venerdì 29 maggio 2015

Youth - La giovinezza (2015)

E fu così che, nonostante il timore reverenziale di non capire nulla o sviluppare un'avanzata forma di orchite, martedì sono andata anch'io a vedere Youth - La giovinezza, diretto e sceneggiato dal regista Paolo Sorrentino.


Trama: ad un ex direttore d'orchestra ormai in pensione viene chiesto di tornare in servizio per la festa di compleanno del re Filippo di Edimburgo, consorte di her majesty Elisabetta. L'uomo, in vacanza in Svizzera con la figlia e l'amico regista, non vuole però riprendere l'attività che lo ha consacrato ad imperitura fama...


Non so se faccio bene a pubblicare un post sull'ultimo film di Sorrentino. Il mio problema è che, davanti al cinema "d'autore", comincio sempre la visione con l'atavico terrore di non capire nulla di quello che sto vedendo e di uscire dal cinema con un senso di delusione mentre tutti gli altri attorno a me piangono, deliziati dalla visione appena conclusa. Insomma, mi sento come Rat-Man quando fa le sue incredibile ed ignoranti figure barbine. Nello sforzo di capire quello che sto vedendo, di cogliere il significato di immagini che andrebbero semplicemente vissute e non ridotte a termini semplici che anche il mio cervelletto potrebbe comprendere, mi rendo conto di perdere molto del film e purtroppo questo è successo con Youth - La giovinezza, che ho guardato avvinta da una soverchiante sensazione di ansia. Colpa de La grande bellezza, certo, perché la visione di This Must Be the Place invece non era stata così travagliata, anzi, me lo ero goduto con una buona dose di allegria. Quindi, sarebbe il caso di scrivere un post dopo un'eventuale seconda visione di Youth, così da riuscire a offrirvi qualcosa di intelligente, ironico, emozionante e colto come l'ultimo film di Sorrentino. Però.. per una volta perché non provare a rendervi partecipi solo di un paio di pensieri semplici, come quelli che ci siamo scambiati con l'amico Toto fuori dal cinema? D'altronde, il Bollalmanacco era nato come una serie di SMS, quindi...


Innanzitutto, Youth - La giovinezza ha una colonna sonora bellissima. E' questo che mi ha colpito più di tutto il resto. Ho cominciato dondolando la testa e canticchiando tra me le note di You've Got the Love, ho continuato trattenendomi dal ballare come un'idiota al ritmo di She Wolf (Fallin to Pieces, non quella di Shakira) e ho finito piangendo commossa davanti alla voce meravigliosa della cantante Sumi Jo, accompagnata dalla splendida, evocativa colonna sonora di David Lang. La musica è indispensabile per vivere e "sentire" Youth e ogni singolo brano si adatta alla perfezione alle immagini di Sorrentino.


A differenza di quello che era successo con La grande bellezza ho provato subito empatia verso il protagonista. Non lo so se è perché la mia ipocondria congenita mi sta già facendo sentire più vecchia di quello che sono ma in molte parole sue o dell'amico Mick mi sono riconosciuta. E ho paura del momento in cui non riuscirò più a ricordare i gesti e le voci dei miei genitori, di non riuscire più a dare valore a dei piccoli gesti gentili perduti nel tempo, magari cancellati da preoccupazioni, rancori e dolore. Non penso che Frank sia un uomo cattivo, semplicemente è un uomo che ha sbagliato molto e che non ha dato il giusto valore alle cose quando ne ha avuta l'occasione. Per la durata del film però gli ho voluto bene e ne ho voluto anche di più a Mick, così sereno e disponibile con gli altri e così fragile, alla stupenda Lena (Rachel Weisz e la sua dolorosa invettiva mi hanno ipnotizzata) che cerca di ricostruirsi una vita, al caustico Jimmy, alla bella ed intelligente Miss Universo (campionessa mondiale di STACCE™) e persino alla "divina" Brenda Morel. A proposito, chissà se è giusto costruire un'amicizia fatta solo di cose belle, come dice Mick, o se è meglio una brutale, assoluta sincerità? Anche se a questa importante domanda non è possibile dare risposta è stato bello riflettere assieme a Sorrentino, Caine e soci su questa e altre cose fondamentali come il desiderio, la vecchiaia, la giovinezza (ma che cos'è poi 'sta giovinezza? Uno può essere giovane tutta la vita!!), la libertà e i mille, personalissimi modi di intendere e dimostrare amore.


