martedì 15 luglio 2014

NOTTE HORROR 2014: The Mangler - La macchina infernale (1995)


Finalmente è arrivato il mio turno di partecipare alla Notte Horror - Blog Edition indetta dal solito gruppetto di folli blogger al quale mi pregio di appartenere! Non vedevo l'ora infatti di parlare di uno dei film che più mi aveva colpita in quelle folle notti de paura, ovvero The Mangler - La macchina infernale (The Mangler), diretto nel 1995 da Tobe Hooper e tratto dal racconto Il compressore di Stephen King, contenuto nella raccolta A volte ritornano.


Trama: alla lavanderia Blue Ribbon succedono orribili e sanguinosi incidenti ogni volta che i dipendenti si avvicinano troppo al mangano. Un detective si mette ad indagare e scopre un terribile segreto...


The Mangler all'epoca mi aveva sconvolta, non ci avevo dormito la notte. Era stato eletto subito (complici la presenza di Englund e il nome Stephen King) come uno dei miei horror preferiti e devo avere consumato la cassetta a furia di riguardarlo, tanto che posso tranquillamente citare dialogo per dialogo la prima ventina di minuti. Dopo i quali il film diventa fuffa, sia chiaro, ma da ragazzina non lo capivo mica. The Mangler parte infatti col botto, annichilisce lo spettatore con fiumi di sangue, vecchie ridotte a stracci (giuro!!), urla come se gli attori non avessero un domani e, su tutto, il terribile Robert Englund che incombe sui poveri dipendenti come un ave caroñero sbraitando improperi contro quella "stupida vacca" della Signora Frawley prima di concupire con occhio (uno) voglioso una delle giovani impiegate. E il film potrebbe finire lì. O, meglio, potrebbe andare avanti a pezzi, saltando direttamente agli altri due o tre momenti tremendamente gore ed evitando tutto il contorno fatto di pippe mentali del protagonista, il solito poliziotto abbattuto dal diludendo di un passato di morte e sfiga, incazzoso come un'ape, ignorante come una capra di Biella e stranamente non alcoolizzato (però è zoppo, gobbo e quando si stupisce un'occhio diventa più grande dell'altro, tipo Popeye). Eh sì, avrete capito che, tolto il povero Englund che gigioneggia come al solito, coperto da un trucco che lo rende più che orrendo e che sembra stato ripreso, in alcuni dettagli, dritto dal BELLISSSSSSSSIMO Le notti proibite del Marchese De Sade, il resto del cast va dal livello guitto a quello imbarazzante e questo vale sia per i protagonisti che per le comparse: evidentemente, anche prendere il Jame Gumb de Il silenzio degli innocenti e schiaffarlo a fare il protagonista non si è rivelata un'idea geniale, col senno di poi.


Ed è buffo che sia proprio Englund, assieme al gore, a salvare The Mangler dalla caterva di insulti che meriterebbe visto che, di fatto, tutto il plot del patto col Diavolo e la saggia massima "non fidarti della gente a cui manca un pezzo di corpo" sono stati aggiunti per rimpolpare un racconto che era interamente basato su sfigatissime coincidenze, dannosa incompetenza... e finiva in modo tale da provocare altro che UNA notte insonne. Almeno un mese. La sceneggiatura, scritta a tre mani dallo stesso Hooper, Stephen Brooks e Harry Alan Towers (sceneggiatore, tra l'altro, di Dieci piccoli indiani trinceratosi, chissà perché, dietro lo pseudonimo di Peter Welbek), è un tentativo noiosissimo e raffazzonato di allungare la broda, con dialoghi imbarazzanti, concetti ripetuti allo sfinimento e personaggi che non sanno, per dirla alla Guzzanti, né quando stanno andando né quando stanno facendo su questa Tèra. E la finisco qui altrimenti Zio Tibia mi da tante di quelle cartelle che mi leva dal mondo, facciamoci una bella iniezione di nostalgia e ricordiamoci perché The Mangler merita comunque un posticino nel mio cuore. Perché pare che Tobe Hooper abbia abbandonato il film quasi completato lasciandolo in mano a tale Avant Singh, non accreditato. Perché il doppiatore di Englund è un porcone ringhiante. Perché fa più paura il vecchio fotografo impiccione del mangano. Perché i due protagonisti si sfondano di cibo come se non avessero un domani (ed effettivamente...). Perché una signora si ritrova una ghiacciaia in un giardino, non sua, e la lascia lì, senza chiedersi perché né trovarle un posto più consono. Perché una ghiacciaia, sempre lei, la esorcizzi a martellate ma un mangano col razzo. Perché, per liberarsi dalla stretta di una stiratrice, è molto più semplice prendere a revolverate l'orlo dell'impermeabile invece di toglierselo di dosso. Perché Robert Englund riesce a diventare uno dei migliori Robot Transformer di sempre. Perché l'attrice che interpreta Shelly, sul finale, passa dall'essere scialba al semplicemente imbarazzante. Vedere per credere. Ciao, zombetti!!!


Del regista e co-sceneggiatore Tobe Hooper ho già parlato qui. Robert Englund, che interpreta William "Bill" Gartley, lo trovate invece qua.

