venerdì 31 gennaio 2014

Dragon Ball Z: La battaglia degli Dei (2013)

In occasione dell'uscita italiana di Dragon Ball Z: La battaglia degli Dei (ドラゴンボールZ 神と神 - Doragon Bōru Z: Kami to Kami), diretto nel 2013 dal regista Masahiro Osoda, che sbarcherà nelle Vostre Sale l'1 e il 2 febbraio, io e la folle (in senso buono) Acalia Fenders di Prevalentemente Anime e Manga abbiamo deciso di parlarne con un crossposting e QUI potete trovare la sua recensione.


Trama: il Dio della Distruzione Bills (che in giapponese si pronuncia birusu, birre!) si risveglia e decide di scendere sulla Terra per cercare il leggendario Dio Sayan. Goku e compari, impegnati a festeggiare il 38esimo compleanno di Bulma, dovranno rinunciare ai ricchi premi e cotillon per combattere l'ennesima, onnipotente e folle minaccia..

I miei due più grandi fan. Troppo buoni!
Sinceramente devo ancora capire bene se questo Dragon Ball Z: La battaglia degli Dei mi sia piaciuto o no. Da un lato direi di sì perché ignora completamente l'abominevole Dragonball GT e ricatapulta i nostri eroi ai giorni più felici del pregevole Dragonball Z inoltre, per una volta, la minaccia aliena (o divina) è DAVVERO onnipotente e con scazzo, aplomb e inedia tipicamente feline fa fare più di una volta agli odiosi Sayan la figura dei peracottai. Il Dio Bills, assieme al suo fido aiutante Whis in odore di gayezza, è sicuramente l'avversario più spassoso mai uscito dalla mente di Akira Toriyama, il più imprevedibile e stronzetto nonché l'unico in grado di riportare i toni della serie a quelli più giocosi e spensierati dell'infanzia di Goku. Il problema è che, come spesso accade, il troppo stroppia e per buona metà  Dragon Ball Z: La battaglia degli Dei è talmente infantile, idiota, imbarazzante e lontano dalle personalità degli storici protagonisti che a volte guardavo ovunque meno che nello schermo per evitare di incrociare lo sguardo di un Vegeta costretto a danzare, un Gohan ubriaco fradicio o (ORROREE!!!) un Piccolo scandalizzato all'idea che Trunks si tenga per mano con una fidanzatina. Poi, ovviamente, tutta la faccenda ruota attorno ai Sayan e il resto dei personaggi, come purtroppo già accadeva negli ultimi episodi di Dragonball Z, viene ridotto a tappezzeria o macchiette e non giova il ritorno della storica banda di Pilaf: sarebbe stato meglio concentrarsi su pochi protagonisti e via, giusto per non spezzare il cuore a chi, come me, ha sempre amato Piccolo o Majin Bu. Il finale, poi, a mio avviso è davvero messo lì senza un perché, pare di essere nella Casa delle Libertà dell'Ottavo Nano, dove facevano "un po' quel che c***o ci pare"... ma nulla raggiunge il momento WTF che vede Videl protagonista assoluta, of course.


Per quel che riguarda l'animazione, i disegni sono molto ben fatti e, cosa non da poco, Bills assomiglia davvero a un Devon Rex e non segue il tipico character design di Toriyama come gli altri ventordicimila personaggi della saga. Per contro, il Sayan God (che a scrivere Dio Sayan mi pare di dire una bestemmia!!) non è nulla di che e sembra disegnato da qualcuno che non aveva proprio ben chiare in mente le proporzioni umane. Le scene d'azione e gli scontri corpo a corpo, comprensibilmente fiore all'occhiello della saga, sono ben animate e stranamente ridotte in numero: la palma d'oro va allo scontro Bills vs Gotenks, che si conclude con una divina e potente sculacciata ai danni del camurrioso pargolo fuso. Orridi, invece, i fondali in CG che accompagnano la battaglia itinerante tra Bills e il Sayan God, robe talmente fasulle che non si vedevano dai primi, timidi tentativi di animazione 3D della Disney (che, visti i tempi, erano fatti molto meglio!!). Per concludere, a mio avviso Dragon Ball Z: La battaglia degli Dei è una robetta senza infamia né lode, buona giusto per divertirsi (ma neanche troppo, ché la noia è dietro l'angolo, più insidiosa di Freezer) durante un passaggio televisivo pomeridiano ma sicuramente indegna di essere trasformata in evento cinematografico di due giorni, per questo e mille altri motivi. Conservatevi la pecunia per qualcosa di meglio.. per esempio, mi hanno detto che un certo Scorsese ha dato proprio il bianco col suo ultimo film ma certo, se poi preferite vedere una scimmia e un gatto che si menano, Krilin vestito come Mao o la vecchiaia che comincia ad intaccare i già scarsi neuroni di Bulma, fate come volete!

Gettare al vento la propria dignità in 5.. 4.. 3.. 2..
Masahiro Osoda è il regista della pellicola. Giapponese, ha diretto episodi delle serie I cavalieri dello Zodiaco e Petali di stelle per Sailor Moon. Anche animatore e assistente alla regia, ha 53 anni.


