mercoledì 11 giugno 2014

The Den (2013)

Se avete un fidanzato o una fidanzata che non riuscite a staccare da Internet e che vanno pazzi per le videochat, fategli guardare il thriller The Den, diretto nel 2013 da Zachary Donohue.



Trama: Elizabeth decide di fare una ricerca universitaria sul sito The Den, che consente agli utenti di videochattare praticamente con tutto il mondo. Durante una di queste sessioni di chat, Elizabeth si ritrova ad assistere ad un brutale omicidio e comincia a venire perseguitata da strani eventi...


Ci sto pensando da un paio di giorni ma ancora non riesco a capire se The Den mi sia piaciuto o meno. Il motivo sta fondamentalmente nel fatto che l'ho trovato troppo serio e bacchettone, una sorta di Disconnect in salsa thriller-horror che mette tardivamente (e, se posso dire, un po' superficialmente) in guardia contro i pericoli della rete. La protagonista si collega 24 ore su 24 con un sito di chat per una ricerca universitaria e, ovviamente, per fare ciò manda al diavolo famiglia, fidanzato e amici, preferendo rifugiarsi in questo tristissimo mondo virtuale dove tutto (o quasi) è basato sul sesso e sull'esibizionismo e dove le chance di fare due chiacchiere di reciproco arricchimento personale o culturale è praticamente un'utopia. Nulla di nuovo sotto il sole, sicuramente un po' poco per giustificare una borsa di studio, e direi che all'alba del 2015 un film simile arrivi con un ritardo spaventoso e accumuli ingenuità su ingenuità, prima tra tutti Elizabeth che, pur decidendo di impelagarsi in uno studio così pericoloso e pur avendo per amico un genio del computer, non è in grado di fargli installare un belin di antivirus in grado di bloccare eventuali haker o link dannosi. Il resto poi, soprattutto il finale, si allontana da quel poco di critica sociale per sconfinare nello slasher tout court alla Hostel che, sì, lì per lì metterà anche ansia ma in fin dei conti lascia un po' il tempo che trova, soprattutto se la protagonista si rivela una sorta di Hulk in gonnella in grado di stendere, ovviamente disarmata, più di un energumeno armato di machete, coltellacci e quant'altro.


Per quel che riguarda la realizzazione, invece, The Den è fatto molto bene, soprattutto perché si discosta leggermente dalla nozione ormai trita di mockumentary e diventa una sorta di chatcumentary (perdonatemi il neologismo) con tanto di schermo trasformato in desktop del PC dove lo spettatore può vedere il cursore del mouse spostarsi, dare una sbirciata alla pagina di posta della protagonista, ecc. L'unica cosa che, essendo io poco tecnologica, non ho proprio ben capito è in che modo i personaggi riuscissero a riprendersi durante le telefonate e, soprattutto, perché diamine si messaggiassero o chiamassero per ogni minima belinata, anche se si trovavano a un metro gli uni dagli altri. Sicuramente l'assenza di determinati barbatrucchi avrebbe impedito le riprese costanti che sono poi il fulcro della pellicola, ma ammetto che alcune scelte di sceneggiatura mi sono sembrate un po' forzate. Mai forzati, ahimé, quanto gli interpreti, tutti discretamente cani ed inespressivi a cominciare dalla protagonista Melanie Papalia, vinta da scazzo perenne e da un'apatia che soltanto la consapevolezza di avere un serial killer attaccato alle chiappe forse potrebbe vincere. Nel suo caso, diciamo che il cambiamento tra prima e dopo si vede poco ma probabilmente gli spettatori maschietti apprezzeranno un paio di inquadrature delle suddette chiappe e una performance notturna col povero fidanzato giustamente frustrato. Quindi, in poche parole, non saprei nemmeno io se consigliare The Den. Se non avete nulla di meglio da vedere in questa calda estate magari dateci un'occhiata, altrimenti non state nemmeno a prendervi il disturbo.



Zachary Donohue è il regista e co-sceneggiatore della pellicola, al suo primo lungometraggio. Americano, dovrebbe avere una trentina d'anni.


Melanie Papalia interpreta Elizabeth. Canadese, ha partecipato a film come Smiley e a serie come Smallville e Supernatural. Ha 30 anni.


Se The Den vi fosse piaciuto guardate anche The Conspiracy e Disconnect. ENJOY!

16 commenti:

  1. Sai ho trovato chatcumentary su Google.
    E l'unico risultato è di questo articolo... penso che da adesso avrai l'esclusiva sulla parola :)
    Per il resto lo passo, eheheh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai!! :D Almeno non ho scritto delle idiozie!

      Elimina
  2. a me è piaciuto, non è la solita solfa e azzarda soluzioni nuove con ritmo da vendere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, io l'ho trovato fiacchetto anche nel ritmo. Sarà che ero mezza addormentata XD

      Elimina
  3. uno dei pochi mocumentary decenti in cui mi sono imbattuto.
    la parte finale è un po' una belinata, però la prima ora ha un ottimo ritmo.
    e non mi è sembrato particolarmente bacchettone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei, forse speravo meglio, partivo con aspettative un po' altre. L'ho trovato bacchettone non tanto per le immagini che mostra, ma per il concetto anni '80 del "hai sbagliato a trascurare famiglia, amore ecc. e ora andrai punito" :)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Hai già scritto qualcosa in merito? Se sì vengo a leggere volentieri! :)

      Elimina
    2. http://cinquecentofilmisieme.blogspot.it/2014/05/the-den.html niente di che, ma meglio di tutte le schifezze viste ultimamente.

      Elimina
    3. Me l'ero persa, mannaggia. Vengo a dare un'occhiata :)

      Elimina
  5. Non credo che questo possa fare per me.
    Più che altro perchè con i mockumentary (e similia) temo di aver chiuso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hihih, immagino. Allora non mi sento di insistere, ne ho visti altri mooolto meglio di questo!

      Elimina
  6. A leggere la trama mi è sembrata una scopiazzatura di Smiley, e già quello mi pento di averlo visto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No beh, The Den in confronto a Smiley è Quarto Potere! XDXD

      Elimina
  7. Sinceramente parlando Bollicina, l'ho visto e mi pare una ca*ata bella e buona, da saltare a piè pari te lo assicuro io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaah no, dai, ho visto MOLTO di peggio. Però sì, non mi ha entusiasmata. Il regista tuttavia è giovane, si farà! :)

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...