mercoledì 13 agosto 2014

Una vita fa, con quei cartoni animati lì dove tutto è cominciato (e che non è mai finito!)

Dopo aver stilato la mia storia fumettistica, grazie ai blog La firma cangiante e Prima o poi, ecco arrivare la mia personalissima storia a cartoni animati, ispirata al post di Prevalentemente anime e manga. Preparatevi perché i cartoni animati che mi hanno cresciuta (che ancora mi crescono, vah!) e che hanno alimentato il mio amore per il genere sono tantini nonostante abbia volutamente eliminato i lungometraggi cinematografici per concentrarmi solo sulle serie televisive: occhio agli attacchi di nostalgia canaglia e... ENJOY!

Tom & Jerry e Will E. Coyote
La base per un'infanzia serena ed equilibrata. Ovviamente, è preferibile sempre scegliere gli episodi che portano la firma di Chuck Jones alla regia, sono disegnati meglio e fanno più ridere. Oppure, parlando di Tom & Jerry, quelli ambientati in Italia, con i topolini autoctoni che parlano un esilarante italiese!

Il "mouso" napoletano!
Lo squadrone avvoltoi e Le Wacky Races
Dick Dastardley, in tutte le sue incarnazioni, è stato uno dei miti della mia infanzia. Ancora oggi mio padre si diverte a citare il cane Muttley e il suo "dammi la medaglia, dammi la medaglia!!". Imprescindibili. Le uniche due serie Hanna & Barbera che non mi facevano venire voglia di dar fuoco al televisore.

Muttley
Il fiuto di Sherlock Holmes e Il giro del mondo di Willy Fog
Prima che qualcuno urli all'orrore, LO SO che non c'entrano nulla l'uno con l'altro. Il primo è una co-produzione italogiapponese supervisionata nientemeno che da Hayao Miyazaki ed è ispirato ai personaggi di Arthur Conan Doyle mentre il secondo è una co-produzione ispanogiapponese ispirata ai romanzi di Jules Verne. Li ho messi assieme perché adoravo entrambi ed entrambi avevano per protagonisti animali antropomorfi, nella fattispecie un segugio e un leone. Dovessi dire quale fosse il mio preferito opterei senza dubbio per Il fiuto di Sherlock Holmes e per quel balengo di Moriarty col suo accento piemontese!!

Moriarty
Ispettore Gadget
Il bandito è là (Attivo Gadget) Ridere mi fa (Uh uh) Non mi sfuggirà (Per l'ispettore) Hip hip hip hurrà! Con il suo Hop Hop Gadget *inserire oggetto a piacere* e il messaggio che si autodistruggeva appena finito di leggerlo, il buon Ispettore è stato uno dei miti della mia infanzia e lo ricordano con piacere anche i miei!


Mila e Shiro e Holly & Benji
I due anime che hanno iniziato ogni bambino italiano degli anni '80 allo sport. Sfido chiunque a non aver mai provato il "servizio" di Mila con tanto di capata d'esordio sulla palla all'urlo di Attack!, i passaggi fulminei di Kaori o il salto sulle traverse dei Fratelli Deker, che durante le partite di calcio tra maschietti ha fatto più vittime della guerra in Corea.

Le improbabili evoluzioni di Mila
I fantastici viaggi di Fiorellino e Flo la piccola Robinson
Anche questi non c'entrano una cippa l'uno con l'altro ma li guardavo nello stesso periodo. Il primo raccontava la storia di Fiorellino, orfanella inseguita per tutto il pianeta dai pittoreschi pretendenti dell'odiosa principessa Florence solo perché la sua gattina Lili si era mangiata il prezioso anello di quella grandissima impunita. Lo adoravo perché la protagonista cambiava abito ad ogni puntata, adattandosi ovviamente alle varie tappe del suo viaggio. Flo la piccola Robinson invece, come dicevano nella tristissima sigla iniziale, raccontava di un naufragio a cui sopravvivevano solo Flo, i genitori e i due fratelli, che dovevano di conseguenza imparare a vivere su un'isola deserta. Il padre era ingegnosissimo e tanto saggio, il mio personaggio preferito!!

