lunedì 24 ottobre 2011

Trick'r Treat (2007)

Tutte le volte che penso che l’horror USA sia ormai morto e sepolto, spuntano fuori chicche che mi portano a dargli ancora qualche speranza, come questo bellissimo Trick’r Treat, diretto nel 2007 dal regista Michael Dougherty. E siccome il film è bello e tra poco è Halloween... perché non approfittarne?



Trama: mentre una piccola cittadina americana festeggia la notte di Halloween, per le strade e nelle case si intrecciano diverse storie, sotto lo sguardo attento di un misterioso bimbo incappucciato. Una ragazza vorrebbe togliere le spettrali decorazioni anzitempo; un preside cerca di insegnare ad un suo alunno il rispetto delle tradizioni; dei bambini vanno ad esplorare un luogo che, anni prima, era stato teatro di una terribile tragedia; una ragazza deve trovare un accompagnatore per la festa, senza sapere che in città circola un vampiro assetato di sangue; un vecchio misantropo solitario riceve visite inaspettate.



Era da parecchio che un horror non mi entusiasmava tanto come è riuscito a fare Trick’r Treat. Il fatto è che adoro i film composti da più storie in qualche modo collegate le une alle altre, soprattutto di questo genere, ovviamente, e a parte i vecchi Creepshow o I delitti del gatto nero (che tuttavia sono ancora diversi in quanto a struttura…) spesso e volentieri i risultati sono deludenti. Trick’r Treat invece è praticamente perfetto, e riesce a mantenere alto l’interesse, la tensione e la sorpresa dall’inizio alla fine, seguendo un unico, sanguinoso e saggio fil rouge: in una notte “magica” come quella di Halloween non è consigliabile farsi beffe delle tradizioni o non conoscerle, perché nulla è quello che sembra. Scavando un po’ più a fondo, troviamo anche una sana critica alla commercializzazione di feste che hanno radici antichissime e che col tempo si sono banalizzate a tal punto che nessuno o quasi ricorda da cosa deriva la tradizione di intagliare zucche e farne lanterne, oppure di richiedere un dolcetto per evitare lo scherzetto… male!, perché i protagonisti del film ne pagheranno le conseguenze.



Parlando della struttura e delle storie di Trick’r Treat, diciamo che le più inquietanti sono l’introduzione e quella finale, mentre le altre puntano un po’ di più sul grottesco e l’ironico, tranne quella dedicata ai bambini che invece è più crudele e malinconica. A me sono piaciute molto tutte, a dir la verità, non riesco a dire onestamente quale sia la mia preferita (forse servirebbe una seconda visione), ma la cosa bella è che in ognuna c’è un rimando alle altre e che seguirle, nonostante svariati salti temporali e didascalie che ci portano indietro nel tempo, non è affatto difficile. La realizzazione dell’intero film, poi, è decisamente di qualità superiore. L’introduzione ci mostra dapprima un piccolissimo schermo anni ’50 dove scorrono immagini che ci raccontano la storia del vero Halloween, subito sommerse dai titoli animati di Trick’r Treat, che ci presentano elementi di tutti gli episodi contenuti nel film come se fossero parte di quelle vecchie raccolte di fumetti horror. Da lì in poi è un trionfo di nero ed arancione, i colori della festa di Ognissanti, che avvolgono una fotografia pulitissima e nitida, regalandoci immagini da fiaba dark popolate da zucche, lumini e nebbia, con l’unica eccezione di un flashback diurno, dai toni ammorbiditi e quasi sgranati tipici di una vecchia pellicola casalinga.



Gli effetti speciali ci sono, sono molto belli ma vengono anche usati con parsimonia. Spettacolare il finale della storia di “Cappuccetto Rosso” (anche grazie all’utilizzo della Sweet Dreams di Marilyn Manson, una colonna sonora azzeccatissima!), dove gli artisti del makeup hanno davvero dato il bianco, come si suol dire, e delizioso anche il Jack O’Lantern dell’ultimo episodio, assolutamente inquietante. Quanto agli attori, per una volta non sono affatto irritanti, né stupidi, né banali, neppure quelli “adolescenti”, per così dire. Voto dieci al vecchio leone Brian Cox e anche all’attore Dylan Baker, che interpreta il personaggio più ambiguo ed esilarante di tutta la pellicola. Aggiungo il personale apprezzamento per la scelta di abbondare con l’ironia nera, tanto da rendere Trick’r Treat una sorta di ibrido in perfetto equilibrio tra la black comedy e l’horror tout court. Consigliato spassionatamente, e non solo ad Halloween!



Di Brian Cox, qui nei panni di Mr. Kreeg, ho già parlato qua.

Michael Dougherty è il regista e sceneggiatore della pellicola che è anche il suo primo (e per ora unico) film. Americano, anche sceneggiatore, attore e produttore, ha 37 anni.