E comunque, tornando al discorso dell'inizio, non è vero che sono stata tesa tutto il tempo. Davanti a certe immagini e a certe sequenze il cervello si libera automaticamente dall'ansia, non vuole più capire ma solo meravigliarsi, sorridere o commuoversi. Come quando la cinepresa di Sorrentino decide di tenerci in sospeso e giocare con noi: il monaco sta levitando oppure no? Ecco, la sequenza del monaco è una delle più belle che abbia visto in vita mia. E da persona semplice quale sono, ho amato il fatto che ad ogni immagine di "vecchiaia" se ne accostasse una di giovinezza, il modo in cui la regolarità della vita nell'albergo venisse riproposta in sequenze quasi ripetitive, dal ritmo altrettanto lento e regolare, ho adorato i giochi di sguardi che valgono più di mille parole, quel trashissimo video da incubo che arriva a spezzare la tranquillità del sonno di Lena, l'idea che la natura possa essere "guidata" dalla mano ancora capace di un direttore d'orchestra e con tutto questo ho apprezzato altre mille, emblematiche immagini che vi lascerei il gusto di scoprire. Più di tutto, però, ho amato lo sguardo di quell'elegante e meraviglioso signore che risponde al nome di Michael Caine: l'ho amato nella durezza con cui decide di confrontarsi con un passato doloroso (se fossi stata Sumi Jo forse sarei morta sotto uno sguardo così diffidente ed inquisitorio...), nelle lacrime che lo portano infine alla consapevolezza di sé, l'ho amato persino nella sua tanto conclamata apatia. Uno sguardo che, facendosi di ghiaccio, prova a rifiutare il mondo e ad impedire che le braci di una vita ancora desiderosa di esprimersi tornino a bruciare a tempo di musica. Una musica splendida che vorrei sentire ancora, e ancora, e ancora. Anche se forse non sarò mai in grado di apprezzarla e capirla come dovrei.


Del regista e sceneggiatore Paolo Sorrentino ho già parlato QUI. Di Michael Caine (Fred Ballinger), Harvey Keitel (Mick Boyle), Rachel Weisz (Lena Ballinger), Paul Dano (Jimmy Tree) e Jane Fonda (Brenda Morel) ho parlato invece ai rispettivi link.

Chloe Pirrie, che interpreta l'unica donna nel gruppo degli sceneggiatori, aveva partecipato alla serie Black Mirror, più precisamente all'episodio cult The Waldo Moment mentre Madalina Diana Ghenea, che interpreta Miss Universo, aveva già partecipato a Dom Hemingway e (poverina!) I soliti idioti; sono "vere" invece le cantanti Paloma Faith e Sumi Jo quindi se volete potete andare sul Tubo ad ascoltare alcuni loro brani. Detto questo, se Youth - La giovinezza vi fosse piaciuto recuperate La grande bellezza, This Must Be the Place e magari anche Quartet. ENJOY!




20 commenti:

  1. Ne sento parlare così così, la questione delle immagini "Random" sta tenendo banco, con Sorrentino ho uno strambo rapporto, ma spero di vedere il film il prima possibile ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, di solito le immagini "random" danno fastidio anche a me. Ho scelto la tattica "l'immagine mi piace? Bene. Me la godo senza fare domande, anche se non capisco il nesso". L'importante è che poi personaggi e trama mi coinvolgano al di là di quelli che per me sono giochi di stile... magari però per Sorrentino sono fondamentali, chissà!

