venerdì 20 gennaio 2017

The Monster (2016)

Prima che il 2016 finisse ero riuscita a vedere un altro degli horror che sono finiti nella classifica horror di fine anno di Lucia, ovvero The Monster, diretto e sceneggiato da Bryan Bertino, ma a causa della mia solita lentezza riesco a parlarne solo ora.


Trama: una madre e una figlia rimangono in panne dopo un incidente, solo per venire cacciate da un terrificante mostro nascosto nei boschi.



Il mio primo e unico impatto con Bryan Bertino era stato quel terrificante The Strangers che ancora oggi non ho il coraggio di riguardare per l'ansia che mi aveva messo addosso, cosa che gli aveva conseguentemente guadagnato il mio odio eterno. Anche per questo, onestamente, non sapevo neppure che avesse diretto Mockingbird - In diretta dall'inferno che, dalla trama, mi pare superficialmente simile all'opera prima del regista e sceneggiatore, mentre con The Monster questo losco figuro ha scelto di abbandonare l'insicurezza delle quattro mura per sbattere le due povere protagoniste in mezzo alla wilderness più nera, dove stanno nascosti quei mostri che, di regola, non dovrebbero neppure esistere. L'ambiente "aperto" non ha reso meno angoscianti i suoi film, questo è certo, ma perlomeno stavolta non ho odiato Bertino, anzi, gli ho persino voluto bene. The Monster racconta infatti di una piccola famiglia allo sfascio, all'interno della quale la piccola Lizzy è costretta a sopportare la presenza di una giovane madre ubriacona, sboccata e fancazzista che passa le giornate a sbevazzare e dormire, quando non è impegnata a piagnucolare per l'ennesimo fidanzato redneck che la tratta male. Il punto di vista iniziale, quello da cui veniamo condizionati, è quello di Lizzy. Non possiamo fare altro che provare pietà per questa ragazzina costretta a crescere in modo squilibrato (la vediamo curare, letteralmente, la madre come fosse lei l’adulta delle due, eppure non molla per un istante il cagnolino di pezza per il quale Lizzy è obiettivamente troppo grande, quasi fosse la sua coperta di Linus) e a un certo punto arriviamo ad odiare Kathy, giovane madre nervosa che è l'incarnazione stessa dell'autodistruzione, tanto che una parte di me quasi sperava che il mostro del titolo fosse un'estensione cronenberghiana della rabbia della bambina, pronta a reclamare tremenda vendetta. E invece The Monster si è rivelato molto più sfaccettato e crudele di così, perché nella realtà i sentimenti non sono mai netti e definiti. C'è la vergogna profonda di Kathy, accompagnata da un odio per sé stessa altrettanto profondo, un sentimento terribile che la spinge a gettare la spugna e a lasciare che la bambina la detesti, così da offrirle la chance di una vita migliore col padre, probabilmente risposato e benestante; c'è l'innocente amore di una bambina per la madre, ché un conto è pregare che la genitrice muoia e arrivare quasi a tagliarle la gola in un impeto di disperazione, un conto è vederla dilaniata dalle zanne di un mostro proprio nel momento in cui il suo amore materno si mette a brillare come una fiamma nel buio, mandando al diavolo ogni istinto di autoconservazione.


C'è ovviamente un mostro, anzi, IL mostro, per l'appunto. Che non ha un'origine o un perché, in quanto a noi non deve fregare nulla di come sia arrivato nei boschi di una parte di America non meglio definita. Gli incubi più terribili hanno mai un motivo? Solitamente no, soprattutto quando ci arrivano addosso inaspettati e crudeli e sconvolgono la nostra esistenza con accanimento e ferocia. La creatura di The Monster è terrificante nel vero senso della parola, un essere alieno zannuto ed artigliato che assicura almeno un paio di jump scare ma non l'ho trovato un elemento così importante della pellicola. A farmi riflettere ed apprezzare l'operazione di Bertino è piuttosto il modo in cui il regista e sceneggiatore sfrutta il mostro per sviscerare ancora di più la personalità delle protagoniste e il loro complicato rapporto, costringendole in una situazione senza via d’uscita e sotto la minaccia di un pericolo mortale, innescando in qualche modo un cambiamento in entrambe e, soprattutto, portando lo spettatore ad affezionarsi terribilmente alle due. Semplificando, si potrebbe dire che The Monster è la versione riveduta e (s)corretta di Cujo ma non è la stessa cosa: lì si trattava di una “cattiva moglie” di cui tuttavia non veniva mai messo in dubbio il ruolo di madre e di un bimbetto talmente piccino che l’empatia scattava in automatico, nel film di Bertino la natura positiva di madre e figlia non è così scontata. Ecco perché, per far funzionare un film simile, diventa indispensabile la bravura delle due attrici protagoniste, ancor più della validità dell’effetto speciale (per quanto apprezzabile ed artigianale, grazie a Dio). Zoe Kazan, giusto per rimanere in tema, è mostruosa, oltre che di una bellezza esagerata. Sarà anche un cliché ma ammetto di avere avuto il magone per un po’ durante i flashback che la vedono impegnata a rifiutare, inutilmente, la bottiglia, per poi ritrovarsi addormentata in bagno, abbracciata dalla figlioletta (qui fa tanto anche l’eleganza di Bertino, che consacra ai posteri una delle inquadrature più belle del 2016) e anche nelle scene più “action” la Kazan tira fuori una grinta tale da far venire voglia di vederla un po’ più spesso sul grande schermo. Altrettanto brava la giovane Ella Ballentine, capace di gestire al meglio il ruolo di ragazzina precocemente segnata dalla vita ma con un preoccupante lato infantile, sfaccettature psicologiche che, in mano ad attori meno capaci, rischierebbero di sconfinare nell’esageratamente patetico (per dire, è uno spasso vedere le due attrici urlarsi in faccia nella sequenza del garage ma fidatevi che il fuck you sussurrato dalla Ballentine alla fine spezza il cuore). Non è quindi un caso che The Monster sia finito in tante classifiche di fine anno stilate dagli appassionati di horror perché l’ultimo film di Bertino è davvero più di un semplice film di genere ed è sicuramente una splendida, sanguinosetta favola nera con la quale iniziare al meglio il 2017.  