Anna Paquin interpreta Laurie. Canadese, ha conquistato l’Oscar come miglior attrice non protagonista giovanissima, con lo splendido Lezioni di piano, e poi è finita nel cast dei primi tre X – Men a vestire i panni di uno dei personaggi più amati dai fan, la sfortunata Rogue. Tra gli altri suoi film ricordo Jane Eyre, Bugie, baci, bambole & bastardi, La 25esima ora e Scream 4 (che devo ancora vedere!!). Anche produttrice, ha 29 anni e tre film in uscita.  



Dylan Baker interpreta Steven. Americano, ha partecipato a film come The Cell – La cellula, Era mio padre, Spider Man 2 e Spider Man 3, oltre a serie come Miami Vice, Oz, CSI, Ugly Betty e Dr House. Ha 52 anni e tre film in uscita.



Leslie Bibb interpreta Emma. Americana, ha partecipato a film come Talladega Nights: The Ballad of Ricky Bobby, Iron Man e Iron Man 2, oltre a serie come Quell’uragano di papà, E.R. Medici in prima linea, Nip/Tuck e CSI: Miami. Anche produttrice, ha 37 anni e due film in uscita.



Tra gli attori, segnalo la presenza di Tahmoh Penikett, che interpreta uno dei due fidanzati nell’introduzione (era lo sbirro che si alleava con Echo nella serie Dollhouse). Se Trick’r Treat vi fosse piaciuto, consiglierei la visione di un'altra divertente pellicola “a tema”, Giovani diavoli. Intanto, io vi lascio con un inquietante corto animato diretto dallo stesso regista, Season’s Greetings, del 1996, da cui è stato tratto il film recensito (che mi pare passassero tempo addietro o su MTV o su quel contenitore di corti che, di tanto in tanto, trasmettevano su Italia Uno...). ENJOY!!!

33 commenti:

  1. Un piccolo film davvero delizioso ^^

    Scandaloso che dal 2007 nessuno abbia pensato di portarlo da noi, preferendogli invece i vari Saw e adesso Paranormal Activity!

    RispondiElimina
  2. mmm,mi sa che per vederlo dovrò cercarlo in Streaming.
    E' un pò che non vedo un Film Horror come si deve nutro qualche speranza per Insidious che esce questo venerdì.
    Intanto torno dalla visione di Super che mi è piaciuto veramente molto,saluti. :-)

    RispondiElimina
  3. @Welltall:
    scandaloso davvero, sono d'accordo con tutto quel che hai detto. Trick'r Treat è una piccola perla nera, che meriterebbe molta considerazione. Quanto a Paranormal activity, li ho visti tutti e per dovere di completezza guarderò mercoledì anche il 3. Temo già la futura recensione XDXD

    @pirkaff:
    Di Insidious ho sentito dire meraviglie, non vedo l'ora che esca.
    Mi fai sapere com'è Super? Mi interessava parecchio...!

    RispondiElimina
  4. neanche l'avevo mai sentito..! mi informerò.. 

    Ciao!
    Imrahil

    RispondiElimina
  5. in effetti ogni tanto l'horror americano riserva qualche sorpresa... francamente di questo film non avevo sentito parlare, ma se ti ha colpito così positivamente un motivo ci sarà, credo che ci darò un'occhiata!

    RispondiElimina
  6. Mai sentito nominare, ma i film horror a storie mi son sempre piaciuti tanto. Mi sa che mi informerò.

    RispondiElimina
  7. Beh, visti gli ultimi tre commenti sono contenta di averlo recensito. Credevo fosse piuttosto conosciuto ma mi sbagliavo, e se la gente viene invogliata a vederlo.. tanto meglio!!  ^__^

    RispondiElimina
  8. Gioiellino sottovalutatissimo e del tutto ignorato da noi.
    Brava che sottolinei la fattura tecnica molto pregevole. Per dirla in maniera intellettuale, è girato coi controcazzi.
    Per me è il film definitivo su Halloween. 

    RispondiElimina
  9. Non so se hai visto Kick Ass ma Super è la sua versione più cinica,drammatica ma nello stesso tempo sarcastica,direi fuori dagli schemi.
    Se non fosse arrivato da noi dopo Defendor o Kick Ass che lo ricordano molto sarebbe davvero un Must. :-)

    RispondiElimina
  10. @giornodeglizombie

    è DAVVERO girato coi controcazzi, ti do ragionissima!!

    @pirkaff

    Ho adorato Kick-ass. Ma non mi fisso su chi è venuto prima o dopo. Questo Super rischia di diventare il mio must allora!

    RispondiElimina
  11. Bell'horror ad episodi che unisce "il vecchio al nuovo". Tecnicamente si nota da subito che è un prodotto recente ma, nel contempo, ricalca le atmosfere trasmesse, ad esempio, dai primi due Creepshow.
    Se ti piacciono gli horror ad episodi ti consiglio anche il vecchio Trilogia del Terrore (nel suo piccolo un cult con un antenato di Chucky de La Bambola Assassina), i thailandesi Phobia e Phobia 2 (altalenanti ma, nel complesso, validi), Ai Confini della Realtà - Il Film (piccola perla dimenticata, da recuperare) ed il pazzerello (nonché inedito in Italia) Creeptales, filmettino con poche pretese scorrevole ed abbastanza divertente.

