venerdì 25 luglio 2014

Una vita fa, con quei fumetti lì dove tutto è cominciato (e che non è mai finito!)

Qualche settimana fa sono stata contattata da La firma cangiante che mi ha chiesto di dare il mio contributo ad un post nostalgico creato dal blog Prima o poi. L'idea, e qui copio pedissequamente la presentazione de La firma, è "quella di recuperare quei fumetti, non necessariamente i primissimi, che ti han fatto diventare fumetto dipendente ancora oggi, quelli che ti hanno colpito e segnato, quelli che ancora ricordi e che vorresti ancora oggi tenere in mano". Ecco quindi il mio elenco, che sicuramente farà storcere il naso a più di un appassionato ma tant'è! ENJOY!

Le storie a bivi di Topolino
Come quasi tutti i bimbi che oggi hanno una trentina d'anni, il primo approccio col fumetto è arrivato grazie a Topolino, all'epoca coadiuvato da un Maurizio Nichetti in gran spolvero e dalla trasmissione Pista!. Purtroppo non ricordo delle storie specifiche (sicuramente le mie preferite prevedevano la presenza di Paperone o della macchina del tempo di Marlin e Zapotek!) ma quelle che vorrei rileggere a tutti i costi sono quelle cosiddette "a bivi", dove si potevano creare diverse trame e svariati finali!


Il Corriere dei Piccoli/Corrierino
Assieme a Topolino, immancabile in casa Bolla. Ovviamente ero una nerd snob già allora e mi facevano cordialmente SCHIFO i fumetti tratti dagli anime, quelli che aggiungevano i baloons ai fermo immagine, per capirci. Adoravo però i Ronfi, i Cuccioli, la Stefi, Sara dai capelli blu, il Conte Dacula (le storie tratte dai volumi USA, ovviamente, ché quelle disegnate da "artisti" nostrani erano imbarazzanti) e, soprattutto, il fantastico Zap! di Roberto Luciani, che a mio avviso dovrebbe venire ristampato da qualche santa casa editrice in volumetto e diffuso a tutte le nuove generazioni perché era a dir poco geniale.

L'immagine, unica disponibile in rete, l'ho trovata QUI
Il Giornalino
Il Giornalino era un giornale per beghine ma aveva alcuni fumetti che lévati ed è per questo che recuperavo gli arretrati dai miei cugini. Il primo, ovviamente, era Coccobill del grande Jacovitti, spesso accompagnato da Zorry Kid, che mi facevano piegare in due dalle risate. Poi, c'erano Pinky il coniglio rosa e Vita da cani, quest'ultimo scritto nientemeno che da Sclavi. Senza contare il mio amato Lucky Luke, Asterix e altri fumetti vari ed eventuali assai pregevoli (assieme ad illeggibili camurrìe che hanno segnato la mia infanzia come Nicoletta o Mitty. Orrore.)

Alan Ford n.53: Arsenico Lupon, assai galante e molto ladron
Il mio amore per Alan Ford e il gruppo TNT nasce con questa storia, letta durante una vacanza in Trentino assieme ai cugini più grandi. Le matte risate, i personaggi assurdi, il linguaggio aulico di Max Bunker mi hanno conquistata alla prima lettura e, ovviamente, appena ho avuto mezzi e soldini ho recuperato tutte le avventure del gruppo scritte e disegnate dal dinamico duo Magnus e Bunker. Giornalini fragilini che ormai non riesco nemmeno più ad aprire per paura di distruggerli com'è successo con lo storico TNT Gold (rubato a mio cugino!) che conteneva Una trappola per il gruppo TNT, Vuoi venire in crociera con me..? e Salvateci per favore grazie, che ho dai tempi delle superiori e che ormai sta in piedi per miracolo!


Dylan Dog n.27: Ti ho visto morire
Il mio primo Dylan Dog, acquistato durante una vacanza in Val D'Aosta ai tempi delle medie. Ricordo ancora il finale, con quelle maledette forbici conficcate in bocca... "Ghraghreghri..." AARGH!! Ovviamente, è stato amore a prima vista, che era già scoccato sempre grazie al cugino più grande, a cui avevo sicuramente scroccato Gente che scompare, con Hamlin e il maledetto Safarà!


L'epoca d'oro di Flash Gordon n.7
Almeno, spero sia questo il numero. Mi guarda dalla scrivania da almeno un anno, ancora fasciato, non ho il coraggio di aprirlo per paura di avere sbagliato uscita. Rammento infatti, da piccolissima, di essermi persa per mesi nelle per me incomprensibili avventure di questo biondone circondato da donnine, che cercava di fuggire dal pianeta Mongo (?) in sella a dei grifoni. Pur non capendo una mazza della trama adoravo i disegni e avrei dato l'anima per riuscire a disegnare quelle eleganti signore dai tratti finissimi. Sulla copertina di questo albo i grifoni ci sono ma ho davvero paura ad aprirlo, non sopporterei il diludendo.


