domenica 9 febbraio 2014

Smetto quando voglio (2014)

Come già sapete, A proposito di Davis questa settimana non si è visto nella mia zona. Così, complice un trailer particolarmente simpatico, qualche giorno addietro sono andata a vedere Smetto quando voglio, del regista Sydney Sibilia. Surprise!


Trama: Pietro ha superato i 30 anni, vive in un appartamentino con la fidanzata e, nonostante la laurea presa a pieni voti, si barcamena per sopravvivere come i suoi migliori amici. Quando però la sua ricerca non ottiene il finanziamento e si ritrova a spasso dopo anni di sacrifici, Pietro decide di mettere a frutto i suoi studi per mettere sul mercato una potentissima e legale droga sintetica...


Lo ammetto. Non ero scettica appena mi sono seduta in poltrona... di più! Ero quasi tentata di uscire, presa da un unico pensiero: "Oddio, sarà una schifezza. Oddio, sono le 22.10, mi addormenterò. Oddio, ma come ho potuto venire a vedere un film ITALIANO diretto da un emerito sconosciuto che ha lo stesso nome dei protagonisti dei finti trailer di Maccio Capatonda?". Poi sono arrivati, nell'ordine, una voce fuoricampo stranamente intellegibile, un colpo di arma da fuoco e la divertentissima Why Don't You Get a Job degli Offspring e sono riuscita a rilassarmi e godermi questo carinissimo Smetto quando voglio, un modo particolare e simpatico di affrontare la triste realtà di noi sfigatissimi laureati thirtysomething. Le situazioni in cui si trovano i protagonisti, volutamente paradossali e portate agli estremi ma nemmeno poi tanto, sono quelle che pendono come una spada di damocle sulla testa dei troppi che, per parafrasare Sermonti, hanno "fatto un errore di gioventù" e si sono imbarcati nell'impresa di ottenere lauree prestiGGiose in ambito accademico ma assolutamente inutili in campo pratico, vedendo così infranti sogni di gloria e persino esistenze mediamente dignitose: glottologi, economisti, antropologi, archeologi, biologi, chimici, si ritrovano in mezzo a una strada e privi dell'esperienza lavorativa (o di vita) richiesta in quest'italietta dove contano solo le amicizie in alto, le leccate di culo, la bellezza e l'ignoranza. Ignoranza a palate. Non a caso, l'unica via di fuga per i poveri, sfigatissimi protagonisti è alimentare quest'ignoranza colossale immettendo sul mercato una nuova, potente, costosissima e legale droga, mandando al diavolo tutto quello che li rendeva umanamente "unici" e "superiori" e trasformandosi gradualmente nella peggio feccia cafona della società, con inevitabili conseguenze.


La sceneggiatura di Smetto quando voglio mescola quindi le maschere tipiche della commedia all'italiana con suggestioni consapevolmente derivate dai cliché d'oltreoceano ("Cosa siamo, in una serie americana?"), dialoghi realistici, gag ininterrotte e battute al fulmicotone in un mix frizzante e piacevole. La storia, per quanto a tratti sia abbastanza prevedibile, è popolata da personaggi troppo simpatici e sfigati perché lo spettatore non si identifichi immediatamente con almeno uno di loro, conseguentemente si ha il desiderio di sapere come andrà a finire e l'attenzione non viene mai meno; la sceneggiatura perde purtroppo un po' di freschezza verso le ultime battute, più che altro perché sembra prendere una svolta oscura e grottesca che poi non viene imboccata, preferendo rimanere nei binari più sicuri di una risoluzione dolceamara. Personalmente avrei preferito qualcosa di più simile a Cose molto cattive, invece anche Smetto quando voglio, come già succedeva con Nero bifamiliare, carbura a mille fino a un certo punto per poi sgonfiarsi e lasciare lo spettatore un po' più "sanguinario" (come la sottoscritta) a bocca asciutta e leggermente DIluso; probabilmente, se il film avesse osato maggiormente a quest'ora starei gridando al miracolo, anche perché la messa in scena mi ha stupita parecchio.


