mercoledì 27 maggio 2015

Spring (2014)

Con un po' di ritardo sono riuscita anch'io a recuperare Spring, diretto nel 2014 dai registi Justin Benson (anche sceneggiatore) e Aaron Moorhead.


Trama: durante una vacanza in Italia, il giovane americano Evan si innamora della bella Louise, una ragazza che nasconde un terribile segreto...



Sarà che sto invecchiando ma ultimamente preferisco più gli horror "tranquilli", capaci di farmi riflettere, piuttosto che quelli dove vengono mostrate le peggio macellate. Soprattutto, preferisco i film che sfruttano l'horror per parlare di qualcos'altro. Di quel grande mistero che è l'amore, per esempio. Poeti, cantanti, registi, scrittori, tutti a spendere parole ed immagini sull'amore, quella forza in grado di farci superare ogni limite, di ridurci a ebeti ghignanti, di farci toccare il cielo con un dito per un giorno e precipitarci negli abissi della disperazione quello dopo. Tutti a scomodare Dei, farfalle nello stomaco, cupidi, filtri d'amore, ecc... ma se fosse semplicemente una questione di chimica? E se invece la magia e il mistero esistessero davvero? Insomma, cosa ci spinge ad innamorarci, per dire, dell'ultimo sfigato sulla terra quando di regola dovremmo essere attratti solo da dei fighi spaventosi? Spring non offre una risposta chiara a questa domanda e non è nemmeno così superficiale nello sviscerarla ma, semplicemente, ci dice che certe cose "succedono". Punto e basta. Sta a noi, poi, scegliere se assecondare questa casualità insita nella natura umana oppure se opporci con tutte le nostre forze, accampando scuse, trincerandoci dietro un comprensibile egoismo o semplicemente rinunciare per paura. E l'orrore, direte voi? L'orrore dove si colloca? L'orrore sta nella vita, che spesso riesce a distruggere l'amore cancellandolo dalla faccia della terra senza nessun preavviso. Che è poi quello che è successo ad Evan, orfano di un padre e una madre che si amavano tantissimo e sono morti a distanza di poco tempo l'uno dall'altra, lasciandolo solo, disperato e privo di sogni. Oppure al vecchio Angelo, vedovo da anni ma impossibilitato ad abbandonare il ricordo della moglie adorata. La paura di vedere la morte vincere sull'amore, di soffrire un dolore atroce, causa la ferrea volontà di rinunciare a vivere, di privarsi di tutte le possibilità di essere nuovamente felici. Ed è questo il vero orrore. Evan invece sceglie di buttarsi e di vivere una primavera che non è solo la breve durata di una stagione, bensì un tentativo di rinascere e ricominciare a vivere e a sperare, di portare il disgelo in cuore sepolto sotto il ghiaccio e le ceneri vulcaniche da tempo ormai immemorabile.


Teatro di questa vicenda di Amore e Morte è proprio la nostra Penisola o, meglio, parte di essa. Lo splendido mare della Puglia, le stradine e le campagne di Polignano a Mare e Conversano diventano un luogo di rinascita e scoperta e, stranamente, vengono "affrontati" con piglio assai poco americano. Evan non è il classico turista "medio" o, peggio ancora, ignorante (sebbene venga affiancato per un po' da un paio di scozzesi che ne sono l'esempio perfetto) ma decide di viaggiare per cambiare aria e cercare di ridare un senso alla propria vita: nella terra, nel mare e nel sole di Puglia, mai così belle e misteriose, Evan mette in gioco sé stesso e si perde, cambiando completamente vita e rispettando così il vero spirito del viaggio, a differenza di molti suoi connazionali. Le riprese di Benson e Moorhead ci regalano scorci da cartolina pieni di sentimento, guizzanti di una vita nascosta ma non per questo meno importante, dove la natura, spesso impietosa e poco piacevole alla vista, continua il suo ciclo incurante delle stagioni e delle pene terrene di noi sciocchi esseri umani. La cura con cui è stato realizzato Spring fa perdonare alcune ingenuità che fanno capolino qui e là nella trama e anche alcune becere e fuorvianti concessioni all'horror tout court, che pure beneficiano di ottimi effetti speciali e di un buon make-up, e la pellicola riesce comunque a penetrare nel cuore dello spettatore e a farlo appassionare sia alle vicende di Evan e Louise, sia a questa romantica idea di "viaggio" come seconda possibilità di riparare ai propri errori. Lungi da me dire che Spring sarà il film che vi cambierà la vita o che vi entusiasmerà se siete dei ferventi appassionati di un certo tipo di horror (sento già qualcuno sbuffare per la noia visto che il ritmo della pellicola è molto lento, inutile nasconderlo) ma per chi come me preferisce le pellicole d'atmosfera è una visione stra-consigliata. Intanto io prenoto la prossima vacanza in Puglia!

