domenica 21 luglio 2013

Austin Powers - Il controspione (1997)

Cominciano oggi le recensioni di una delle trilogie preferite dalla Bolla. Quella del Padrino? No, santo Cielo, mi sento male solo a pensare di dover recensire un simile caposaldo (ma il cofanetto di DVD è già lì che mi guarda scalpitando...)! Picchierò invece un po' più in basso e mi dedicherò ad uno scopadelico terzetto di film, baby, yeah!, cominciando con Austin Powers - Il controspione (Austin Powers: International Man of Mystery), diretto da Jay Roach nel 1997.


Trama: per sconfiggere il suo arcinemico Dr. Male, l'agente segreto Austin Powers viene congelato negli anni '60 e si risveglia nei '90, per nulla spaesato e sexy come non mai, baby!!


Chi mi conosce da anni sa quanto io adori Austin Powers e tutto il suo universo di idiozie, al punto dall'essere arrivata a citare le battute a memoria, nonché a mettermi più di una volta col mignolo vicino al labbro a mo' di Dottor Male. A dire il vero, però, il mio amore Austiniano è stato riversato più sul secondo e terzo capitolo che su questo Il controspione, che in pratica funge da apripista a tutte le gag che verranno poi sviluppate meglio nei film successivi, maggiormente concentrati sulla figura del Dr. Male, assai più simpatico di Austin. Austin Powers - Il controspione è ancora un'embrionale, seppur efficace, parodia dei film di James Bond, con un protagonista talmente sexy che tutte le donne, senza eccezione, anche le esplosive fembot, prima o poi finiscono per cadere ai suoi piedi nonostante denti storti, occhialazzi e pilu in bella vista perché Austin ha qualcosa che gli altri non hanno: il mojo. Ovvero una carica sessuale senza paragoni, concentrata nel Soul Bossa Nova di Quincey Jones, numero musicale portante di tutti e tre i film dedicati all'International Man of Mystery per eccellenza. Che poi, la carica sessuale di Austin si concentra solo in battutine, ammiccamenti, donne dai nomi ambigui (Alotta Fagina alias Annabella Fagina) e gag dove ogni nudità viene coperta da un oggetto, perché come ogni eroe che si rispetti alla fine anche lo scopadelico agente segreto verrà vinto dall'amore e si darà alla monogamia, in questo caso con Elizabeth Hurley, prima Austin Girl e probabilmente la meno efficace delle tre.


Come al solito, però, sono i personaggi negativi che colpiscono. Austin Powers - Il controspione introduce il Dr. Male (preso paro paro dalla performance del grandissimo Donald Pleasence in Si vive solo due volte) col suo gatto pelato Mr. Bigglesworth e le gag più riuscite sono tutte per il personaggio, un genio del male spaesato, ancora ancorato ai vecchi, stupidissimi piani di conquista mondiale e ai cliché del genere, sopportato a malapena dai ben più moderni collaboratori, come il grandissimo Numero 2, orientato ad un male più sottilmente bastardo ed economico. A far da degno contraltare al vecchiume incarnato dal povero Dottore c'è il figlio ribelle Scott, devastato dai soliti problemi dell'adolescenza ma ancora più arrabbiato perché clonato e abbandonato dal padre che lo vorrebbe malvagio come lui. Personaggi embrionali, si diceva, ma già indimenticabili, mentre i killer assoldati dal Dr. Male per uccidere Austin, parodie di altri famosi villain bondiani, sono ancora abbastanta impersonali e sacrificabili quanto gli anonimi galoppini che vengono tranquillamente uccisi dai buoni (l'altra gag riuscitissima del film è mostrare, finalmente, le reazioni dei familiari di questi poveracci senza nome!!). Mike Myers, grande mattatore, riesce a scivolare agilmente dai panni di Austin a quelli del Dottor Male e non lesina ammiccamenti verso il pubblico, mentre il resto del cast mostra di essersi divertito tantissimo a girare questo film. A completare il tutto, una colonna sonora frizzantissima e una pletora di guest star da urlo, che rendono Austin Powers - Il controspione un must sia per chi ama le parodie sia per chi è abbastanza ferrato sui vecchi James Bond.