Aspettandomi il solito prodotto italiota medio con una regia televisiva o quasi sono rimasta folgorata dalla dimestichezza di Sydney Sibilia con la macchina da presa e, soprattutto, dall'uso di una fotografia sfocata e zeppa di colori fluo o carichissimi, come se l'intero film mostrasse il punto di vista di una delle vittime della droga spacciata dai protagonisti. Un altro punto a favore, poi, sono gli attori! Pur utilizzando a piene mani un accento romanaccio, si sente e si vede che questa gente sa recitare (incredibilmente ho capito OGNI. SINGOLA. PAROLA. altro che la Solfrizziana confusione tra euro ed ora!!) e si capisce anche che i cambiamenti a cui vanno incontro i personaggi nel corso del film non sono dovuti solo all'abilità di costumisti e parrucchieri ma soprattutto, e giustamente, alla bravura degli interpreti! Paradossalmente quello che mi è piaciuto di meno è il protagonista Edoardo Leo, forse più per colpa della logorroica ameba da lui interpretata, mentre i caratteristi un po' più in ombra come Paolo Calabresi, Valerio Aprea, Lorenzo Lavia e il gigantesco, meraviglioso Stefano Fresi strappano la risata e l'applauso ad ogni loro apparizione. Grandissimo il cameo di Neri Marcoré, assolutamente convincente nella prima parte della sua apparizione nei panni di supercattivo (un po' meno nella seconda, dove traspare maggiormente la natura "amichevole" dell'attore sotto il personaggio), mentre purtroppo il film risulta un po' carente nel reparto femminile, sia per la caratterizzazione dei personaggi (la fidanzata del protagonista è odiosa ed incoerente fino all'ultimo) sia per quel che riguarda la scelta delle attrici. Insomma, come avete potuto intuire Smetto quando voglio non è un capolavoro e non è esente da difetti, tuttavia per essere un'opera prima è piacevolissimo, divertente e particolare. Spero che Sydney Sibilia faccia strada e che ci riprovi presto con una storia più coraggiosa e particolare, in grado di svecchiare lo stantìo panorama cinematografico italiano che, per inciso, avrebbe più bisogno di commedie come questa invece che dei soliti film fatti con lo stampino o cuciti sui comici televisivi del momento...

Sydney Sibilia è il regista e co-sceneggiatore della pellicola. Salernitano, ha all’attivo tre corti e Smetto quando voglio è il suo primo lungometraggio. Anche produttore e attore, ha 32 anni.


Edoardo Leo interpreta Pietro, il protagonista. Romano, ha partecipato a film come To Rome With Love, Tutta colpa di Freud e a serie come I ragazzi del muretto, Il maresciallo Rocca, Don Matteo, Un medico in famiglia, I Cesaroni Romanzo Criminale - La serie. Anche sceneggiatore e regista, ha 42 anni e due film in uscita.


Paolo Calabresi interpreta Arturo, l’archeologo. Romano, anche inviato de Le iene, ha partecipato a film come Il talento di Mr. Ripley, Nessuno mi può giudicare, Boris – Il film, Diaz – Don’t Clean Up This Blood, Tutta colpa di Freud e a serie come Boris. Ha 50 anni.


Libero De Rienzo interpreta Bartolomeo, l’economista. Nato a Napoli, ha partecipato a film come Asini, Santa Maradona, La kryptonite nella borsa e Miele. Anche regista e sceneggiatore, ha 35 anni.


Pietro Sermonti interpreta Andrea, l'antropologo. Romano, lo ricordo per film come Boris - Il film; inoltre, ha partecipato a serie come Carabinieri, Elisa di Rivombrosa, Un medico in famiglia Boris. Ha 43 anni.


Neri Marcoré interpreta er Murena. Marchigiano, lo ricordo per film come Ravanello pallido, La seconda notte di nozze, Lezioni di cioccolato e The Tourist, inoltre ha partecipato a serie come Un medico in famiglia e Tutti pazzi per amore. Ha 47 anni e un film in uscita.


Valeria Solarino interpreta Giulia. Venezuelana, ha partecipato a film come La febbre, Manuale d'amore 2, Vallanzasca - Gli angeli del male e Manuale d'am3re. Ha 34 anni.


Tra gli altri attori segnalo anche la presenza di Valerio Aprea (Mattia, già visto in Boris), Stefano Fresi (Alberto, gia visto in Romanzo Criminale) e Lorenzo Lavia (figlio di Gabriele Lavia, interpreta Giorgio). Detto questo, andatelo a vedere e... ENJOY!

