martedì 6 agosto 2019

La casa 5 (1990)

La Notte Horror di oggi si è aperta due ore fa con So cos'hai fatto, di cui ha parlato Cannibal Kid, e prosegue con una doverosa trashata, o meglio, una "fragassata", il che è anche peggio: beware La casa 5, diretto e co-sceneggiato nel 1990 dal regista Clyde Anderson, al secolo Claudio Fragasso!


Trama: un prete e la sua famiglia vengono invitati a dimorare in una casa che nasconde un bell'ingresso per l'inferno, con tutto ciò che ne consegue...


Ma cosa diavolo mi è venuto in mente? Come ho potuto andare "a naso" e richiedere La casa 5 ai miei compagni horroromani pensando fosse Witchcraft (David Hassellhoff, Linda Blair, halloo-ooo?) quando invece trattasi di fragassata delle peggiori? Vabbé, ormai è andata e la combo trashcultoboozyhorror ce la teniamo per la Notte Horror del 2020, nel frattempo parliamo un po' de La casa 5. Che è brutto, di quella bruttezza lassista e noiosa che obiettivamente non fa nemmeno sbellicare dalle risate grazie ai dialoghi (anche se "Ti ho stirato la Bibbia" è abbastanza pregevole come cretinata) e si limita ad essere un collage venuto male di film ben più blasonati e famosi. Abbiamo dunque una casa à la Amityville Horror, dove il massimo della paura, almeno finché non subentrano citazioni da L'aldilà fulciano, è avere radio che si accendono e ci saltano addosso in cucina o la versione nera del sadopapero di Kinski in Fruits of Passion (e nessuno meglio di me può capire quanto è terrificante l'idea che il fantasma di Kinski possa comparire in camera a far le peggio cose su un papero/cigno di legno...) nella stanza dei bambini. Poi, a un certo punto, gli sceneggiatori si sono accorti di avere per le mani una bambina praticamente identica a Heather O'Rourke e decidono di proseguire anche un po' con Poltergeist, il tutto prima che Fulci, nel frattempo stracitato a man bassa assieme alla sequenza in cui Freddy Krueger si porta via gli studenti sul bus, si unisca a Friedkin e generi l'esorcismo più raffazzonato del pianeta Terra, a base di "nel nome di Cristo io ti esorcizzo" ripetuto almeno una ventina di volte da due preti che, vabbé. E' proprio la base ad essere sbagliata. Come diamine fa un prete posseduto ad esorcizzare qualcuno? Non dovresti chiamare l'arcivescovo di Constantinopoli a disarcivescovizzesorcizzarti a sua volta? Invece no perché ne La casa 5 tutto nasce dall'incoolada di un altro prete, il quale prende il povero Padre Peter, ammogliato e con prole, e gli dice "bella zio, guarda, ti regalo una CASA!" senza dirgli che la suddetta è infestata perché "un prete deve trovare la forza nella famiglia per sconfiggere il male". Sì ma dimmelo, maledetto pedoprete, che evito di portare moglie e figli in una casa zeppa di streghe e adoratrici del demonio morte male!


Che poi, queste streghe o quel che sono, sataniste o non so che, sono le uniche cose belle del film, hanno un make up simpatico, soprattutto quella povera crista che funge da boss, già bruttarella struccata. A onore del vero ci mette dell'impegno anche David Brandon, alias Padre George, prete sudatusso ed ubriacone che non riesce a liberarsi dallo sguardo biasimevole di orridi ed inespressivi bambini-fantasma; purtroppo per lui prendere sul serio un sacerdote posseduto con riserva, che sul finale diventa anche un po' Mitch Pileggi in Sotto Shock, è praticamente impossibile, soprattutto se il ruolo di "eroe" (o di cogl*one, per citare Lino Banfi) se lo ritaglia il vecchio pretacchione nominato poco sopra, a cui basta dire due cretinate a distanza di sicurezza (più o meno 100 km) per esorcizzare l'esorcizzabile senza un perché. Ma non potevi farlo prima, scusa, invece di mettere in pericolo gente innocente? Mah. E "mah" anche a tutto il resto, a partire dal bambino roscio già sfruttato in Trolls 2 passando per la biondina inespressiva già cicciata fuori in uno dei millemila Venerdì 13, punte di diamante di un cast svogliato e mal doppiato (tra l'altro sentire parlare il prete con la voce di Fox Mulder fa male, male, male da morire), costretto per buona parte del film a fissare un buco nel muro da cui escono luce e vapore, tanto da venire denominato, a un certo punto, PHON. Giuro. "Devo farmi asciugare i capelli quindi vado dal buco". E i genitori, il fratello maggiore, tutti i preti del circondario MUTI. Mi ammutolirò anche io, augurandovi non solo la buonanotte ma anche la fortuna di non incappare mai, nemmeno per sbaglio, in La casa 5.


Del regista e co-sceneggiatore Claudio Fragasso (come Clyde Anderson), ho già parlato QUI.

David Brandon interpreta Padre George. Irlandese, ha partecipato a film come Caligola: la storia mai raccontata, Deliria, Diaz - Don't Clean up This Blood e a serie come I Medici e Il nome della rosa. Anche sceneggiatore, ha 68 anni.


Pare che Linda Blair, già coinvolta in La casa 4, fosse stata interpellata per partecipare al film ma immagino abbia fatto una bella leva ai coinvolti. Ovviamente, La casa 5 non è uno dei seguiti ufficiali dei film di Raimi ma una delle "case" apocrife italiane, alle quali si sono aggiunte quelle create ad hoc dai titolisti italiani e se volete fare un excursus del fenomeno, magari bestemmiando perché manca la 6 (ah, l'ingenuità dei bambini dell'epoca!!), "occupata" indebitamente da La casa di Helen, recuperate La casa, La casa 2, La casa 3, La casa 4 e La casa 7, poi fatemi sapere, tolti i primi due, quale vi ha fatto più schifo! ENJOY!