      Elimina
  2. Non so, io devo ancora recuperare La grande bellezza, ma ne ho un po' paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, La grande bellezza a me alla fine era piaciuto ma all'inizio ho fatto molta fatica. Questo invece è entrato subito nelle mie corde, per questo l'ho preferito senza se e senza ma!

      Elimina
  3. Bellissimo. Per me Sorrentino è una garanzia: come accosta lui le scene alla musica, come passa volutamente di palo in frasca (sembra di leggere una poesia del mio poeta preferito John Ashbery), come gioca con la cinepresa, come ci spiazza con un film semplice che parla di cose semplici, con attori stupendi (Caine e Keitel coppia perfetta, Jane Fonda strepitosa, Paul Dano miglior attore della sua generazione, Weisz elegante), nessuno mai in Italia negli ultimi quindici anni.
    Il finale è di una bellezza che in sala c'era gente che piangeva e - mai visto una cosa del genere - sono stati con il culo piantato sulla sedia a vedersi i titoli di coda.
    Per me maggio è stato un mese cinematografico bomba (Garrone, Miller, Sorrentino).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche in sala a Savona è successo che nessuno si è alzato dalla sedia fino alla fine. Io stessa, che solitamente non mi alzo ma rimango comunque un po' scazzata, ero talmente ipnotizzata che non mi sono neppure accorta che ormai si era arrivati ai ringraziamenti e il film era proprio finito finito! E comunque sì, dovrebbero esserci sempre dei mesi cinematografici come questo!

      Elimina
  4. Sono curioso principalmente per l'effetto che potrebbe farmi.
    Io di Sorrentino ho amato tutto tranne This must be the place: spero che il suo ritorno all'estero non provochi gli stessi risultati. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non saprei dirti se potrebbe piacerti o meno? L'unica è vederlo, male non fa!

      Elimina
  5. Io La Grande Bellezza l'ho un tantinello detestato, quindi chissà questo.
    In copertina vedo già un gran bel motivo per guardarlo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La grande bellezza l'ho trovato molto più presuntuoso di questo :D

      Elimina
  6. Dopo una lunga e non molto attenta riflessione posso dire che il film l'ho amato. A Sorrentino non posso che volergli bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, guarda, alla fine mi sa che l'ho amato anche io!

      Elimina
  7. Non ho ancora potuto vederlo... spero di tornare presto al cinema.
    Ma capisco il tuo stato d'animo. Di fondo il cinema fa questi effetti... Per esempio a me mettono ansia i film Marvel (che a confronto di Sorrentino sono molto più leggeri). Perchè non sai mai quello che effettivamente ti puoi aspettare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nah, io i film Marvel sono sempre sicura di capirli.... al massimo, non di apprezzarli! :D

      Elimina
  8. andrò a vederlo
    anche solo per capire chi ha ragione, perché ne sto leggendo di tutti i colori su questo film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A prescindere, è un gran bel film :)

      Elimina
  9. A me invece ha confuso molto. Indubbiamente ci sono dei momenti molto toccanti e riusciti, ma tanti altri che mi sono sembrati retorici e scontati. Tutto è quasi troppo... ma forse sono io a essere troppo giovane per capire tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, la vecchiaia da una man... ehi, ma come ti permetti? XDXDXD Vorresti forse dire che sono vecchia?

      Elimina
  10. Io e sorrentino non ci intendiamo proprio: "This must be the place l'ho visto a fatica per un po', poi l'ho abbandonato; "la grande bellezza" l'ho soprannominato "la grande stufezza", dopo 40 minuti non ce l'ho fatta più: bellissimi i paesaggi romani ma non bastano da soli, era la storia di un nulla nel nulla, secondo me!
    non andrò quindi a vedere questo film, che francamente mi angoscia comunque sin dal tema trattato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, se non hai apprezzato gli altri due molto probabilmente non amerai nemmeno questo :(

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...