2. Non m'attira per nulla, ma secondo me ci vuole poco per esser meglio di Alice in Wonderland XD
    Comunque, se tecnicamente è simile al Patto... boh, magari quando lo daranno in tivì gli getto un'occhiata :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardalo, secondo me è assai carino! (E Alice... vabbé, passi falsi che vanno rimembrati all'infinito!)

      Elimina
  3. Continua a non attirarmi per nulla.
    E considerato quanto ho detestato Alice, non so se mi convincerò a vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una visione disimpegnatissima, eh. Forse però a te non lo consiglierei, è molto poco fordiano :P

      Elimina
  4. Io sono rimasta un po' insoddisfatta.. certamente è un film carino ma si è perso in cose inutili.. poteva dare molto di più! :s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trama è effettivamente poco approfondita, però alla fine sono riuscita anche a farmi scendere la lacrimuccia, quindi mi ha sicuramente coinvolta :P

      Elimina
  5. mi sa che te sei un po' troppo di parte. :)
    a me la storia della bella e la bestia non ha mai detto niente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No beh per me quella della Disney è IL capolavoro per eccellenza, soprattutto per il modo in cui hanno costruito la storia.
      Quella di Gans è più superficiale purtroppo ma in quanto ad immagini (e Cassel) tanta roBBa :)

      Elimina
  6. Quando penso a questo film penso al film del 1946.
    Penso che un giorno ci darò un occhiata, me lo metto nella lista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello di Cocteau? Ma sai che non l'ho mai visto, vergognosamente? Tocca recuperare...

      Elimina
  7. Questo non lo vedo nemmeno sotto tortura, poco ma sicuro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che hai visto di peggio secondo me!! :P

      Elimina
  8. Mmm no, non posso farcela. :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Compiango voi maschiacci che non subite il fascino del Cassel e di una storia d'aMMore senza tempo u__u

      Elimina
  9. Non so se ce la posso fare...Cassell in pigiama medievale poi mi pare ridicolo assai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figlia mia, Cassel è figo persino conciato da travestito, altro che pigiama medievale!! :P

      Elimina
  10. Su queste fiabe moderne riviste sono molto dubbiosa. Mi sa che passo, a questo giro XD

    PS: la Bella e la Bestia è anche uno dei miei film animati Disney preferiti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari poi recuperalo, mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :P

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...