Flo e il suo meraviglioso bestiolino
C'era una volta Pollon e Nana Supergirl
Le due supercazzole del mitico Hideo Azuma. Il primo non credo necessiti di presentazioni, tutti i bambini degli anni '80 hanno imparato la mitologia grazie a Pollon e alla sua ambigua polverina magica che "sembra talco ma non è, serve a darti l'allegria". Quanto a Nanà, con le sue gambette a forma di tronco, è l'esempio di quanto gli adattamenti italiani dell'epoca, per quanto cazzari, fossero fatti col cuore: Leonetto, Bobolo e Pannocchione sono tre esempi di genialità assoluta.

Sembra talco ma non è!
The Real Ghostbusters
E solo quelli veri, ché Ghostbusters con Malefix non l'ho mai potuto sopportare. Il mio amore per Peter Venkman, nato ovviamente col film e con l'interpretazione di Bill Murray, è rimasto vivo per anni grazie a questo divertentissimo (e a tratti pauroso, ricordo ancora adesso l'omino del sonno!!) cartone animato.


Lupin, l'incorreggibile Lupin
Conosciuto con questo titolo, la sigla omonima e la giacca rosa, questo anime mi accompagna ancora adesso, come ben sa chi segue il Bollalmanacco. E Jigen, ovviamente, è tuttora il modello di riferimento per eventuali compagni/mariti/fidanzati.


Lady Oscar
Volete farmi piangere allora? L'Anime per eccellenza, quello che VA visto a prescindere, dotato di un'accuratezza storica, musicale, artistica e registica ancora oggi ineguagliate. Un capolavoro che mi spezza il cuore ad ogni visione e che mi induce a versare una sciocca, nostalgica lacrima ogni 14 luglio.


L'incantevole Creamy, Magica Emi, Lalabel, Lulu l'angelo tra i fiori
Tutte le ragazzine hanno le loro maghette. Le mie sono state queste: l'idol Creamy, la prestigiatrice Emi, Lalabel con la sua valigia e il suo "gattino che trema dalla paura" e la bionda Lulù, che cercava disperatamente il meraviglioso Fiore dai sette colori. Tutte bellissime, simpatiche da morire e con dei gadget che avrei dato l'anima per avere.

Lulù, l'angelo tra i fiori
Duck Tales
La mia passione per Zio Paperone veniva consacrata alla fine degli anni '80 grazie a questa epica serie che vedeva lo Zione a spasso per il mondo in cerca di tesori assieme ai nipotini Qui, Quo e Qua, la governante Dettina (Cettina? Bettina? Come razzo si chiamava??), la piccola Gaia e, soprattutto, Jet McQuack. Lui. "AaaaaaaAAAAAAaaaaAAAAh Signor De' PaperOOOoooOOnii!" Un pellicano tonto e pasticcione che è stato trasformato in una checca sfranta da un doppiaggio italiano geniale ma spietato.


Il mistero della pietra azzurra
Se un ragazzo tredicenne salverà un'acrobata del circo della stessa età comincerà uno degli anime più belli ed esaltanti di tutti i tempi, un mix di avventura, fantascienza e quelle incredibili pippe mentali che avrebbero reso famosi Hideaki Anno e lo Studio Gainax. Aggiungo che il finale dell'opera è sconvolgente e che, purtroppo, all'epoca Mediaset cominciava già a censurare parecchio e a sproposito.


Tartarughe ninja alla riscossa e Biker Mice da Marte
Anche questi li ho uniti in virtù degli animali antropomorfi che hanno come protagonisti e per il fatto che hanno sempre tirato fuori il maschiaccio zamarro che è in me. La perdita di una sola puntata delle due serie era per me fonte di grandissimo diludendo e depressione, mancava proprio quella carica che solo un branco di ratti e tartarughe dal pugno facile poteva dare! Ah, se vi interessasse sapere quali fossero i miei personaggi preferiti, Michelangelo (fascia arancione) per le Turtles e Pistone per i Biker Mice.

Il cast dei Biker Mice al gran completo!
Animaniacs
Dopo i deludentissimi Tiny Toons, ecco finalmente arrivare la demenzialità fatta a cartone animato, un capolavoro indimenticabile che mi ha tirato fuori cose geniali come Mignolo col Prof, i piccioni mafiosi Picciotti (sì, ho sempre avuto un debole per i Bravi ragazzi, in qualunque forma!), il Pollo Boo che tutti scambiavano per essere umano, la dolcissima Mindy col suo "ti voglio bene ciaociao!" o il Mimo! Senza dimenticare, poi, Yakko e QUESTA ROBA che mi aveva letteralmente uccisa dalle risate!


