martedì 18 luglio 2017

The War - Il pianeta delle scimmie (2017)

Non so nemmeno io perché il reboot de Il pianeta delle scimmie sia diventato una di quelle saghe da seguire no matter what, sta di fatto che domenica sono corsa al cinema a vedere The War - Il pianeta delle scimmie (War for the Planet of the Apes), diretto e co-sceneggiato dal regista Matt Reeves.


Trama: a seguito delle azioni di Koba, tra scimmie e umani è scoppiata una guerra senza esclusione di colpi, che vede da un lato della barricata lo scimpanzé Cesare e dall'altro il sadico Colonnello. Quando la tragedia colpisce Cesare, il capo-branco si imbarca in un viaggio per cercare vendetta e scopre un terribile segreto...



Con The War - Il pianeta delle scimmie si chiude un cerchio, si tira un colpo alla testa dei titolisti italiani che hanno costretto gli adattatori a fare salti mortali per tradurre le didascalie iniziali del film e si aspetta, consapevoli che probabilmente quel mondo nato nel 2011 avrebbe ancora molto da raccontare. O forse no, in quanto per una volta che si chiude in bellezza forse sarebbe meglio non forzare troppo la mano. Lo scimpanzé Cesare, che abbiamo visto nascere, crescere, perdere fiducia nell'umanità e persino verso i suoi stessi simili, torna in The War - Il pianeta delle scimmie come una creatura ormai invecchiata, provata dalla guerra e sempre più in difficoltà a non cedere ad una rabbia bestiale capace di sterminare non solo gli umani ma anche sancire la disfatta delle scimmie; se nel primo film il focus era necessariamente la ricerca di un posto nel mondo di un essere troppo umano per essere scimmia e troppo scimmia per essere umano e nel secondo si parlava di fiducia, odio e speranza, qui il viaggio di Cesare assume molteplici significati e si concretizza in un esodo biblico verso un mondo nuovo, forse peggiore o forse migliore. Echi del Vecchio e del Nuovo Testamento (non c'è il Mar Rosso ma c'è una slavina, non ci saranno corone di spine ma le croci si sprecano, così come le frustate, le frecce nel costato e i Giuda) si uniscono in una trama adulta e ben più riflessiva rispetto al fiacco trionfo di effetti speciali che era Apes Revolution, all'interno della quale pochi personaggi si muovono circospetti, tra atmosfere western e post-apocalittiche, per fuggire da una guerra che li aspetta appena svoltato l'angolo, pronta a ghermirli coi suoi rimandi a campi di concentramento, muri Trumpiani, schiavismo e un senso di apocalisse incombente. L'Apocalisse. Apocalypse Now, fonte prima d'ispirazione dell'intera pellicola, perché quale film (tranne forse Full Metal Jacket) è stato in grado di raccontare l'alienazione, la follia e anche il fascino pericoloso di una cosa orribile come la guerra, meglio di quanto abbia fatto il capolavoro di Coppola?


Le motivazioni che spingono Cesare e compagni sono diverse da quelle di Willard ma l'obiettivo è lo stesso, ovvero raggiungere il "Cuore di Tenebra" e uccidere il Colonnello (non Kurtz ma McCullogh), quello che veniva nominato alla fine di Apes Revolution, un cupissimo babau evocato proprio da quel Koba che ora infesta gli incubi di Cesare, riscopertosi incapace di perdonare il prossimo come già accaduto al suo antico compagno/nemico. Provato da anni di soprusi e difficoltà, Cesare guarda negli occhi la Tenebra e riempie l'enorme vuoto che ha nel cuore della stessa oscurità che emana dal Colonnello, perdendo di vista obiettivi importanti come la famiglia e la sopravvivenza del suo branco solo per perseguire il proprio desiderio di vendetta; dal canto suo, il Colonnello è pervaso dalla stessa follia che albergava in Kurtz, fermo nei suoi propositi come i Vietcong che tagliavano il braccio ai bimbi vaccinati dagli americani e pronto ad ergersi a Dio di un mondo purificato dall'ennesimo virus in grado di sterminare l'umanità. E' il confronto (più che lo scontro) tra questi due personaggi il cuore di The War - Il pianeta delle scimmie, l'aspetto della trama che rappresenta la svolta "adulta" di quello che sulla carta rischiava di essere solo l'ennesimo blockbuster estivo e che invece regala emozioni, rabbia, copiose lacrime in più di un'occasione; una pellicola dove, finalmente, la bontà dell'effetto speciale si mescola ad una reale capacità di gestire sequenze tipiche di un film di guerra (l'inizio e il finale sono spettacolari e concitati) e ad attori umani che non scompaiono di fronte alle espressivissime scimmie. Woody Harrelson qui porta a casa un'interpretazione come non ne offriva da anni, facendo rivivere il fantasma di Marlon Brando nella pelle di Robert Duvall senza risultare né parodico né una semplice fotocopia dei due mostri sacri e stordendo lo spettatore con sentimenti contrastanti di odio puro e altrettanto sincera fascinazione, mentre la giovanissima Amiah Miller è semplicemente deliziosa nei panni di Nova. L'unico a rimetterci, come al solito, è un immenso Andy Serkis che viene sistematicamente sottovalutato in quanto sepolto da un volto e un corpo creati al computer ma senza il quale Cesare non sarebbe lo stesso personaggio vivido, profondo e tragico che ha conquistato il cuore degli spettatori dal 2011. Cosa sarà d'ora in avanti del franchise poco mi importa, sinceramente: Matt Reeves e soci hanno concluso la loro storyline con un'eleganza raramente riscontrabile in questo genere di saghe succhiasoldi e personalmente mi dichiaro molto soddisfatta. Se vi capita di cercare refrigerio al cinema date una chance a Cesare e ai suoi (poco) allegri compagni, non ve ne pentirete!


