martedì 24 marzo 2020

L'uomo invisibile (2020)

Era uno degli horror che aspettavo di più quest'anno quindi, nell'attesa di riguardarlo, si spera al più presto, sul grande schermo, ecco che in questi giorni tristi ho recuperato L'uomo invisibile (The Invisible Man), diretto e sceneggiato dal regista Leigh Whannell. Per tutto ciò che concerne il recupero della pellicola in questione e la sfortunata, ignorante condizione in cui versa il mercato distributivo italiano, vi rimando QUI e QUI, altro non dirò sull'argomento.


Trama: Cecilia riesce a fuggire dal marito violento e pochi giorni dopo riceve la notizia del suo suicidio e dell'eredità che le è stata lasciata. Però qualcosa comincia a farle credere che l'uomo abbia soltanto finto la sua morte, e che la stia perseguitando...


Non mi ritengo un'esperta dei vari "Uomo invisibile", pur avendo visto la versione di Paul Verhoeven  che quella di James Whale, quindi non starò qui a fare paragoni perché onestamente ricordo poco entrambe e non sono riuscita a sfruttare il tempo di quarantena (oh, forse perché io non l'ho avuto!) per fare un bel ripasso. Quello che rammento, però, è che entrambi i film si concentravano molto sulla figura dell'uomo invisibile per se, a partire dal motivo che lo ha portato a sperimentare per divenire tale fino ad arrivare alla follia derivante dai suoi "immorali" esperimenti, mentre invece Leigh Whannell sceglie di abbracciare il punto di vista della vittima, partendo da una situazione molto horror ma ben poco inverosimile. Cecilia è una donna costretta a vivere un esistenza infelice, sotto il controllo di un marito violento sia fisicamente che psicologicamente, finché un giorno non trova il coraggio di scappare dalla casa-prigione che funge da "nido d'amore" (peraltro, un edificio asettico, zeppo di vetrate ma anche circondato da altissime mura, scogliere e mare, una sorta di fortezza inespugnabile) con l'aiuto della sorella, e si rifugia a casa di amici. Lì viene a scoprire che il marito si è suicidato, apparentemente preda della disperazione per essere stato lasciato, e come prova d'amore l'uomo le avrebbe anche lasciato dei soldi. Tutto è bene quel che finisce bene, almeno così parrebbe, il problema è che Cecilia è una donna spezzata nell'animo. Leigh Whannell descrive alla perfezione sia lo stato di paranoia e terrore costante in cui versa Cecilia sia la sua relazione con amici e parenti che cercano di farla rinascere, pur consapevoli che sarà difficile se non impossibile, perché le sue ferite sono troppo profonde; l'orrore, come ho scritto, la protagonista se lo porta già dentro prima ancora che subentri l'elemento "fantastico" e le prime sequenze del film sono talmente concitate e ansiogene che la presenza di un uomo invisibile si assesta sullo stesso livello di angoscia. Certo, dopo l'arrivo dello stalker invisibile la situazione precipita e gli amici di Cecilia arrivano a pensare che la sua paranoia sia finalmente sfociata in follia, anche perché gli episodi di violenza che cominciano a costellare la vita della protagonista diventano sempre più sanguinari, eppure anche lì l'orrore vero deriva dal senso palpabile di impotenza trasmesso da Cecilia, dall'impossibilità di controllare la propria vita e di dimostrare alle persone amate di essere un individuo assennato, non una pazza urlante e scriteriata.


Inevitabile, dopo aver visto i due film a distanza di pochi giorni, fare un minimo paragone con Swallow. In entrambe le pellicole la protagonista è una donna che, di regola, dovrebbe avere tutto per essere felice (anche Cecilia, come Hunter, è ricca, sposata ad un marito bello e di successo) ma ad entrambi i personaggi viene negata la possibilità di decidere della propria esistenza ed entrambe, a un certo punto, diventano semplicemente delle incubatrici funzionali alla nascita di un figlio, di un "erede" per il facoltoso marito. Certo, la violenza praticata su Hunter è più sottile e non viene neppure percepita come tale dal compagno, mentre il marito di Cecilia è un sadico bastardo senza se e senza ma, ciononostante non ho potuto fare a meno di pensare ai due personaggi come "sorelle" mancate e unite da un cieco, paranoico terrore, forse anche grazie all'incredibile bravura delle due protagoniste. Elisabeth Moss non è l'elegante stepford wife di Swallow, non glielo consente un lungo periodo di violenze reiterate, e quando la vediamo per la prima volta è già una creatura terrorizzata, scarmigliata, profondamente segnata da scure occhiaie; eppure, anche lei viene calciata a forza all'interno di un percorso di "formazione", atto a renderla sempre più sicura di sé, della sua intelligenza, della sua necessità di liberarsi non solo di un marito folle ma anche dell'aura di inaffidabile debolezza che spinge persino i suoi amici a dubitare di lei. Tutto questo viene tenuto assieme dalla regia di Leigh Whannell, che si affida ben poco ad effetti speciali digitali e gioca quasi tutto su angoscianti ed ampie inquadrature all'interno delle quali la Moss risulta piccola e spaurita, pronta a venire ghermita da mani invisibili che potrebbero spuntare da qualunque anfratto buio. E non si tratta solo di jump scare, ce ne sono davvero pochi, quanto di abilità nel trasmettere la paranoia del personaggio allo spettatore, non solo attraverso lo sguardo dell'attrice ma anche con "semplici" movimenti di macchina e con un sapiente montaggio. Onestamente, spero davvero che i distributori italiani non si dimentichino de L'uomo invisibile una volta che riapriranno le sale perché ho un fortissimo desiderio di posare il culo sulla poltrona e godermi questo gioiellino firmato Blumhouse e Leigh Whannell su un bello schermo gigante.