Sailor Moon
Una malattia. Nessuna puntata persa, neanche quando Mediaset aveva deciso di mandare in onda l'ultima serie la sera e di renderla incomprensibile utilizzando TUTTE le censure possibili e immaginabili. Mentre le ragazzine della mia età scoprivano l'adolescenza, io tra le medie e le superiori scoprivo di essere una otaku e riempivo (letteralmente) diari e quaderni con le effigi di Sailor Jupiter e compagne. Inutile dire che non mi sto perdendo una puntata della nuova Sailor Moon Crystal, per quanto mi renda conto che Naoko Takeuchi sia Satana e Sailor Moon il male.


Daria
Alle superiori ero la sua copia sputata. La mia amica Noruzza era anche riuscita a creare la sigla. "Bollalalalaaaaaa Bollalalalaaaa". Quanta nostalgia.


Rossana
O, meglio, Il giocattolo dei bambini. Nonostante la serie fosse imbarazzante dal punto di vista del doppiaggio e dell'adattamento italiano ero comunque riuscita ad appassionarmi alle avventure di "Rossana" ed "Heric" grazie alla demenzialità di cui erano infarcite e per fortuna o non avrei mai acquistato la splendida opera di Miho Obana, al confronto della quale l'anime è una bambinata della peggior specie.


Dragonball
All'anime tratto dal manga di Akira Toriyama mi sono appassionata a partire dalla serie Z, ovviamente. Delle avventure di Goku da piccolo non me ne poteva fregare di meno: da bravo maschiaccio zamarro ho sempre preferito gli scontri tra terrestri, namecciani, sayan e quant'altro, almeno fino all'arrivo di MajinBu e del mago Babidy, che due palle. E poi c'era quel gran figo di Junior, insomma, mica si poteva non guardare.

Ha un'aura potentissima!!! O__O
Anime Night su MTV (Neon Genesis Evangelion, InuYasha, I cieli di Escaflowne, Master Mosquiton, Excel Saga e Le situazioni di Lui e Lei)
Ovvero i primi anime moderni guardati consapevolmente in quanto tali, in quanto adattati e doppiati con cura e amore, nonché privi di censure. Non me ne vogliano i fan di Evangelion, che mi era piaciuto molto per quanto mi lasciasse ogni volta depressa e preda del mal di testa, ma il mio cuore era stato interamente rapito dalle malinconiche vicende sentimentali di Yukino ed Arima e, soprattutto, dall'animazione sperimentale insensata di Excel Saga, con i Pu-Chu, Nabeshin, Pedro, Il Palazzo, Sumiyoshi e la moribonda Hyatt.

I terribili alieni Puchu
I Simpson, Futurama, South Park e I Griffin
Vabbé, via. I Simpson mi accompagnano dalle elementari (sembra strano a pensarci ma è così!!), da quando venivano trasmessi dopo Paperissima. Le altre tre serie sono arrivate dopo e se adesso South Park non lo guarderei più neanche sotto tortura non posso negare di aver passato un paio d'anni in adorazione assoluta, cosa che faccio tuttora con i Griffin e Futurama.

Sì, anche American Dad! mi piace :)
Lo studio Xilam
Last but not least. Questo studio d'animazione francese e il produttore Marc Du Pontavice mi hanno regalato chicche come Oggy and the Cockroaches, Zig & Sharko e I Dalton, gli unici cartoni animati che, in assenza dei miei capisaldi infantili, farei guardare ad un eventuale figlio/a in mezzo a tutta la rumenta che quotidianamente ammorba il digitale terrestre.
Oggy e i maledetti scarafaggi!




24 commenti:

  1. Risposte
    1. Spongebob è una simpatica supercazzola e nulla più u__u

      Elimina
  2. Mamma mia, parecchi li seguivo pure io. Sailor Moon mai persa una puntata, Tom&Gerry e Willy E. Coyote erano un must da mia nonna (il secondo era stato ribattezzato Bip-bip, ero piccola), Ispettore Gadget mi faceva morire dalle risate (ogni tanto me ne esco con Hop hop gadget-qualcosa e mi scompiscio da sola come una cretina). Lady Oscar non mi piaceva da piccolissima ma dopo l'ho rivisto fino alla fine e l'ho adorato, Creamy & Co. invece mi stavano sul cazzo tutte quante nessuna esclusa. Seguivo anche Rossana e gli anime di Mtv, mi rende felice sapere che non sono l'unica che non capiva una sega di Evangelion.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Will E. Coyote era Bip-Bip anche dalle mie parti, quanto ad Evangelion io diffiderei di chiunque ammetta con certezza di averlo compreso fino in fondo perché Hideaki Anno è un pazzo XD

      Elimina
    2. Conosco persone che dicono di amare Evangelion e che mi fanno sentire molto ritardata. Dici che i pazzi sono loro?

