martedì 27 agosto 2013

Monsters University (2013)

Domenica sera siamo andati con una coppia di amici (io ero la figlioletta viziata, ovviamente) a vedere il seguito dell'amato Monsters & Co., Monsters University del regista Dan Scanlon.


Trama: Mike Wazowki ha una sola aspirazione nella vita, cioé andare alla Monsters University e diventare il miglior spaventatore esistente. Per dimostrare il proprio valore dopo essere finito nei guai per colpa del bulletto fancazzista Sulley, il nostro eroe decide di partecipare ad una sorta di olimpiadi dello spavento mettendo su una squadra a dir poco sgangherata....


L'ho sempre detto, fin dalla prima visione di Monsters & Co.: Mike è il mio personaggio preferito e meriterebbe un film tutto suo. Ecco, con Monsters University sono stata accontentata perché il monocolo verde è diventato praticamente il protagonista assoluto e i realizzatori si sono divertiti ad indagarne il carattere adorabile, scoppiettante e deciso. Il cartone animato è uno dei migliori racconti di formazione che abbia mai visto su grande schermo, in primis perché non si concede al facile happy ending e poi perché, per una volta, non incoraggia i bambini ad impegnarsi per realizzare un sogno assurdo (che so, mi vengono in mente le sciacquettine di quei film sulla danza che, dal nulla, diventano le più brave della scuola tanto per...) bensì li spinge a tirare fuori il meglio di sé stessi per diventare quello per cui sono più portati anche se questo cozza con le loro speranze e, cosa ancora più importante in questo mondo dove viene celebrato il successo a tutti i costi, insegna ad accettare con filosofia un eventuale fallimento. Imbastendo una trama divertente ed emozionante gli sceneggiatori si sono collegati perfettamente al primo film non solo con rimandi e citazioni, come l'apparizione di Roz o i titoli di testa animati, ma anche tramite un filo logico che spiega come, quando e perché Sulley, Mike e Randal sono diventati i personaggi che abbiamo conosciuto in Monsters & Co.


Assieme ai personaggi vecchi, ovviamente, ne troviamo anche di nuovi, uno più bello dell'altro. Per una volta, a dire la verità, i villain sono un po' insipidi e poco divertenti ma compensano tutti i membri della Oozma Kappa con le loro assurde trovate, soprattutto il meraviglioso, cicciosissimo Squishy che, peraltro, io e la Noruzza abbiamo indicato come il più spaventoso in assoluto e, dall'alto del suo aplomb britannico, anche la temibile rettrice Tritamarmo si becca tutta la mia ammirazione. Gag a profusione, dunque, e momenti in cui ci si riesce a commuovere, sebbene senza lacrimuccia, rendono Monsters University, assieme al suo messaggio edificante, un film adattissimo per i bambini con alcuni regali anche per noi grandi, tutti sull'onda del citazionismo vintage: Animal House, La rivincita dei nerds, Carrie e il ritorno di una delle icone degli anni '80, la terribile bibliotecaria dei Ghostbusters! Per quanto riguarda la tecnica, invece, sono stati fatti dei passi da gigante e i personaggi sono più belli, colorati e realistici che mai, senza contare la meraviglia degli edifici esterni del campus e l'interno dell'inquietante, splendida sala dove i nostri fanno lezione la prima volta.


Come avrete capito, Monsters University è un film godibile quasi quanto il capostipite e ve lo consiglio senza riserve, avvertendovi di rimanere fino alla fine dei lunghissimi titoli di coda (anche dopo i nomi dei doppiatori italiani) per una simpatica scena post credits. E detto questo, lasciatemi spendere due parole anche per il delizioso corto che, come da tradizione Pixar, precede la pellicola, ovvero The Blue Umbrella di Saschka Unseld. La storia dell'ombrellino blu è pura poesia condensata ed effettivamente non dispone al meglio ad affrontare la strabordante cazzoneria di Monsters University ma la vista della città felice ed accarezzata dalla pioggia, la semplicità di uno sguardo e un tocco tra un ombrello blu e un'ombrellina rossa e la musica delicata che accompagna questo corto sono dei grandissimi esempi di come basti davvero poco a prendere il cuore e la mente dello spettatore ed accompagnarli lontano, lontano...


Billy Crystal (Mike), John Goodman (Sulley), Steve Buscemi (Randy), Helen Mirren (Abigail Tritamarmo – Dean Hardscrabble in originale), Joel Murray (Don), Charlie Day (Art), Nathan Fillion (Johnny Worthington) e Bonnie Hunt (Mrs. Graves) li trovate tutti ai rispettivi link.
 