Del regista e sceneggiatore Bryan Bertino ho già parlato QUI  e nello stesso link trovate anche Scott Speedman, che interpreta Roy.

Zoe Kazan interpreta Kathy. Americana, ha partecipato a film come Revolutionary Road, Ruby Sparks e a serie quali Medium. Anche sceneggiatrice e produttrice, ha 34 anni e due film in uscita.


Pur non avendo ancora visto Under the Shadow credo potrebbe essere un buon titolo da recuperare in caso The Monster vi fosse piaciuto. ENJOY!


16 commenti:

  1. Un po' troppo sempliciotto, ma molto molto carino.
    La Kazan, poi, la adoro a prescindere. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non l'ho trovato per nulla sempliciotto, anzi :) Ma confermo l'ammore per la Kazan!

      Elimina
    2. Eh, però se pensi alle chiavi di lettura di un Babadook...
      Questo le potenzialità le aveva, i flashback sono emozionantissimi, ma il mostro - okay che è metafora di altro - poco funziona, secondo me, e il film imbocca un po' lo spettatore col cucchiaino. Però mi è piaciuto, a modo suo. :)

      Elimina
    3. Babadook è qualcosa di ancora diverso, secondo me, lì la crisi si crea e richiama l'orrore, qui c'è già e probabilmente il mostro era già lì per i fatti suoi da chissà quanto, funge proprio da Babau delle favole.
      Non li paragonerei, infatti a me ha ricordato più un horror anni '80 con cani ed altre cose malvage :P

      Elimina
  2. Un horror che funziona più per la parte intimista e psicologica, che non su un piano puramente horror, però va bene così.
    Anche a me The Strangers aveva messo una grande tensione, ma questo riesce a farsi volere più bene.

    Zoe Kazan forever! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Strangers era proprio un film stronzo e malvagio!! XD Lieta di sapere che ha scioccato tutti allo stesso modo :P

      Elimina
  3. Visto ad inizio anno, con la febbre a 39, non mi ha impressionato più di tanto... forse era la febbre :) Recupererò The Strangers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Stranger è una bella mazzèta nello stomaco!!

      Elimina
  4. Questa è una di quelle volte in cui penso che la mia avversione per gli horror sia un vero peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente. E' davvero un bel film, al di là delle etichette.

      Elimina
  5. Visto un po' di tempo fa... bello davvero <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immaginavo fosse il tuo genere!! :D

      Elimina
  6. Nonostante non sia il mio genere, questa volta una possibilità voglio dargliela. Credo il cinema degli ultimi anni abbia bisogno del ritorno dei mostri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare che quest'anno ne escano parecchi, sai? C'è Godzilla di Anno, dovrebbe tornare Pacific Rim... speriamo bene!

      Elimina
  7. Se guardo un horror non voglio essere rotto le palle per 2 ore con il dramma della bambina e della madre. Gli horror come babadook sono psicologici e sottintesi.
    Questo ti sbatte il dramma familiare dal primo all'ultimo minuto.altro che velata metafora.
    Senza contare gli stronzi come voi capaci di vedere premi Oscar in una cagata di film come questo !!!
    Andate a fare in culo. Ho perso 2 ore di sonno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero tentata di cancellare il commento in quanto anonimo ma mi piace sottolineare come chi si lamenta di avere perso (per colpa mia e di altri) 2 ore di sonno ne abbia persa almeno un'altra per partorire un commento così utile e, soprattutto, per spargerlo su diversi blog.

      Punto per noi "stronzi" che, appositamente, parliamo bene di "film cagata" onde rovinare le giornate ai poveri, ingenui lettori boccaloni mwahaahah! ^__*

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...