Del regista e sceneggiatore Leigh Whannell ho già parlato QUI mentre Elisabeth Moss (Cecilia Kass) la trovate QUA.


Oliver Jackson-Cohen, che interpreta Adrian, era il Luke Crain della serie Hill House. Inizialmente, L'uomo invisibile doveva far parte del Dark Universe de La mummia e Johnny Depp avrebbe avuto il ruolo del protagonista, ma il progetto è andato a farsi friggere e il film è diventato il primo dei futuri reboot dei classici mostri Universal ad opera della Blumhouse. Se il film vi fosse piaciuto recuperate L'uomo invisibile di James Whale, quello di Paul Verhoeven e anche A letto con il nemico. ENJOY!

18 commenti:

  1. Sai che la Universal ai tempi di James Whale aveva realizzato anche The Invisible Woman? Mai arrivato in Italia, ma era una cosa tremendamente trash, al livello di Gianni E Pinotto con siparietti pseudocomici. Visto in lingua originale giusto per curiosità dopo averne letto le peggiori recensioni. Sai com'è... me le vado a cercare, tant'è che voglio vedere anche il nuovo Cats che in quanto a Razzle non lo batte nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente? Il nuovo Cats vorrei vederlo anche io, proprio per amor di trash! XD

      Elimina
    2. Siamo già in molti curiosi di vederlo... vedi che magari diventa il film più visto della storia? Pure se brutto?

      Elimina
    3. Non sarebbe mica il primo. Un The Room moderno, coi gatti al posto di Tommy Wiseau XD

      Elimina
    4. Vabbè lo scagato perché dicono sia brutto come la morte e mo' me lo paragoni a The Room. E mo' lo devo vedere.

      Elimina
    5. Ahahaha aspetta, non ti fidare, io mica l'ho ancora visto Cats XD

      Elimina
    6. No dai, smettetela, Cats no! :)
      Comunque questo lo vedrò al più presto. Lei è stupenda poi.

      Elimina
    7. Secondo me potremmo farcela una visione collettiva di Cats, con commenti in contemporanea su twitter, tipo XD
      Comunque questo è splendido, guardalo ASAP!

      Elimina
  2. Un thriller per il grande pubblico più elegante e raffinato del previsto. Lei straordinaria, anche se la faciloneria del finale alla Via dall'incubo me lo ha rovinato un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, come sai, me lo sono goduto e l'ho apprezzato dall'inizio alla fine :)

      Elimina
  3. Lo recupererò di sicuro, anche perché il libro di Wells mi piace molto ( ed anche l'uso che ne fa Moore nella Lega Degli Straordinari Gentleman ).
    Ti dirò che però a me il film di Paul non piacque molto, lo trovai molto algido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non lo vedo da almeno un decennio, quindi lo ricordo pochissimo. Ho avuto la fortuna di trovarlo a un euro su una bancarella proprio di recente, quindi lo riguarderò presto, spero.

      Elimina
  4. a breve dovrei vederlo anche io xD

    RispondiElimina
  5. ho appena finito di vederlo, mi è piaciuto un sacco ^_^

    RispondiElimina
  6. Purtroppo devo dire che mi è sembrato veramente bolso e prevedibile, e a tratti anche ridicolo. Whannell sembra abbia fatto un passo indietro da "Upgrade".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Upgrade mi è piaciuto ma l'ho trovato un film molto anni '80, semplice e da guardare col cervello staccato. Non così per L'uomo invisibile, uno dei rari esempi di horror "commerciale" che ha comunque anche qualcosa da dire.

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...