La produzione di Dragon Ball Z: La battaglia degli Dei la dice lunga sul carattere giocoso del suo creatore, Akira Toriyama, sul suo attuale grado di rincoglionimento e sulla consapevolezza di avere lasciato un'eredità che la gente sta calpestando senza rispetto alcuno: pare infatti che l'anime sia nato come vendetta nei confronti dell'orripilante Dragonball Evolution, che il ringiovanimento di Pilaf e soci sia una voluta parodia dell'altrettanto aberrante Dragonball GT e anche che il Maestro si fosse più volte dimenticato dettagli "insignificanti" come il colore dei capelli di C18 o le varie evoluzioni dei Sayan. Tantissimi anche i cambiamenti in corso d'opera pretesi dal sensei, a partire dalla natura felina di Bills (che in origine avrebbe dovuto essere una sorta di "demone possessore"), per arrivare al character design del Dio Sayan o il compleanno di Bulma al posto del matrimonio dell'inutile Krilin. Per quanto riguarda la continuity, invece, il film si colloca dopo la battaglia contro Majin Bu e ovviamente prima della riunione finale dei personaggi al torneo Tenkaichi, che conclude la saga disegnata da Toriyama, nonché, come si evince dai dialoghi, dopo l'ONA Dragon Ball: Ossu! Kaette kita Son Goku to nakama-tachi!! del 2008. Detto questo, se La battaglia degli Dei vi fosse piaciuto consiglierei il recupero dell'intera serie Dragonball (GT escluso, ça va sans dire) e di tutti i film che ne sono stati tratti, direi almeno 17 se non vado errata... quindi di roba da guardare ne avete a iosa! ENJOY!|

18 commenti:

  1. Mi sa che io ci sono andata più pesante di te con questo film XD

    [SPOILER IN LIBERTA']
    Personalmente già non amavo l'umorismo idiota delle prime saghe di Dragon Ball ma potevo apprezzarne la spontaneità. Qui, purtroppo, si cerca di ricreare lo stesso schema ma il risultato è forzato e scricchiolante!

    Poi, tra l'altro, anche i tanto agognati combattimenti sono stati una vera e propria delusione! Non è che chiedessi chissà cosa ma nel manga erano di tutt'altro livello (10 punti a Toriyama, però, per aver fatto sculacciare Gotenks e 10 punti per il fatto che, finalmente, Goku perda - poi persi con la canzoncina di Vegeta e con lo screen di Piccolo che fa il karaoke!).

    In ogni caso concordo pienamente sul fatto che c'erano molti film d'animazione più meritevoli per un evento cinematografico!

    PS: Lo screen di Piccolo che si umilia al karaoke non si poteva proprio non metterlo! Povero Piccolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, io sono come Bramieri nella canzone di Elio, molto più indulgente e concedo parte di amnistia, ma solo per il gatto. Il resto è mmmmerda.
      Soprattutto per l'affronto a Piccolo!!! >.<

      Elimina
  2. Cioè, mi stai dicendo che al posto del matrimonio di Krilin con C18 c'è il compleanno di Bulma? Ok, dopo aver letto la recensione di Acalia ho deciso di non vederlo, adesso ho la certezza che non lo vedrò neppure in streaming!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto io possa trovarmi perfettamente concorde con te,mi tocca vedere il film IN STREAMING GIAMMAI AL CINEMA per confrontarmi con un amico fanatico :p Glielo devo sputtanare ben bene con cognizione di causa!

      Elimina
    2. @Robbin basta che non gli dai dei soldi :P E poi colpisci senza pietà!

      @Sailor confermo la notiziona spoilerosa!
      La recensione di Acalia è mooolto più dettagliata, ci credo che ora non vorrai vederlo nemmeno per sbaglio!

      Elimina
    3. Ma infatti NEANCHE un centesimo!

      Elimina
  3. altroché film vergogna...
    qui siamo proprio a un livello superiore buahah :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, i film vergogna domenica arriveranno anche da me e allora vedrai... :D

      Elimina
  4. Io amo DragonBall con Goku bambino, era più divertente e non era di sole mazzate ma c'era avventura e ironia... DBZ è solo una sequela di combattimenti, questo film farà la gioia dei fans ma oltre a questo vedo poco, sinceramente...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io preferisco DBZ ma fondamentalmente perché adoro Piccolo :)
      Dragonball prima della Z non mi ha mai appassionato granché...

      Elimina
  5. Mio dio, sto iniziando ad odiare Dragon Ball

    RispondiElimina
  6. Penso di essere uno di quelli che Draginball, a parte le avventure di Goku da piccolo, non lo hanno mai potuto sopportare. Anzi, trovo ridicolo che si continui a portare avanti un brand ormai trentennale e che di nuovo non ha più nulla da dire già dai primi episodi della serie 'Zeta'.
    Mi sa che lo salterò a pié pari, che già mi viene da bestemmiare nel vedere che in tv lo trasmettono per la trentottomilionesima volta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ribadisco, io lo Z l'avevo trovato pregevole, almeno fino alla fine della saga di Cell. Poi era diventato fuffosissimo, un altro film non era davvero necessario :)

      Elimina
  7. Non riciclo il commento che ho lasciato su "Prevalentemente Anime e Manga", ma non posso negare che il succo sia lo stesso.
    Parto già a morale basso, nonostante il cattivo sia fico!
    Ma lo sento che sarà una monnezza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendo pareri dopo la visione :P

      Elimina
  8. Per fortuna che ho letto il post tuo e quello di Acalia, che mi era passato per la testa di andare al cinema a vederlo. Questo cattivo dall'aspetto e dall'indole felina però vorrei vederlo in azione, di solito gli avversari in Dragon Ball si prendono sul serio in modo assurdo e sono insopportabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siccome è reperibilissimo consiglierei di superare il diludendo da visione cinematografica... anche perché perlomeno guardarlo in lingua originale ha una (piccolissima) marcia in più!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...