Ted Levine (vero nome Frank Theodore Levine) interpreta John Hunton. Americano, indimenticabile Jame Gumb de Il silenzio degli innocenti, ha partecipato a film come Heat - La sfida, Flubber - Un professore tra le nuvole, Wild Wild West, Evolution, Fast and Furious, Memorie di una geisha, Le colline hanno gli occhi, Shutter Island e a serie come Monk. Ha 57 anni e cinque film in uscita.


Riguardandolo per l'occasione ho capito che su Notte Horror andava in onda la normale versione R-Rated ma ne esiste anche un'altra, la Director's Cut con qualche dettaglietto gore in più, soprattutto quando il mangano ci da dentro a stirare gente. Esistono anche, ahimé, due seguiti della pellicola, The Mangler 2 del 2002 (Lance Henrikssen compare come guest star ma come il film possa essere definito seguito non si sa visto che il demone diventa un virus del computer...) e The Mangler Reborn del 2005 (la guest star stavolta è Reggie Bannister e il film ha di nuovo il mangano come protagonista), entrambi usciti direttamente sul mercato dell'home video: mi si dice che il Reborn sia meglio del 2 ma, per amore dell'originale, non ho alcuna voglia di recuperarli! Meglio invece guardare Christine - La macchina infernale... o tutti gli altri film di cui abbiamo parlato e parleremo nella nostra Notte Horror, dei quali segue l'elenco. ENJOY!

GIA' PUBBLICATI:
Dovevi essere morta su Il giorno degli zombi
Mimic su Non c'è paragone
Brivido su Solaris
Vamp su Montecristo

IL PROGRAMMA COMPLETO!



20 commenti:

  1. Non sapevo che anche questo fosse tratto da un racconto di King... con questa notte horror mi sto facendo una vera cultura in materia! Per questo non posso far altro che ringraziarti per aver ideato l'iniziativa e, soprattutto, per l'entusiasmo contagioso che ci hai messo (senza il quale, io che di horror sono praticamente a digiuno, mai e poi mai sarei stato convinto a partecipare). Grazie mille Bollina!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhaha visto che alla fine l'iniziativa era utile? :P
      Ma grazie a te e a tutti gli altri per aver accolto la proposta con questo spirito, altroché!! :D

      Elimina
  2. Bollicina, questo film l'avevo visto anni fa, alla tele, mi sa che lo recupero ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìì che questo è il periodo adatto! :)

      Elimina
  3. mai visto.
    di stephen king però dopo under the dome mica mi fido :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha più che di Stephen King non dovresti fidarti di Tobe Hooper... ma capisco la reticenza :P

      Elimina
  4. Di Stephen King praticamente non mi fido a prescindere, anzi non è per niente garanzia di qualità dalle mie parti.
    Comunque questo film lo vidi molto, molto, molto tempo fa, in un periodo in cui colazionavo con pane e gore, ma ricordo tre cose come se fossero ieri, e chi non lo ha visto a seguire si becca due spoiler su 3.
    1. La stiratrice diventa un robot, unico modo per poter inseguire "i buoni"
    2. La bella alla fine viene posseduta dalla stiratrice tramite amoputazione di dito da parte di questa, divenendo titolare della stireria (un po' la versione dark di Cenerentola)
    3. Non me lo ricordo un film riuscito, anzi piuttosto pieno di cazzate ma ottimo per risate in compagnia.

    Ecco questo è tutto, nemmeno i primi venti minuti salverei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stephen King è garanzia di qualità letteraria, almeno per me... e quando dei VERI autori come De Palma e Kubrick o fedelissimi come Darabont traggono film dai suoi libri ecco che si compie anche la magia cinematografica. In questo caso purtroppo non è successo ma occhio allo SPOILER 1:


      La stiratrice NON diventa un robot, ma si manifesta il demone che la possiede, che la scardina e la rende una sorta di rettile metallico, mah.

      Confermo invece il punto 3 XD

      Elimina
  5. adoro il Re, lessi il racconto qualche secolo fa, ma sul film siamo perfettamente d'accordo

    p.s.: Le notti proibite del Marchese De Sade?!? o mio dio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dantès l'avevi visto anche tu il Marchese? Se no recuperalo e fatti delle grassissime risatee!! XD

      Elimina
    2. non l'ho visto, ho un vago ricordo di qualche foto di scena vista forse su Ciak. non lo so se ce la faccio a farcela :D

      Elimina
    3. Posso capire la tua reticenza :D

      Elimina
  6. Visto un miliardo di anni fa...come per Brivido mi avete fatto venire voglia di un recupero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora segui il cuore e recupera! :)

      Elimina
  7. Mi manca, mi sa che lo recupereró, forse

    RispondiElimina
  8. Uno dei miei blogger va matto per questo film!
    Me lo cita spesso.

    RispondiElimina
  9. Non credo proprio di averlo visto. Credo di no perché probabilmente mi ricorderei di Englund così come lo vedo nell'immagine che hai messo qui sopra. In generale mi fido poco dei film tratti dai racconti di King. Men che meno mi fido di Tobe Hooper (a parte "Texas Chainsaw" finora di lui ho visto solo boiate).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso non posso dirti di fidarti, effettivamente. Ma da King sono state tratte delle bellissime cose, anche da registi "minori", come per esempio The Night Flier :)

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...