Wolverine n.52
Sempre ai tempi delle medie passava in TV la serie Insuperabili X-Men. La Bolla si innamora (ovviamente!) di Wolverine e quando vede nell'edicola accanto alla spiaggia un intero albo a lui dedicato lo acquista... rimanendoci di tolla: "Questo non è il Wolverine del cartone animato! Perché c'è solo UNA storia di Wolverine? Chi è tutta sta gente? Non ci capisco una mazza!" Effettivamente, in quell'albo, che raccontava di come Logan si fosse vendicato di Matsu'o Tsurayaba dopo la morte dell'amata Mariko, c'era davvero poco del piattume infantile della serie televisiva e pochissimi X-Men, visto che il resto era occupato dalle a me sconosciute Excalibur ed Alpha Flight. Tuttavia, quella versione "adulta" di Wolverine mi aveva talmente intrippata che ho continuato ad acquistare la serie per anni, innamorandomi ovviamente anche della Excalibur di Alan Davis (Alpha Flight invece era illeggibile. Ugh.)


Execuzione
La fregatura dell'acquistare UNA sola serie mutante è che, prima o poi, arriva l'inevitabile crossover che ti costringerà a comprarle TUTTE. Era successo a me con la saga The Xcutioner's Song (in italiano Execuzione, appunto) che mi aveva letteralmente spalancato le porte del mondo mutante e di albi come la defunta X-Force, X-Men Deluxe e X-Men, costringendomi ad appassionarmi follemente al loro complicatissimo universo, che seguo ancora adesso.


Proteggi la mia Terra
Il mio primo manga "serio", letto ai tempi delle superiori. Non finirò mai di ringraziare Christian, che me lo prestò prima di partire per lo scambio in Danimarca e che poi mi regalò i primi due numeri, perché da allora non ho mai più letto nulla di altrettanto commovente, delicato ed avvincente. Purtroppo il recente seguito La luce della luna, scritto e disegnato sempre da Saki Hiwatari, non è nemmeno lontanamente parente.


Angel Sanctuary
Il capolavoro, per quanto ingenuo e "modaiolo", della mangaka Kaori Yuki, che non ha mai perso un colpo per tutta la durata della serie. Questa cupissima storia di angeli e demoni mi aveva presa talmente tanto da avermi costretta a creare uno schema, mensilmente aggiornato, di tutte le gerarchie celesti. Ogni tanto lo rileggo ed è sempre appassionante.


Nana
No, di Nana non voglio parlare o comincio a piangere e non la smetto più. La più bella opera di Ai Yazawa, incredibilmente umana e dolorosa, fatalmente interrotta proprio sul più bello (o sul più brutto, dipende dai punti di vista). Vivo sperando che la sensei si rimetta e lo concluda, così da poterlo rileggere tutto d'un fiato e tornare ad emozionarmi con Nana e Hachi.


Preacher
Il chiodo fisso durante la mia permanenza in Australia e la dimostrazione di quanto può essere subdolo ed ingiusto il panorama fumettistico italiano, dove le serie più belle possono arrivare in edicola per uno, due numeri in formato economico... e poi interrompersi senza un perché. Costringendo le lettrici in astinenza a riempire uno zaino con sette enormi volumi in lingua inglese più un artbook, come se non avessero già abbastanza roba da portarsi a casa dopo 9 mesi in terra straniera. Jayses!, come direbbe Cassidy!


19 commenti:

  1. Le storie a bivi di Topolino le adoravo. :-)
    Compravo anch'io anche se non spessissimo il Corriere Dei Piccoli ed il Giornalino.
    Ho letto il primo numero di Proteggi La Mia Terra ma non sono andato avanti, compravo già troppa roba e a dirla tutta il tratto Shojo non mi ha mai convinto totalmente.
    Police su per gli X-Men da sempre la mia collana Marvel preferita.
    Un amore lungo 10 anni che è finito alle soglie dell'ennesimo Cross Over, che oggettivamente mal sopportavo.
    Execuzione riletto adesso probabilmente lo troverei orrendo, però all'epoca mi esaltò non poco. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io il Giornalino non l'ho mai comprato ma, come ho detto, scroccavo sempre gli arretrati ai miei cugini mentre al Corrierino ero proprio abbonata :)
      Per Proteggi hai fatto male, recuperalo perché più va avanti più diventa bello!