Justin Benson è il co-regista e sceneggiatore della pellicola. Americano, ha diretto film come V/H/S: Viral. Anche produttore e attore, ha 32 anni e due film in uscita.
Aaron Moorhead è il co-regista della pellicola. Americano, ha diretto film come V/H/S: Viral. Anche tecnico degli effetti speciali, produttore, attore e sceneggiatore, ha due film in uscita.


Lou Taylor Pucci interpreta Evan. Americano, ha partecipato a film come Carriers e La casa. Anche produttore, ha 30 anni e due film in uscita.


Se Spring vi fosse piaciuto recuperate anche Il bacio della pantera e Un lupo mannaro americano a Londra. ENJOY!

23 commenti:

  1. Risposte
    1. Anche a me! E adesso tutti in Puglia! :)

      Elimina
  2. Ho qualche riserva, mi pare una cannibalata.
    Ma comunque lo vedrò, dato che ne state parlando praticamente tutti! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, conoscendoti penso potrà piacerti molto il modo di porsi del protagonista, che non è il solito americano coglionetto tipico degli horror :)

      Elimina
  3. Tutti in vacanza in Puglia! ;-) A me è piaciuto parecchio, hai fatto bene a specificare, ma secondo me non è nemmeno un film così lento, inoltre piazza un finale a mio avviso bellissimo, e forse la miglior scena comica vista in un horror quest'anno, tutto nello stesso film ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scena comica me la sono persa, aspetta! o__O

      Elimina
  4. Interessante ma credo che eviterò a salvaguardia della mia sensibilità-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai non è così splatter come film!

      Elimina
  5. Io sono ancora più in ritardo di voi e spero di riuscire a guardarlo in tempi brevi, perchè mi ispira abbastanza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti pentirai dell'attesa!! :)

      Elimina
  6. Credo che questo film finirà tra i migliori dell'anno. Io sono una frignona senza speranza, ma devo ammettere che il finale di Spring mi ha fatto piangere per una mezz'oretta.
    È bellissimo il romanticismo con cui i due registi disegnano il paesaggio dove si muovono e si innamorano i personaggi.
    E non è poi così lento. Solo che si prende il tempo necessario, ecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pianto tanto anche io, lo ammetto. Per una volta ho visto sullo schermo una storia d'amore con pregi e difetti, molto realistica, una roba che ti fa immedesimare ancora di più!
      E la lentezza io non l'ho sentita ma, come si suol dire, I know my chickens! :P

      Elimina
  7. Appena ho letto il titolo ho pensato: "Ma che è sto film mieloso?"
    Poi ho letto tutto. Babol non si smentisce mai <3

    RispondiElimina
  8. M'ispira un po' noia. Già It Follows mi ha rotto tre guardi di biiip.
    Vedrò. O mi addormenterò. Comunque, in un futuro non lontano ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. It Follows a me è piaciuto molto invece! Questo però è un po' diverso, dagli una chance!

      Elimina
    2. Visto solo adesso. It Follows resta sempre una porcheria, ma questo mi ha fatto sciogliere.
      Dolcissimo.

      Elimina
    3. Vero? Di una tenerezza inconsueta per un horror! E adesso vai di The Final girls!!

      Elimina
  9. Vedo il link su fb, quando hai detto 'Puglia' io ho perso il senno. Le faccio la corte da anni. Recupero IMMEDIATO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preparati ad innamorarti allora!

      Elimina
  10. Ne ho sentito parlare dato che lo hanno girato qui vicino, ma non l'ho visto. Sbaglio o in Italia non è uscito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sbagli, il che è assurdo viste le location. Ma non disperiamo visto che Wolf Creek 2 uscirà la settimana prossima...

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...