domenica 11 dicembre 2016

Lupin III: La lampada di Aladino (2008)

L'anno sta quasi per finire ma c'è ancora tempo per parlare degli speciali TV di Lupin III e nella fattispecie di Lupin III: La lampada di Aladino ( ルパン三世 sweet lost night 〜魔法のランプは悪夢の予感 - Lupin Sansei "sweet lost night" - mahou no ranpu akumu no yokan), diretto nel 2008 dal regista Tetsurou Amino.


Trama: Lupin trova la lampada di Aladino e il genio in essa contenuto ma dopo aver chiesto un bacio a quest'ultimo, palesatosi come una bellissima ragazza, il ladro si risveglia senza memoria della notte passata. L'unica che sembra saperne qualcosa è Drew, identica al genio della lampada...



La lampada di Aladino è il classico special TV caratterizzato da molti elementi positivi ma anche dai soliti difetti che caratterizzano questo genere di produzioni. L'anime in questione è interessante per una parte della sua struttura che, per necessità di trama, ad un certo punto diventa un puzzle da ricomporre attraverso dei flashback, in quanto Lupin ha perso dei pezzi di memoria ed è costretto ad interrogare Jigen e altri personaggi per riuscire a ricostruire ciò che gli è accaduto. Interessante è anche l'idea di dotare Lupin di una memoria "a tempo" e di un limite temporale massimo per recuperare i ricordi perduti, prima di perderli nuovamente e ritrovarsi al punto di partenza, cosa che rende ancora più ironica la parte inglese del titolo originale: la cosiddetta "sweet lost night" è infatti la notte che Lupin non ricorda di avere passato con Drew pur essendosi risvegliato nel letto di un love hotel in mutande e con la fanciulla coperta solo da un asciugamano. Sarebbe stata una delle prime volte in cui il povero ladro, che nel manga originale di Monkey Punch se ne porta a letto una ad episodio, era riuscito a concludere qualcosa all'interno di una concezione di anime sempre più vicina ai bisogni dei più piccoli (nel 2008 La donna chiamata Fujiko Mine doveva ancora arrivare mentre il crossover con Detective Conan era MOLTO più vicino) e in effetti non ricordarsi nulla è un vero peccato, poveraccio! Ma in uno Special TV interamente giocato sugli inganni e le apparenze sarà pur vero che Lupin ha finalmente combinato? Mah, non ci metterei troppo la mano sul fuoco però consolo i maschietti dicendo che, almeno fisicamente parlando, qui Fujiko da il meglio di sé.

Il meglio di sé in videochat
Come al solito, ho dovuto specificare "fisicamente parlando" perché Fujiko fa davvero poco nella pellicola e viene eclissata dalla new entry Drew, dotata sì di un bellissimo character design ma fondamentalmente inutile come quasi tutte le damsel in distress che vengono sistematicamente affibbiate a Lupin. Come Fujiko, ridotta a fare il solito doppio, triplo e talvolta persino quadruplo gioco, anche Zenigata viene sfruttato ai minimi storici delle sue possibilità, nonostante un inizio molto promettente, tanto che sembra proprio che il difetto principale di questi speciali sia l'incapacità degli sceneggiatori di gestire al meglio i personaggi titolari. Jigen e Goemon vengono trattati meglio, fortunatamente: il primo viene investito del ruolo di fratello maggiore e deus ex machina mentre per quel che riguarda il samurai viene mostrato come a renderlo "Goemon" siano i pensieri impuri di cui cerca disperatamente di liberarsi attraverso la via dell'illuminazione. A parte queste considerazioni, La lampada di Aladino rientra nella media delle produzioni televisive di cui ho parlato finora e presenta animazioni non particolarmente esaltanti e un paio di orride sperimentazioni in computer graphic, pur avendo il vantaggio di una colonna sonora (sempre dello storico Yuji Ohno, che compare anche in un brevissimo cameo) particolarmente ispirata. Insomma, non mi stupirei se domani mi fossi già dimenticata del TV special... e in tal caso, non ci sarà lampada di Aladino che tenga!

Tetsurou Amino è il regista della pellicola. Giapponese, ha diretto film come Lupin III: L'ultimo colpo ed episodi di serie quali Nanà Supergirl, Superlamù, City Hunter, Ciao Sabrina e Forza campioni. Anche sceneggiatore e storyboarder, ha 61 anni.


Se Lupin III: La lampada di Aladino vi fosse piaciuto, QUI avete l'imbarazzo della scelta per tutto quello che concerne il ladro gentiluomo. ENJOY!

8 commenti:

  1. Sai che questo non credo di averlo mai visto?
    Me ne ricorderei data la mossa vaginale di Fujiko :p
    Ieri hanno trasmesso L'uovo di Colombo e ciò che penso è che i film di Lupin sono abbastanza noiosi, forse tranne un paio XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensa che L'uovo di colombo è uno di quelli più weird ed ironici, non fosse altro che per l'alto tasso di momenti ridicoli!

      Elimina
  2. Visto, ma dimenticato... Ricordo solo qualche scena zozza XD

    RispondiElimina
  3. Io ricordo vagamente di averlo visto... e praticamente più niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non rimangono particolarmente impressi, vero? Ma è anche per questo che scrivo dei post in merito, così mi rimane una sorta di "diario" Lupinico :P

      Elimina
  4. Non sono sicuro di averlo visto, o meglio ricordo un film in cui Lupin aveva perso la memoria però ammetto che subito dopo la visione l'ho considerato talmente poco interessante da essermene disinteressato quasi immediatamente.
    Che dici, sarà mica un effetto della magia di Drew?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello o l'effetto di una sceneggiatura scadente XD

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...