Del regista e co-sceneggiatore Matt Reeves ho già parlato QUI. Andy Serkis (Cesare), Woody Harrelson (Il Colonnello), Steve Zahn (Scimmia Cattiva), Toby Kebbel (Koba) e Judy Greer (Cornelia) li trovate invece ai rispettivi link.


L'anno scorso si diceva che fosse in progetto un quarto episodio della saga ma al momento non se ne ha notizia quindi, nell'attesa di saperne di più, se The War - Il pianeta delle scimmie vi fosse piaciuto potete recuperare tranquillamente L'alba del pianeta delle scimmie e Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie, assieme magari alla saga originale. ENJOY!

P.S. Dalla Mondadori mi hanno appena inviato una mail comunicando che il libro Il pianeta delle scimmie di Pierre Boulle, che ha ispirato in primis il film omonimo del 1968, è disponibile nella collana Oscar Mondadori. Lo trovate nelle librerie e negli store on line se siete interessati.

16 commenti:

  1. Sono contento di leggerne così bene.
    A questo punto le mie aspettative salgono.

    RispondiElimina
  2. E' stata una bellissima sorpresa, non avrei scommesso un centesimo su questo film. Gran lavoro invece: regia, sceneggiatura, personaggi, confezione. Un filmone di guerra vecchio stile, cupo e tesissimo, come non se ne vedevano da tempo.
    Harrelson secondo me ha già l'oscar in tasca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Harrelson dubito possa anche solo arrivare a pensarlo l'Oscar per questo film, considerata la vecchiezza dell'Academy. Tra l'altro, l'interpretazione di Serkis mi porta a pensare che sarebbe anche l'ora di pensare una moderna categoria ad hoc per chi recita sempre nascosto dalla grafica ma non fatica meno degli altri attori, anzi...

      Elimina
    2. Dici? Io sono meno pessimista (per Harrelson). Vedremo :)
      Su Serkis invece sfondi una porta aperta: sarebbe ora che l'Academy si adeguasse creando una categoria "ad hoc", oppure tenesse in considerazione questo tipo di performances...

      Elimina
    3. Eh ma non sia mai! Che poi la differenza tra Serkis e Di Caprio che deve scappare da un orso in CGI vorrei capirla...

      Elimina
  3. Sono ancora fermo al primo ( che comunque mi era piaciuto abbastanza ).
    Prima o poi, rientro nei ranghi anche per gli altri sequel.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il secondo è un po' lo scoglio da superare per apprezzare questo :)

      Elimina
  4. Ho grosse aspettative... E non l'avrei mai detto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono convinta che ti piacerà molto!

      Elimina
  5. Attendo ancora di vederlo, ma non pensavo fosse l'ultimo capitolo di una trilogia, anzi, pensavo sarebbero anche potuti andare avanti. Forse meglio così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento è l'ultimo ma fino all'anno scorso si parlava anche di un quarto capitolo, quindi non è detto che le avventure delle scimmie finiscano qui!

      Elimina
  6. Come sai certamente lo vedrò, per cui il giudizio resta sospeso, sperando che soddisfi le mie aspettative, non altissime ma eque dopo il bel secondo capitolo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me questo è molto meglio del secondo episodio!

      Elimina
  7. Non avevo ancora visto nessun episodio della saga. In una settimana ho recuperato e ieri sera sono andato a vederlo. Proprio bello. Concordo col fatto che non dovrebbero proseguire con altri film e che Revolution sia meno bello degli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, secondo me con Revolution aggiustavano un po' il tiro per un passaggio di atmosfere. Contenta che ti siano piaciuti comunque!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...