Le altre puntate della Notte Horror Blog Edition le trovate qui:

La bara volante (Stuff, il gelato che uccide)
Malastrana VHS (Vivere nel terrore)
Il Zinefilo (L'albero del male)
Non c'è paragone (The Omen)
Stories (Scream)
La stanza di Gordie (American Gothic)
Malastrana VHS (Trucks)

E qui c'è il programma completo:



18 commenti:

  1. Sto cercando da dieci minuti di pronunciare "disarcivescovizzesorcizzarti " ma non riesco proprio.... mi si inciampa la lingua nel palato.
    Pare invece divertentissimo questo film! Lo sconsiglieresti anche a me???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bwahahaah non so nemmeno come ho fatto a scriverlo!!
      Oddio, io ho rischiato di assopirmi più volte, non ci sono più i trash divertenti di una volta!!

      Elimina
  2. Mai sentito nominare. E forse è molto meglio così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, affatto. Non bisogna vivere nell'ignoranza di ciò che è stato questo pezzo di cinema nostrano u.u

      Elimina
  3. Le varie case apocrife italiane sono davvero un’incoolada – per usare la tua espressione – tutta nostra, questo poi è una vera macedonia di roba gettata nel mucchio, e penso che tu abbia ragione, hai per le mani una bimba identica a quella di “Poltergeist”, vuoi non buttarci dentro anche un po’ di quello? Vedila così, ti sei già portata avanti sulla scelta del film per la prossima notte horror, tutto tempo guadagnato ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magra consolazione ma ammetto che la Casa 4 mi ha sempre incuriosita :)

      Elimina
  4. Sarò sincero... non ne ho visti nemmeno uno (e non posso credere che siano arrivati a sette!) ma la Notte Horror è fatta anche per scoprire autentiche perle (s)cult come questa! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma almeno i primi due, assieme a L'armata delle tenebre, dovresti recuperarli!!

      Elimina
  5. Credo di averlo visto al cinema.
    In quel periodo rimanevo minuti interi a contemplare davanti ai cinema queste spettacolari locandine che invogliavano la visione del film più di qualsiasi trailer, purtroppo spesso prendevo cantonate su cantonate, ma ce la godevamo comunque.
    In un certo senso lo apprezzai persino, ma oggi probabilmente dubito persino che lo rivedrei.
    Mi piacerebbe un bel post su La Casa Di Helen la cui locandina me lo ricorda molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi ricordo benissimo i trailer, che mi facevano paurissima (d'altronde, avevo 8/9 anni), ma ovviamente queste cose al cinema non le ho mai viste.
      La casa di Helen? Lo inserisco negli On Demand!!

      Elimina
  6. "La casa 4" nella sua bruttezza, qualche momento passabile lo aveva, non "La casa 3" che ricordo brutto e noioso.
    Avendo tu citato Mitch Pileggi, dopo tutto il doppiaggio con la voce di Fox Mulder, ci stava quasi bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece preferisco la Casa 3, anche perché è un mio spauracchio dai tempi dell'adolescenza, con quel pagliaccio bagasso.

      Elimina
  7. A me è bastata la tua espressione "una fragassata" per morire!! Ahahah che filmissimo comunque!! 🤣😂🤣😂

    RispondiElimina
  8. Ossignore santissimo, la Casa 5! Ok l'errore, ma tu dici che la Casa 4 era tanto meglio? :D Mi ricordo, sì, che c'era il vecchio David, ma sulla qualità del film non ci giurerei...

    Io con quelle produzioni sgangherate mi sono fermato a La Casa 3, che ho visto (tienti forte) al cinema! Anni incredibili per l'horror quelli, era un ribollire continuo di idee e di realizzazioni incuranti del budget e della vergogna, quindi entravi in sala e potevi trovarti di fronte un capolavoro come anche una boiata abissale, con uscite quasi contemporanee e quasi con lo stesso nome, senza soluzione di continuità. Io in effetti ero cinematograficamente molto confuso all'epoca, bastava una C disegnata nel modo giusto che già avevo in mano le cinquemila lire del biglietto.

    Ma sopratutto erano anni in cui ancora i miei coetanei venivano al cinema a vedere gli horror, oggi per staccarne uno dal divano e dai vari MasterChef e compagnia briscola devo minacciarli con la motosega.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, io ricordo che con La casa 4 avevo avuto paura ma magari ricordo male, era un'altra cosa.

      E comunque hai ragione: ci saranno stati sicuramente degli horror orrendi ma erano comunque anni in cui l'horror, cialtrone o meno, tirava e regalava anche un senso di comunità al cinema. Adesso c'è da spararsi, sia per la scarsità delle uscite che per la mancanza di voglia degli amici ç_ç

      Elimina
  9. Io non ho scelto un horror di altissimo livello, ma in effetti al confronto di questo appare molto meno trash, e oserei dire persino raffinato. Questa La casa 5 sembra però talmente una "fragassata" che m'hai quasi fatto venire voglia di recuperarla. :D

    RispondiElimina
  10. Commento con colpevole ritardo. DI questi seguiti apocrifi de La casa ho visto solamente il 7, ma tanto mi pare che siano tutti slegati l'uno dall'altro e soprattutto non c'entrino nulla con la saga originale de "La casa". Però sembrano essere tutti quanto meno perfetti per questa nostra rassegna!

    RispondiElimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...