martedì 3 agosto 2021

Gunpowder Milkshake (2021)

Certe volte meglio non sapere le cose. Certe volte, meglio guardare film come Gunpowder Milkshake, diretto e co-sceneggiato dal regista Navot Papushado, disponibile su Amazon Prime Video, lasciandosi ispirare dalle locandine viste su Letterboxd e dalle attrici coinvolte, e più non dimandare.


Trama: una killer a pagamento scazza gli ultimi due lavori e viene condannata a morte dall'organizzazione per cui lavora...


Perché certe volte è meglio non sapere le cose, oltre ad avere la memoria di un criceto? Perché a me, per esempio, il nome Navot Papushado non diceva nulla e mi sono guardata Gunpowder Milkshake come fosse una parodia al femminile di John Wick diretta da qualche russo rincoglionito. Purtroppo poi tocca documentarsi prima di scrivere il post e si viene a scoprire che Papushado non solo non è russo, ma era uno dei registi e sceneggiatori di quel trionfo di Big Bad Wolves, rimanendoci conseguentemente male e aggiungendo punti di ignominia a una pellicola altrimenti innocua. Gunpowder Milkshake altro non è che un mix di tutte quelle pellicole "di menare" (mi perdonino i giovini de I400calci per il prestito linguistico) tamarre che vanno per la maggiore in questi ultimi anni; l'ispirazione principale è il già citato John Wick col suo world building fatto di assassini dotati di particolari rifugi/punti di rifornimento armi (là è la catena di hotel Continental, qui c'è una biblioteca) ma si possono aggiungere anche Atomica Bionda, Hotel Artemis, l'umorismo grossolano di Guns Akimbo, un po' di Léon, persino Charlie's Angels e Baby Driver, quest'ultimo citato in un paio di "vorrei ma non posso" fatto di morti in macchina e canzoni utilizzate come elementi costruttivi della trama più che come mero sfondo. Protagonista del film è una killer che ha seguito le orme della madre scomparsa e che, un giorno, si ritrova nel mirino della sua organizzazione dopo avere sbagliato ben due lavori; una simile situazione porta con sé tutto un codazzo di sparatorie, scontri corpo a corpo, rivelazioni e personaggi tra il cazzuto e l'assurdo, insomma tutti elementi che, normalmente, mi porterebbero a leccarmi le dita, ché sapete quanto adori le storie di killer al femminile che menano come fabbri ferrai (e qui ce ne sono ben quattro), ma che stavolta mi hanno lasciata spesso perplessa e annoiata.


Nonostante un paio di sequenze invero pregevoli, nella fattispecie quella all'interno dello studio medico, il combattimento multiplo in biblioteca e il piano sequenza al ralenti finale, i tempi morti di Gunpowder Milkshake sono infatti troppi, soprattutto all'inizio, quando gli sceneggiatori si preoccupano di mettere quintali di carne di seconda mano al fuoco e lasciarla lì, a friggere per "dopo". Di fatto, il film ingrana solo con la prima sequenza meritevole, la prima ad avermi portata a sorridere di approvazione anche dopo un paio di scene più splatter del normale (il vampiro che finisce impalato è notevole), dopodiché diventa poco più di un divertissement piacevole, se si riesce ad ignorare una generale aria di scopiazzatura che rende Gunpowder Milkshake un frullato insipido sia a livello di sceneggiatura che di regia che, nonostante il cast stellare, di attori, punto assai dolente. Io non so se il personaggio di Sam è stato volutamente scritto per essere inespressivo e distaccato, ma Baby e Léon avevano un contesto che li rendeva adorabili, mentre Sam spesso sembra solo vittima della svogliatezza di Karen Gillan e nemmeno affiancandole una bambina vivace ed espressiva la situazione migliora; addirittura, i nemici maschili non sono proprio pervenuti, in particolare i "boss di fine livello", tanto che l'unico a rimanere impresso è il sempre valido Michael Smiley, mentre va un po' meglio dalla parte femminile, dove, a parte Angela Basset che fa a gara di inespressività con la Gillan, ci sono Lena Headey, Michelle Yeoh e, soprattutto, la splendida Carla Cugino a tirare su la baracca. Visti i film precedenti di Papushado, Gunpowder Milkshake mi risulta una caduta di stile proprio perché vorrebbe credersela e averne a pacchi; certo, ho visto di molto peggio e non posso sconsigliarvi la visione del film, però è proprio a "lasciar correre" simili pellicole che tentano di dissimulare la mancanza di idee con un paio di trovate esagerate che lo stile di questo genere di film si appiattisce fino ad intristire gli appassionati. E io ora sono molto, molto triste. 


