martedì 4 settembre 2012

Michael Clarke Duncan (1957 - 2012)

E dopo Tony Scott se ne va un altro grande, questa volta anche in senso fisico. Michael Clarke Duncan è morto proprio ieri, a 54 anni, dopo quasi due mesi passati in ospedale a seguito di un attacco cardiaco.


Impossibile dimenticare la sua splendida, toccante performance nei panni dei gigante buono John Coffey (come il caffè, ma scritto in modo diverso) ne Il miglio verde, uno dei più bei film tratti da un romanzo di Stephen King. E se quell’anno l’Oscar come miglior attore protagonista glielo ha strappato un comunque grandissimo Michael Caine, posso comunque dire con certezza che il personaggio dell’attore inglese non mi è rimasto nel cuore come quello interpretato da Michael Clarke Duncan.

E pensare che, dopo, sono arrivati quasi sempre e solo ruoli da villain, chissà perché.
Buon viaggio, gigante. Spero che, dovunque tu sia ora, stiano suonando Cheek to Cheek.

"I'm tired, boss. Tired of bein' on the road, lonely as a sparrow in the rain. Tired of not ever having me a buddy to be with, or tell me where we's coming from or going to, or why. Mostly I'm tired of people being ugly to each other. I'm tired of all the pain I feel and hear in the world everyday. There's too much of it. It's like pieces of glass in my head all the time."

13 commenti:

  1. Grandissima interpretazione per un film cult.
    Mitico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti credo proprio che stasera lo riguarderò, anche se so già che, questa volta, le lacrime scenderano ancora più copiose.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Concordo, soprattutto perché era molto giovane.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Decisamente.
      Un attore così dotato, morto troppo giovane e troppo poco valorizzato.

      Elimina
  4. Accidenti! Era uno dei miei caratteristi preferiti.:(

    RispondiElimina
  5. Mi è spiaciuto, era molto simpatico!

    RispondiElimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...