venerdì 6 marzo 2015

Clown (2014)

A novembre succedeva questa cosa orribile. Clown, diretto e co-sceneggiato nel 2014 dal regista Jon Watts e prodotto da Eli Roth, veniva "distribuito" solo in Italia, primo ed unico Paese al mondo a godere di tale privilegio (in Inghilterra e USA il film esce ora straight to video). Mi spiace per i realizzatori della pellicola ma la distribuzione italiana è gestita da fessi e questo è il motivo per cui Clown l'avranno visto in quattro gatti e io riesco a parlarne solo adesso...


Trama: Kent, padre di famiglia, si traveste da clown per il compleanno del figlioletto. La sera non riesce più a togliersi né il costume né il trucco e lo stesso accade il giorno dopo, quando ulteriori tentativi portano l'uomo a ferirsi molto seriamente. Ma altri terribili cambiamenti aspettano Kent al varco...



I già citati quattro gatti che avevano avuto la fortuna di vedere proiettato Clown al cinema non erano stati molto teneri con la pellicola prodotta da Eli Roth. In questi giorni mi sono dunque accinta alla visione con animo gonfio di tristi presagi leggermente mitigati dall'atavico terrore che la figura del pagliaccio notoriamente mi suscita. Sinceramente, non so cos'ha visto la gente ma posso dire che a me Clown è piaciuto e anche molto. Intanto fa davvero paura perché costruisce l'orrore a poco a poco ma lascia comunque sempre intuire allo spettatore quello che succederà, lasciandolo costantemente sul chi va là ad aspettare il peggio. E il peggio, per una volta, arriva. Arriva di brutto. La dolorosa simbiosi tra Kent e il terribile costume da clown è solo l'inizio di un incubo che non guarda in faccia nessuno e che ravviva due dei più efficaci cliché horror della storia del cinema (la possessione demoniaca e il clown, appunto) mescolandoli tra loro con abbondanza di cattiveria, gore e un goccio di approfondimento psicologico che male non fa. Clown non racconta nulla di nuovo, però lo racconta molto bene; la pellicola di Watts soffre di qualche lungaggine nella parte centrale ma in generale dosa bene i tempi della suspance, non ricorre all'effetto "salto sulla sedia" e, soprattutto, per una volta i personaggi fanno cose credibili compiendo anche terribili errori coerenti col loro modo d'essere (sul finale, le scelte di Meg e di suo padre fanno accapponare la pelle quasi più del mostruoso pagliaccio) e persino escamotage come found footage, libri dall'aspetto antico ed "esperti" della maledizione in oggetto funzionano egregiamente senza puzzare di "deus ex machina" messo lì perché lo sceneggiatore non sapeva come mandare avanti la storia.


Ad avermi colpita durante la visione è stato però soprattutto il fatto che Clown è girato benissimo e la cosa mi ha stupita ancor più visto che Jon Kent viene dalla televisione. Fin dalla primissima immagine Clown si dichiara profondamente scorretto, di quella scorrettezza che un horroromane non può non amare: su un frenetico montaggio di immagini dolciotte fatte di torte e clown si sentono dei bimbi che strillano a più non posso. Di terrore? Di gioia? Lo spettatore lo scoprirà di lì poco ma l'impatto iniziale è già molto feroce, una sorta di invito ad aspettarsi qualunque cosa. Ci sono altre sequenze estremamente azzeccate e ben girate nel corso di Clown (la migliore, che ogni stronzo esordiente convinto di poter sbattere a destra e manca la cinepresa per girare un horror dovrebbe studiare inquadratura per inquadratura, riesce a trasformare in un ansiogeno labirinto una di quelle costruzioni fatte di tubi e scivoli e scusate se è poco), importantissimo pregio che va a braccetto con un'intelligente gestione del make up. L'attore Andy Powers "cambia" letteralmente sotto gli occhi dello spettatore, grazie anche a sapienti giochi di luci ed ombre che rendono il suo volto ancora più inquietante di quanto già non facciano trucco, protesi e lenti a contatto, inoltre lui ci mette del suo a rappresentare la sofferenza di un uomo consumato da un'entità incontrollabile, crudele e perennemente affamata. E' vero che il finale l'ho trovato, come spesso succede, un po' sbrigativo e in qualche modo banale ma almeno i realizzatori non hanno usato la CG per rendere le scene più "spettacolari" e, soprattutto, in generale l'intero film sembra uscito dritto dalla penna di uno Stephen King tornato in splendida forma: l'orrore che esplode all'improvviso, gettando a gambe all'aria la vita di persone normali. Ce ne fossero di pellicole così, gente. Stavolta il mio cialtronetto preferito ha davvero dato il bianco!