Di Mike Myers (Austin Powers/Dr. Male), Seth Green (Scott Male), Mimi Rogers (Mrs. Kensington), Will Ferrell (Mustafa) e Clint Howard (Johnson Ritter) ho già parlato ai rispettivi link.

Jay Roach (vero nome Mathew Jay Roach) è il regista della pellicola. Americano, ha diretto Austin Powers – La spia che ci provava, Austin Powers in Goldmember, Ti presento i miei, Mi presenti i tuoi? e Candidato a sorpresa. Anche produttore e sceneggiatore, ha 56 anni e un film in uscita.


Elizabeth Hurley interpreta Vanessa Kensington. Inglese, la ricordo per film come EdTV, Austin Powers – La spia che ci provava, Il mistero dell’acqua e Indiavolato, inoltre ha partecipato alle serie Le avventure del giovane Indiana Jones e Gossip Girl. Anche produttrice, ha 48 anni e due film in uscita.


Michael York (vero nome Michael York – Johnson) interpreta Basil Exposition. Inglese, lo ricordo per film come Romeo e Giulietta, Cabaret, Assassinio sull’Orient Express, Balle spaziali, la mitica miniserie Il segreto del Sahara, Il fuggitivo della missione impossibile, Studio 54, Austin Powers – La spia che ci provava e Austin Powers in Goldmember, inoltre ha partecipato alle serie Curb your Enthusiasm, Una mamma per amica, How I Met Your Mother e lavorato come doppiatore per alcuni episodi de I Simpson e I Griffin. Anche produttore, ha 71 anni e due film in uscita. 


Robert Wagner interpreta il Numero Due. Attore americano famosissimo per la serie Cuore e batticuore, ha partecipato a film come La pantera rosa, L’inferno di cristallo, Pantera rosa – Il mistero Clouseau, Dragon – La storia di Bruce Lee, Sex Crimes – Giochi pericolosi, Austin Powers – La spia che ci provava, Austin Powers in Goldmember e a serie come Two and a Half Men. Anche produttore, ha 83 anni e due film in uscita. 


Mindy Sterling interpreta Frau Farbissina. Americana, la ricordo per film come Chi è sepolto in quella casa?, Giovani diavoli, Austin Powers – La spia che ci provava, Il Grinch e Austin Powers in Goldmember; inoltre, ha lavorato come doppiatrice per il film L’era glaciale 2 – Il disgelo, per la serie Robot Chicken e ha partecipato ad episodi di 8 sotto un tetto, Friends, Ellen, Zack e Cody al Grand Hotel, Scrubs, My Name is Earl e Desperate Housewives. Ha 60 anni.


Charles Napier (vero nome Sr. Charles Whitnel Napier) interpreta il Capitano Gilmour. Americano, ha partecipato a film come Lungo la valle delle bambole, Supervixens, The Blues Brothers, Rambo II - La vendetta, Una vedova allegra… ma non troppo, Alien degli abissi, Maniac Cop, Il silenzio degli innocenti, Palle in canna, Philadelphia, Il rompiscatole, Austin Powers – La spia che ci provava, La famiglia del professore matto, One-Eyed Monster e alle serie Gli eroi di Hogan, Star Trek, Il tenente Kojak, Starsky & Hutch, L’incredibile Hulk, Supercar, Chips, Dallas, Hazzard, A-Team, Renegade, La signora in giallo, Walker Texas Ranger, Roswell, The 4400, CSI e Cold Case, inoltre ha lavorato come doppiatore per I Simpson. Anche produttore, è morto nel 2011 all’età di 75 anni.


Tra le varie guest star che compaiono senza avere il proprio nome nei credits segnalo Tom Arnold (il Cowboy), Carrie Fisher (la psicologa che aiuta Scott e il Dr. Male), Rob Lowe (uno degli amici del tirapiedi decapitato), Priscilla Presley nei panni di sé stessa e ovviamente Christian Slater (la guardia ipnotizzata da Austin). Applausi a loro ma cacca su Jim Carrey, che ha rifiutato il ruolo di Dottor Male perché impegnato nel ridicolo Bugiardo, bugiardo. A parte questo, vi consiglio di recuperare il DVD di Austin Powers – Il contro spione perché contiene due simpatici finali alternativi e di proseguire con la visione di Austin Powers – La spia che ci provava e Austin Powers in Goldmember, perché da qualche anno Mike Myers ha in progetto di girare un quarto capitolo, quindi meglio arrivare pronti all’evento! Poi, se il film vi è piaciuto, potete guardare anche Charlie’s Angels, Charlie’s Angels – Più che mai, Starsky & Hutch e il Casino Royale del 1967. ENJOY!! 