      Elimina
  2. Tra tutti l'unico che ho letto e che conosco benissimo è Nana. Ho adorato tutto, dalla storia ai personaggi, è stato il mio primo manga. Ricordo che lavorando in un negozio di elettronica, spesso avevo la possibilità di ordinare i dvd solo per me ... all'epoca mi sembrava una cosa strepitosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I DVD di Nana li ho tutti lì, ancora da guardare. Nell'esaltazione li avevo acquistati ma il tratto dell'anime non mi è mai piaciuto, preferisco il manga! :D

      Elimina
  3. Per il primo punto forse posso aiutarti: è da poco uscito il numero di Topolino che celebrava gli 80 anni di Paperino, all'interno si festeggia proprio con una storia a bivi (+ altre cose), a Settembre dovrebbe uscire invece Topoviaggi nel tempo, un albetto annunciato a 3,50 euro con una selezione di storie con Zapotec e Marlin :)

    Il corrierino mi manca in toto, invece del giornalino ricordo Lucky Luke che mi piaceva tantissimo (ho recuperato tutta la collana edita da Gazzetta), Topeka Smith (o qualcosa di simile), una sorta di Indiana Jones dei poveri se non ricordo male, poi c'erano i Muppet da piccoli e la Pimpa che ho sempre odiato e odio tuttora.

    L'epoca d'oro di Flash Gordon? Invidia ;)

    L'Excalibur di Alan Davis... slurp! Gli X-Men sopra tutti... anche per me è stato ed è ancora amore... Cyclops was right!!!!!!!!!!

    I manga me li segno, prima o poi...

    Vedo che Preacher è un must per molti.

    Grazie per aver partecipato all'amarcord, è sempre bello confrontare i propri ricordi con quelli degli altri e complimenti per il post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto grazie della proposta e dei complimenti!! :D

      Purtroppo quel numero di Topolino l'ho perso, mannaggia, però la riproposta dei viaggi del tempo credo proprio la comprerò, grazie della dritta!
      E Ciclope... beh, aveva ragione davvero! :D

      Elimina
  4. per motivi anagrafici più che le storie a bivi from Paperopoli ricordo le prime "classiche" storie di Carl Barks
    ad esempio, LAND OF THE TOTEM POLES (in italiano, Paperino e il paese dei Totem) che viene citato da Baricco in MISTER GWYN (è il solo pregio, a dire il vero, del romanzo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le storie di Barks le sto recuperando tutte grazie alla collana Uack! di cui, prima o poi, parlerò anche qui perché è fatta davvero bene!

      Elimina
  5. A parte Preacher, mitico Il Giornalino!
    E mitica Execuzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preacher è Preacher e non si discute! :)

      Elimina
  6. A parte il settore manga che devo ammettere non aver mai segnato il mio immaginario (a parte meravigliose eccezioni) devo dire che dietro Preacher, gli albi dell'epoca d'oro di Flash Gordon e Alan Ford si nasconde un percorso stupendo. Bellissime letture.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alan Ford è il mio amore, come lui non c'è nessuno! :)
      Grazie per aver creato questo Amarcord!

      Elimina
  7. E' una bellissima vita fumettistica.
    Devo dire che abbiamo avuto molti punti in comune :)
    Sopratutto per il Giornalino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Giornalino, nonostante tutto, ha cresciuto parecchi della nostra generazione... chissà se lo pubblicano ancora!

      Elimina
  8. Anche te col Giornalino XD io ricordo che adoravo Pinky, mentre Nicoletta l'avevo rimossa... :/
    Per il resto bella classifica. Soprattutto per PREACHER!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che forse poi non dovrei dirlo, ma mentre ero nel mio periodo darkminkia, ero patito pure io di "Angel sancturay". Di "Nana" invece ho visto solo la serie animata e mi è bastato...

      Elimina
    2. Angel Sanctuary era il Darkminkia all'ennesima potenza, come tutti i manga della Yuki... però che belli sono! :P
      Quanto a Nana, come ho detto su, l'anime mi irritava, molto meglio il manga!

      Elimina
  9. Io le storie a bivi le adoravo se mi capitavano intere, altrimenti le detestavo dal cuore (ricordo una "Topolino e la spada magica" o qualcosa del genere, di cui presi solo l'episodio centrale, per cui non ci capivo nulla XD

    Comunque vedo che alcune pubblicazioni, per dritto o per rovescio, le abbiamo lette in parecchio :D

    PS: sto preparando anche io questo post :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggerlo allora!! :D

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...