Del regista e co-sceneggiatore Navot Papushado ho già parlato QUI. Karen Gillan (Sam), Lena Headey (Scarlett), Paul Giamatti (Nathan), Ralph Ineson (Jim McAlester), Carla Cugino (Madeleine), Angela Bassett (Anna May), Michelle Yeoh (Florence) e Michael Smiley (Dr. Ricky) li trovate invece ai rispettivi link.


Se Gunpowder Milkshake vi fosse piaciuto aggiungete anche i due Kingsman oltre ai film citati nel post. ENJOY!  

15 commenti:

  1. Me lo segno, voglio vederlo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che la mia opera di dissuasione non ha dato il frutto sperato XD

      Elimina
  2. Cast parecchio interessante, lo vedrei, ma sei già la seconda che ne parla male. L'altro è Cassidy 🤔

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci fossero precedenti più o meno illustri e, soprattutto, non ci fosse Big Bad Wolves, probabilmente me lo sarei goduto di più. Ma così è davvero un milkshake, e neppure di quelli tanto gustosi... quelli fatti con le polverine, che non sanno di nulla.

      Elimina
  3. Come si può dirigere “Big Bad Wolves” e questa roba non dico nella stessa carriera, ma nella stessa vita? Navot Papushado deve aver preso un colpo molto forte sulla testa, non ho altre spiegazioni. Lo spreco dello splendido cast sarebbe già un crimine, per fortuna conto di dimenticarmi presto di questo film ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho davvero idea ma credo proprio che, per sciacquarmi dalla bocca il sapor di diludendo, durante le vacanze estive riguarderò Big Bad Wolves.

      Elimina
  4. Se può consolarti io il giorno dopo mi sono sparato anche Jolt ( che ha tematiche molto simili ) ed è anche peggio.
    Però entrambi io li ho trovati comunque intrattenenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo, avevo messo in lista anche Jolt ma siccome il tempo di guardare film è davvero poco, darò la priorità ad altro. Grazie!! :D

      Elimina
  5. Come detto da Cassidy: mi stava per fregare. I colori, il cast, il pop che trasudava mi faceva pensare a un nuovo Baby Driver.
    Grazie per essere andata in avanscoperta, il mio poco tempo è prezioso e lo eviterò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baby Driver nemmeno alla lontana. Però, è vero che a me e Cassidy non è piaciuto, tuttavia ho amici che se ne capiscono ben più di me che lo hanno apprezzato parecchio. In questo caso, va davvero a gusti.

      Elimina
  6. Credo sia assieme a "Jolt" il peggior film dell'anno. L'ho spento dopo il bowling. Almeno il film con la Beckinsale durava poco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato perché dopo il bowling (anche a te è sembrata raffazzonatissima e "rigida" come scena, a livello di coreografia?) ci sono alcuni momenti notevoli.

      Elimina
    2. La sequenza è rigida perché la Gillan non fa gli stunt e quindi devono tagliuzzare ad arte per nascondere la controfigura, stessa cosa che accade con "Jolt" ma li è ancora più palese.

      Elimina
  7. Sono anni che aspetto un nuovo lavoro di Papushado (anche se è senza il compagno di merende...), ma a sto giro mi sa che è meglio bypassare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai altri film più impellenti da vedere, in effetti aspetterei!

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...