26 commenti:

  1. il secondo vince su tutti (e grazie ancora, con la squadra che si è occupata di adattamento e doppiaggio...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La recensione del secondo dovrebbe uscire martedì se riesco!! Ed è il mio preferito... <3

      Elimina
  2. Pssss! Si dice capIsaldo! ;)

    Come poter mai dimenticare l'abbacinante visone di uno scroto perfettamente rasato? (Cit.)

    Talmente un superclassico da essere omaggiato da Quentin in Django,cioe'nonsosse'....


    Hai recensito "Palle in canna" ?!?! Uno dei massimi capolavori della cinematografia mondiale e della storia dell'arte in generale??? Corro a leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, dove diavolo ho scritto caposaldi? Mi sento male e non riesco a trovarlooo >.<
      Eh beh l'abitino di Foxx XD

      Certo che l'ho recensito, lo adoro!!

      Elimina
    2. .... ma è singolare, non plurale o__o
      Va bene caposaldo! (non infartarmi, eh!!)

      Elimina
    3. No. Quello e' un vestito scontato.. Si dice capisaldo.
      E' il singolare di un termine,non di due. :d

      Elimina
    4. Sto impazzendo. Questo è un caposaldo. Questi sono dei capisaldi. Almeno, questo è ciò che mi avevano insegnato alle elementari XD

      Elimina
    5. E a me il contrario. Giuro.
      Poi google ti dà ragione. Io non mi ero mai posto il problema,alle solite.

      Diem perdidi...

      Elimina
    6. Ahahah ma muoio XDXDXD

      Elimina
  3. Io adoro tutta la trilogia!
    Dico sul serio... Myers è un mito!
    E spero che il quarto capitolo esca subito... visto che è stato annunciato da secoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Myers è il mio idolo, quanto al quarto capitolo... speriamo esca presto ma tanti interpreti sono davvero invecchiati a bestia, York è pesantemente malato... mah... ç__ç

      Elimina
  4. anche per me un primo film ancora embrionale.
    aspetto la rece del secondo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non aspettarti chissà che :P
      Comunque, il secondo è due spanne sopra!

      Elimina
  5. Io adoro il secondo, mi fa piegare in due. Il primo però non male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il secondo rido ancora adesso a cercare le foto per il post. Infatti, credo proprio non mi limiterò a tre!

      Elimina
  6. Anchio sono per "la spia che ci provava"!
    Peccato solamente che Mike Myers sia rimasto leggermente imprigionato in questo personaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente sì... ma rivederlo in Basterdi senza gloria è stato meraviglioso!!!

      Elimina
    2. concordo assolutamente, tarantino spesso rende onore a questi attori "simbolo". Un po come David Carradine per kill bill, e a suo tempo Travolta per Pulp Fiction, che risolse una carriera in crisi, da ormai molti anni, grazie proprio al regista/sceneggiatore di Knoxville, guadagnandosi pure una nomination all'oscar

      Elimina
    3. Eh già! Peccato solo che per Myers non sia stato così ç__ç

      Elimina
  7. Una di quelle serie che non mi stanco mai di rivedere e le cui Gag mi fanno ridere sempre come fosse la prima volta, semplicemente irresistibile.
    Per dirne una, Austin Powers a James Bond non lo vede nemmeno. :-P

    RispondiElimina
  8. io amo austin powers è l'eroe occhialuto per eccellenza,che ben porta sullo schermo la nostra carica di simpatia e sana idiozia.Ma quanto è contento all'inizio sulle note della celebre composizione di Jones..Fantastico
    Il capitolo peggiore della trilogia per me è il secondo e poi si conclude in gloria con il 3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaah il balletto è meraviglioso!!
      Io il secondo invece lo adoro....!

      Elimina
  9. Il mio preferito in assoluto è Austin Powers in Goldmember.
    Anche se alla fine le gag sono abbastanza banali, ogni volta che lo guardo rido come un'idiota.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voto il secondo, ma tanto li riguardo sempre volentieri tutti!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...