Di Peter Stormare (Karlsson), Eli Roth (Frowny il Clown) e Laura Allen (Meg) ho già parlato ai rispettivi link.

Jon Watts è il regista e co-sceneggiatore della pellicola. Probabilmente americano, ha all'attivo dei corti e altri lavori televisivi. Anche produttore, attore e animatore, ha in uscita il film Cop Car, un thriller con Kevin Bacon.


Andy Powers interpreta Kent. Probabilmente americano, ha partecipato a serie come Squadra emergenza, Taken, Oz, NYPD, CSI - Scena del crimine e E.R. Medici in prima linea. Ha un film in uscita.



Senza volerlo abbiamo pubblicato in contemporanea con Il giorno degli zombi! Check out il post di Lucia QUI!

28 commenti:

  1. Soffro di coulrofobia... ovviamente non è vero, ma dopo Pennywise sto alla larga dai clown!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fai bene anche perché se hai un minimo di fobia.... Clown diventa devastante! :D

      Elimina
  2. direi che è molto interessante, l'avevo snobbato perché al cinema lo avevano tutti schifato o quasi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente dagli un'occhiata perché merita davvero. Anzi, sarebbe rientrato tranquillamente nei Best 2014 se l'avessi visto all'epoca!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Vedi cosa vuol dire non dare fiducia al mio vice-aMMorino Eli? :P

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Stavo partendo con una filippica su quanto il nostro povero paese gia' malmesso non meritasse anche la distribuzione esclusiva di film di merda, invece mi hai sorpresa, toh. Mi sa che lo guardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece no: il nostro Paese non merita la distribuzione esclusiva di film pregevoli che non si cagherà mai nessuno così. Serva di lezione a Roth, sperando che non ci lasci l'esclusiva anche di The Green Inferno o siam del gatto!

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace ma non amo lo spam, soprattutto quando non è attinente all'argomento del post :)

      Elimina
  7. Due su due recensioni positive lette oggi su questo film, lo metto subito in lista.
    Certo che gli horror sui clown non passano mai di moda,eh.
    Prima Stitches, poi questo, poi quello di American Horror Story ed infine il remake di It.
    Minchia, dovessi vederne uno per strada mi prenderebbe la strizza al momento. :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo, come ha detto meglio Lucia nel suo post, è un bellissimo body horror. Ti piacerà tantissimo... e, ovviamente, ti metterà ancora più paura dei clown, chettelodicoaFFare XD

      Elimina
  8. Già me ne aveva parlato bene Ester, di Delicatamente Perfido, e voglio proprio vederlo.
    Purtroppo, non riesco ancora a beccarlo in streaming!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' in giro da poco effettivamente, magari dovrai pazientare ancora qualche giorno ma ne vale la pena! :)

      Elimina
  9. Ne hanno parlato bene in molti, ma ancora non sono riuscito a vederlo. Cercherò di rimediare...
    PS: leggiti la spassosa recensione di Caden Cotard, ha riportato alcuni aneddoti davvero spassosi XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo letta, sì :) Molto divertente!

      Elimina
  10. Io devo ancora vederlo cavolo! Chissà quando ce la farò...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è trovare un momento in cui potertelo gustare come merita :D

      Elimina
  11. Io devo ancora vederlo cavolo! Chissà quando ce la farò...

    RispondiElimina
  12. Ne hai sentito parlare male? Eppure onestamente a me ispirava parecchio, prima o poi devo vedermelo.
    E poi è perfetto per noi della generazione traumatizzata in tenera età dalla scena del tombino di It, che i geni di Italia 1 mettevano già nella pubblicità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dovessi dire, non saprei se mi ha messo più ansia It o questo Clown. Forse vince It solo per i ricordi d'infanzia!

      Elimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. La mia domanda su questo film dalla distribuzione "particolare" e' che siccome ci terrei a vederlo, uscira' in dvd / bluray / formato digitale o sottotitolato? Se si quando ? In Gran Bretagna e' gia' uscito su amazon , ma da noi non vedo nessuna data ? avete notizie?

    RispondiElimina
  15. Risolto : esce il 14 maggio

    http://www.m2pictures.it/#!prossime-uscite/czi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora ringrazio te dell'informazione: il 14 maggio sarà assolutamente mio! :)

      Elimina
  16. Bollicina tesoro, l'hai visto e ti'è piaciuto? Me lo segno, andata!!!
    Ps: dobbiamo ricominciare le rece a 4 mani fammi un fischio appena sei pronta okay?
    smack smack ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel suo genere, un piccolo gioiello!! :)
      Sarà fatto!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...