Dan Scanlon è il regista e co-sceneggiatore della pellicola, al suo secondo film. Americano, anche doppiatore, animatore e produttore, ha 36 anni.


Sean Hayes presta la voce a Terri, che da noi è doppiato da Francesco Mandelli (mentre la seconda testa Terry è doppiata dal Biggio). Indimenticabile Jack della serie Will & Grace, ha partecipato anche al film Il gatto… e il cappello matto e ad episodi di Scrubs e 30 Rock. Anche produttore e sceneggiatore, ha 43 anni.


Alfred Molina presta la voce al professor Knight. Inglese, lo ricordo per film come I predatori dell’arca perduta, Ladyhawke, Specie mortale, Boogie Nights – L’altra Hollywood, Magnolia, Chocolat, Identità, Spider-Man 2 e Il codice DaVinci, inoltre ha partecipato alle serie Miami Vice e Monk. Anche produttore, ha 60 anni e undici film in uscita. 


Pare che i realizzatori si fossero ricordati del piccolo particolare che ho notato durante la visione di Monsters & Co., ovvero quel dialogo in cui Mike rinfaccia scherzosamente a Sulley di essere stato geloso del suo aspetto sin dalle elementari, e che avessero provato ad inserire in Monsters University un breve incontro che sarebbe stato poi dimenticato da entrambi, ma l’idea è stata accantonata perché avrebbe distolto l’attenzione dal vero fulcro della storia. A parte questo, l’anno prossimo dovrebbe uscire un corto dal titolo Party Central con protagonisti tutti i mostri della Monsters University e che molto probabilmente finirà nel DVD del film principale. Nell’attesa, se il film vi è piaciuto recuperate Monsters & Co. oppure cambiate genere e buttatevi su Animal House e La rivincita dei Nerds. ENJOY!!

21 commenti:

  1. Felicissima che abbia entusiasmato e non diluso anche te!
    Maledizione, quelli del cinema mi hanno spazzato via a metà titoli di coda e non ho visto l'ultimo spezzone :( :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuoo maledetti!! Ti sei persa la gag


      SPOILER








      Della lumaca che, finalmente, arriva in classe... ma la scuola è chiusa per le vacanze estive!! XD

      Elimina
    2. Nuoooooo!
      Inizio a rastrellare youtube per trovarla!

      Elimina
    3. Sì secondo me si trova!

      Elimina
  2. La rivincita dei Nerds è il mio school movie preferito!

    Non vedo l'ora di vedere Monster University, sono sicuro che mi piacerà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora sì, devi assolutamente vederlo!

      Elimina
  3. Avevo diversi dubbietti,ma mano a mano che ne leggo vengono fugati.
    Grazie della conferma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E de che? Son qui apposta! Grazie a te di leggermi!

      Elimina
  4. Perfetto Erika.
    Sono contento che anche te abbia così apprezzato la morale di fondo, davvero particolare.
    Mi sono dimenticato di parlare dell'ombrello blu, bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì perché alla fine diciamolo: il 90% della popolazione mondiale è formata da gente come Mike, tra cui mi ci metto io per prima.. e allora ben venga una "morale" realistica, per una volta!
      E The Blue Umbrella è delizioso ^^

      Elimina
  5. Sono d'accordo con te! Anche io l'ho recensito sul mio blog! Il sito è: cinesofi.blogspot.com
    Se ti va, vieni a leggere e a fare una visita!
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo subito! Grazie per essere passata ^^

      Elimina
  6. Debbo vederlo, i bacarospi scalpitano. Al momento abbiam visto Turbo. Caruccio ma nulla di più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Turbo non mi ispirava in prima istanza, vai a vedere questo!!

      Elimina
  7. Non vedo l'ora di vederlo!
    Grande Mike, un personaggio fantastico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, soprattutto quando a doppiarlo era il grande Tonino!!

      Elimina
  8. Potevano fare una sola cosa... e l'hanno fatta!
    Film davvero bello e ben realizzato, un divertimento per grandi e piccoli intelligente e ottimamente calibrato!

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Scusa, non riesco a trovare la musica che accompagna i titoli di coda, sai di chi è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un po' googolato per cercare la risposta, dovrebbe essere Gospel, della MarchFourth Marching Band, tratta dall'album Rise.
      Fammi sapere se ci ho azzeccato!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...