      Elimina
    3. Non lo dire a queste persone ma.... sì! :D

      Elimina
  3. "Il mistero della pietra azzurra" è anche tra i miei preferiti in assoluto, una storia appassionante come pche altre!!! tieni conto che quando l'ho visto ero già grandina, in prima media credo....concordo anche con I Simpson e con Daria: anche io avevo parecchio in comune con lei, il che mi angosciava parecchio, a dire la verità.
    Sailor moon lo guardava mia sorella che aveva anche le bamboline (era una fan), e anche gli Animaniacs (che a me non sembravano granchè, ma avevo già 14 anni, quindi non faccio testo).
    Mi aggrego anche io al post...quando potrò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha beh io avrò avuto più o meno la stessa età ma gli Animaniacs li adoravo :D Erano troppo surreali e demenziali!!

      Elimina
  4. Cara abbiamo avuto lo stesso trascorso!
    Ti lodo molto per la chicca dello Lo studio Xilam: sono in pochi a conoscerlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la lode, io quei maledetti franscesi li adoro! :D

      Elimina
  5. Questo lo devo replicare.
    Comunque grandi Willy Fog e le Wacky Races!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, anche tu guardavi Willy Fog! :D Dai replica che sono curiosa!

      Elimina
    2. sempre sempre così, sarà per mila e shiro sempre sempre così, sarà per mila e shiro sempre sempre così, sarà per mila e shiro siiiiiiiiiii mila e shiro, due cuori nella pallavolo, shilo e mila, che dolce sentimento è....xD

      Elimina
    3. La follia ferragostiana!! :D

      Elimina
  6. Willy Fog, il cane muttley - che da piccola mi faceva sbellicare - lady oscar, pollon, mila e shiro da piccola li guardavo sempre :)

    RispondiElimina
  7. Quantiiii.. li ho visti tutti.. ahahah!
    Già all'epoca avevo una predilezione per gli anime giapponesi.. :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, a pensarci bene anche io! :D

      Elimina
  8. Oddio, quanti ricordi! Mi manca l'Anime Night di MTV T.T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' manca anche a me ma tanto MTV continua a vedersi malissimo dalle mie parti XD

      Elimina
  9. Mi vorrei cimentare anche io ma per me è veramente troppo difficile. Però è un piacere leggere il tuo, di post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      Magari a tempo perso, con calma, cimentati che sarei curiosa di leggere il tuo listone!

      Elimina
  10. Mi sono accorta solo ora di aver letto il post ma di non averlo commentato!

    In ogni caso recupero:
    Hai un sacco di bellissimi titoli! Anche io amavo l'ispettore Gadget, gli acchiappafantasmi, i Biker Mice (ma dai XD) e Duck Tales (anche se non avevo visto la serie, tipo la davano nel week-end la mattina e non potevo guardare la tv in quegli orari, ma avevo la videocassetta del film)!

    Con il gruppo Simpson e compagnia ho un rapporto di amore-odio. Amo Futurama (anche le repliche hanno un po' rotto), apprezzo i Simpson e detesto i Griffin e American Dad. Non ce la faccio proprio, mi fanno montare la carogna >__<

    Il Mistero della pietra azzurra e lady Oscar furono due dei primi titoli che recuperai dopo la fine della mia censura domestica e gli Animaniacs mi sono sempre stati simpatici, anche se, dei cartoni Warner, ho sempre avuto un debole per Bugs Bunny :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me devi recuperare la serie Duck Tales, tutta, non foss'altro che per dipanare il mistero dell'orientamento sessuale di Jet McQuack XD
      Quanto ai Griffin io li amo, non posso farci nulla... forse mi fanno ridere più dei Simpson mentre American Dad a tratti lo trovo un po' forzato.
      Bugs Bunny lo detesto con quel suo "Cheee succede amico...?". Gli preferisco il folle Duffy. Tra l'altro su Boing in questi ultimi tempi davano le puntate moderne dei Looney Tunes che mi facevano morire dal ridere: lì il maledetto coniglio riesce a starmi anche simpatico!!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...