26 commenti:

  1. A proposito di Davis da me è uscito, e mi sono catapultato al cinema ... la perfezione dei Coen, con in più il mio gatto tra i protagonisti. Cosa volere di più dalla vita? Questo non lo conoscevo, ma la tua rece e alcuni attori presenti (in testa la Solarino, il Di Rienzo, e il Marcorè cattivo... è la prima volta che fa il cattivo?), mi spingono a metterlo in programma (se lo metteranno nelle mie zone).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra tutti mi state facendo venire voglia di vederlo Llewin Davis! Spero di riuscire in settimana!
      Smetto quando voglio è da recuperare assolutamente, spero venga distribuito anche da te :)
      Non so dirti se Marcoré faccia il cattivo per la prima volta, ma mi sembra di no...

      Elimina
  2. Quel rimasuglio di un ca##o è già cult. XD
    E poi Stefano Fresi e Sermonti li lovvo troppo. Un film da vedere per ricominciare a sperare nel futuro del cinema italiano. Della commedia, soprattutto. =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Schiatto, pensa che io Sermonti l'ho riconosciuto solo alla fine... per me era rimasto quello del Medico in famiglia XD

      Elimina
  3. Ah, è un cazzo! Grandissimo Fresi, un film che mi ha divertito davvero molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Geniale il modo in cui lo dice come se fosse una cosa naturale XD

      Elimina
  4. Ho paura che mi possa angosciare.
    In senso buono ovviamente :)
    Lo spettro del dopo laurea mi perseguita hahaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, perseguita anche chi l'ha presa ormai da 6 anni XD
      Però vattelo a vedere Smetto quando voglio perché è divertentissimo!

      Elimina
  5. recensione in stereo oggi, io e te.
    Un ottimo esordio, uscita dalla sala soddisfatta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, finalmente una commedia italiana fatta come si deve! :)

      Elimina
  6. Mmmmh, interessante, potrei quasi farci un pensiero! (quasi)

    RispondiElimina
  7. ne stanno parlando tutti molto bene.
    sarà davvero interessante o siete stati tutti pagati? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbene sì, mi hanno pagata con la droga sintetica della banda :P
      Scherzo, come sei sospettoso Cannibale!!
      Buttati anche tu nella visione!

      Elimina
  8. Il trailer mi ispirava, se non lo vedo al cinema lo recupero in dvd :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh yess, vai in fiducia perché merita davvero! :)

      Elimina
  9. Ho rinunciato a questo per riuscire a vedere i Coen nell'unico giorno disponibile, ma visto l'entusiasmo letto qui e anche in giro me lo vedrò sicuramente in settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardalo, guardalo!
      Per una volta che il cinema italiano sforna qualcosa di valido è giusto mobilitare il sostegno nazionale! :)

      Elimina
  10. Il cinema italiano non è mai morto, malgrado in molti ne cantino il de profundis un giorno sì e l'altro pure... diciamo che c'è un genere in crisi, quello della commedia all'italiana, a causa dei produttori sempre in cerca di soldi facili e di un certo imbarbarimento culturale dello spettatore medio che riversa nelle sale prodotti di qualità sempre più infima. Per fortuna ci sono film come questo che stanno a dimostrare che è ancora possibile far ridere con intelligenza e sarcasmo. E gli elogi a Sibilia sono tutti meritati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, purtroppo i film italiani validi che ho visto in questi ultimi anni li posso contare sulle dita di una mano e non arrivano a dieci -.-
      Per fortuna Smetto quando voglio è stato uno di questi!!

      Elimina
  11. Sei tu la prima che mi ha fatto venir voglia di vedere sto film, ma al cinema andrò a vedere i Coen :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbé, ti perdono :P
      L'importante è che lo recuperi!

      Elimina
  12. Grandissima rivelazione e gran commedia, ottimamente interpretata e che strappa risate fresche, questo l'importante a mio avviso... ;)

    RispondiElimina
  13. A me hanno fatto morire i due latinisti... Edoardo leo ha il potere di farmi ridere solo guardandolo in faccia. Stefano fresi con " mi si è ribaltato il coupet" è diventato il mio idolo... Film veramente sorprendente, anche se, riflettendoci, la verità che racconta è raccapricciante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fresi e i latinisti li ho amati alla follia!
      Sì, è molto amaro nella sua ironia...

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...