    Ne avrei altri, ma ora mi vengono in mente solo questi :).

    RispondiElimina
  12. Ai confini della realtà - Il film lo conosco, è uno dei miei film preferiti!
    Gli altri confesso di non averli mai sentiti nominare ma sicuramente li cercherò e li recupererò, grazie dei consigli!!

    RispondiElimina
  13. Pellicola molto interessante , di sicuro darò uno sguardo e magari una bella fantascientifica recensione sul blog...mi sa che abbiamo una passionaccia in comune...:-)

    RispondiElimina
  14. Mi sa di sì ^__^
    Grazie per essere passato, credo proprio che passerò a leggere spesso il tuo blog!

    RispondiElimina
  15. Recensito sul mio blog diverso tempo fa. Da quando l'ho visto è diventato un vero è proprio cult per me, tanto da ricercare quasi quotidianamente news su un possibile approdo qui in Italia.

    Le ultime notizie ci danno una vera e propria chicca: Pare (pare) che il film andrà in onda su Italia 2 questa domenica 30 ottobre alle ore 22.00 con il titolo scandaloso di "La vendetta di Halloween". In ogni caso, l'importante è portarlo in Italia. Staremo a vedere e ci riaggiorneremo lunedì. ;-)

    Ps. Se ti va, passa da me. Il blog non è aggiornato da tempo, ma magari ci trovi qualche buon consiglio tra le recensioni.

    Bye!
    CST

    RispondiElimina
  16. Domenica 30 ottobre non sarò a casa, incrociando le dita, ma se Italia 2 si prende anche sul nuovo digitale terrestre appena approdato nella mia zona provo a darci un'occhiata.

    Anche se, già il titolo italiota mi fa cadere le braccia... ç__ç

    Passerò a leggere, comunque!!

    RispondiElimina
  17. L'avevo visto senza aspettarmi niente di che e invece mi aveva proprio sorpreso. Divertente ma anche cattivo. Bella recensione!

    RispondiElimina
  18. Grazie mille del complimento!

    RispondiElimina
  19. Le immagini che hai postato mi invogliano veramente alla grande!

    RispondiElimina
  20. Guardalo, è veramente uno degli horror più belli degli ultimi anni!!!

    RispondiElimina
  21. Questo mi invoglia alquanto... non è uscito in Italia, presumo. Ottima disanima, lo procurerò

    Frank

    RispondiElimina
  22. Devono averlo dato su Italia 2 ad Halloween, con un titolo ovviamente diverso... possiible che sia La vendetta di Halloween o giù di lì o___O

    RispondiElimina
  23. Grandissima la distribuzione italiana -.-' . Comunque visto... interessante soprattutto per la forte componente grottesca e gli sprazzi comici

    Frank

    RispondiElimina
  24. nonostante l'ovvia e ormai proverbiale demenza italiana, sono contenta che tu sia riuscito a vederlo! Secondo me ne vale comunque la pena!

    RispondiElimina
  25. utente anonimo4 novembre 2011 14:43

    In effetti, inquadrato come il prodotto che è, fa il suo effetto. Un fumettone che non si prende sul serio. Ci sta.

    (comunque piacere, Francesco)

    RispondiElimina
  26. Bella recensione, e anche utile. Anch'io di recente ho recensito Trick 'n Treat, proprio perché è uno di quei film ingiustamente finiti nel dimenticatoio, facendo così torto alla sua (buonissima) qualità. Giusti anche i tuoi riferimenti a pellicole come Creepshow, perché qui si torna a respirare un po' quel gusto puro e genuino tipico dell'horror anni Ottanta, e che ormai, purtroppo, è andato quasi del tutto perso, soprattutto in America.

    RispondiElimina
  27. utente anonimo7 novembre 2011 02:11

    ciao, ottima recensione... l'ho visto un paio di anni fa grazie al miracoloso San Bitto(rrent)... mi fatto venire in mente quelle serate davanti allo creepshow... e twilight zone...

    bel blog, avrò molto da leggere :)

    RispondiElimina
  28. @cinemystic: dicono che dovrebbero fare un seguito.. chissà se è vero. In caso, speriamo sia all'altezza di questo!

    @Anonimo, grazie per essere passato!
    Ne avrai sì da leggere, soprattutto se ti piace il genere!
    Però la prossima volta firmati, grazie! ç__ç

    RispondiElimina
  29. utente anonimo8 novembre 2011 00:10

    ... purtroppo non mi fa registrare T.T ...

    RispondiElimina
  30. Ok, qui passo la mano, non leggo la recensione. Non si sa mai che ne legga altrove come ben fatto.

    RispondiElimina
  31. Ma il film lo hai visto? Se non l'hai fatto ne vale davvero la pena!!

    RispondiElimina
  32. Rece perfetta Babol, è davvero un gioiellino.
    Non mi ero accorto che nei fumetti c'erano i vari episodi, non potevo saperlo prima... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del complimento!
      Eh sì, scorrono rapidi ma qualche elemento c'è!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...