martedì 5 maggio 2020

Tyler Rake (2020)

Onestamente non ricordo dove ne avevo letto pareri positivi ma in qualche modo mi si è fissato nella memoria e qualche giorno fa ho deciso di dare una chance a Tyler Rake (Extraction), diretto dal regista Sam Hargrave e tratto dalla graphic novel Ciudad, di Andre Parks, Anthony Russo e Joe Russo.


Trama: dopo che il figlio di un narcotrafficante indiano viene rapito da un concorrente del padre, il mercenario Tyler Rake viene ingaggiato assieme alla sua squadra per liberarlo ma qualcosa va storto...



Tyler Rake (che lasciare il titolo Extraction sembrava brutto per la versione italiana) è un action costruito attorno a un riuscitissimo piano sequenza centrale, in cui ne succedono di ogni all'interno di un complesso di squallidi appartamenti indiani, prima che i contendenti vengano investiti da mezzi di trasporto sempre più grandi, più o meno nel giro di 10/15 minuti concitatissimi. Il resto di Tyler Rake potete immaginarvelo a occhi chiusi, dopo aver conosciuto l'assunto iniziale, che in soldoni prevede un mercenario dal tristissimo passato che accetta di trarre in salvo un ragazzino, figlio di un boss della droga indiano, rapito da un altro boss della droga. Al limite, per mettere un po' di "pepe", gli sceneggiatori (i fratelli Russo degli Avengers, tra gli altri) hanno aggiunto una sorta di jolly incarnato da un tizio che, non avendo i soldi per pagare i mercenari, si inventa mercenario a sua volta, ma poiché i realizzatori di Tyler Rake sono riusciti ad ambientare il tutto in India, dove esiste un'enorme industria cinematografica, e a pescare comunque nel mucchio dei pupazzi al posto di attori veri, il valore aggiunto di costui è praticamente nullo. E quindi, cos'è questo Tyler Rake? Fondamentalmente, un John Wick che non ce l'ha fatta, bello nei momenti action ma noioso come la morte nei troppi momenti di approfondimento psicologico, che risultano così vittime di un clamoroso miscasting come quello di Chris Hemsworth, godereccio cazzone, nei panni di un triste mercenario vinto dall'esistenza ingrata, il quale risulta così ingiustamente monoespressivo.


Ora, voi penserete che io (giustamente ignorante in materia "action") abbia deciso di prendere John Wick, film meno che perfetto, a metro di paragone per qualsiasi pellicola in cui si menino le mani e si spari; in realtà, qui la similitudine c'è, in quanto il regista Sam Hargrave è in primis un signor stuntman, coordinatore tra l'altro delle scene di battaglia dei vari Avengers sui quali hanno messo mano i Russo, e l'esperienza si vede. Tolto il fatto che ormai i piani sequenza li trovate all'interno delle merendine del Mulino Bianco al posto delle scatolette con le sorpresine, è indubbio che ogni scena d'azione è mirabilmente coreografata e girata, ci mancherebbe, e Hargrave non lesina in momenti fantasiosi e persino ironici e/o politicamente scorretti (Tyler Rake che ammazza uno con un rake, per esempio, ma la mia scena preferita è quella in cui il protagonista prende letteralmente a schiaffi dei ragazzini, altro che Ma come si può uccidere un bambino?). Il problema di Tyler Rake è la monodimensionalità dei personaggi. Non che i vari Commando, Die Hard, compagnia cantante avessero dei personaggi profondi, ma perlomeno vivevano consapevoli della loro leggerezza anche nella serietà totale, e venivano trattati di conseguenza, mentre qui c'è proprio la volontà di rendere pesante il personaggio con flashback, riflessioni, parole gettate al vento per stringere il cuore, ecc. Oltre a ciò, si aggiunge il Male, anzi il malissimo, ovvero il villain zamarro che avrebbe potuto essere un capolavoro e invece si limita a far la faccia brutta collezionando dita, sottolineando con questo QUANTO diamine è cattivo. Che spreco. Comunque, se avete un paio d'ore da buttare (sì, come film dura anche troppo) e vi piace il genere, ho visto di molto ma molto peggio, tolto che è criminale anche sprecare quel gran figo di David Harbour (posso essere franca? Tra lui e Chris Hemsworth non sapevo più da che parte dello schermo guardare!).


Di Chris Hemsworth, che interpreta Tyler Rake, ho già parlato QUI.

Sam Hargrave è il regista della pellicola, alla sua prima esperienza dietro la macchina da presa in un lungometraggio, e interpreta Gaetan. E' principalmente stuntman ed anche sceneggiatore e produttore.


David Harbour interpreta Gaspar. Americano, diventato famosissimo per il ruolo di Jim Hopper in Stranger Things, ha partecipato a film come La guerra dei mondi, I segreti di Brokeback Mountain, Revolutionary Road, Parkland, Black Mass - L'ultimo gangster, Suicide Squad e Hellboy. Anche produttore, ha 45 anni e un film in uscita, Black Widow.


Golshifteh Farahani, che interpreta Nik Khan, era la fidanzata di Adam Driver in Paterson. Se Tyler Rake vi è piaciuto recuperate Commando. ENJOY!


9 commenti:

  1. Fare un intero film in piano sequenza è ormai facile con le tecniche digitali che mescolano le immagini come se non ci fossero stacchi. Birdman di Inarritu è un esempio. Figuriamoci allora che ci vuole a farne solo una quindicina di minuti all'interno di un film.
    Ma la domanda è... Chris Hemsworth ok con tutto il suo background; ma David Harbour è davvero così figo? Guardandolo da un punto di vista maschile non mi dà quell' idea di sciupafemmine, anzi in Stranger Things era sempre piuttosto sciatto e panzuto. Ma, ripeto che è un punto di vista maschile☺

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, mi sono spiegata male. E' che la scena più bella di Tyler Rake è il piano sequenza centrale e sembra che l'intero film sia stato costruito attorno a quella prodezza stilistica, senza badare troppo al resto.
      Quanto a David Harbour io sono più per i cicciopanzoni espressivi piuttosto che per i bellocci palestrati che non mi dicono nulla; lo trovo molto ma molto affascinante, anche quando è borzo ed ubriaco in Stranger Things XD
      Chris Hemsworth è proprio un dio norreno invece u.u

      Elimina
  2. Effettivamente Chris Hemsworth, pur con tutta la simpatia e stima possibile, non ce lo vedo proprio a interpretare un personaggio alla John Wick. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha il phisique du role ma in questa sceneggiatura è mancato l'umorismo necessario o il trash involontario.

      Elimina
  3. Io lo guarderò solo perché dei bambini vengono presi a schiaffi, giuro XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E con che gusto, anche! Per il protagonista e per gli spettatori XD

      Elimina
  4. Concordo sulla monodimensionalità dei personaggi. Rimane comunque un buon film d'azione, che non mi ha esaltato, ma almeno non mi ha tediato come l'ultimo di Bay ad esempio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quello con Ryan Reynolds? Non ho ancora avuto il coraggio di vederlo.

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...