mercoledì 16 agosto 2017

Annabelle: Creation (2017)

Nonostante la chiusura estiva del multisala non potevo certo perdere Annabelle: Creation, diretto dal regista David F. Sandberg. Come sarà andato l'ennesimo appuntamento con la pupazza più bastarda del cinema horror recente? (Male. Malissimo.)


Trama: anni dopo la morte della figlioletta, un fabbricante di bambole e la moglie ospitano in casa un gruppo di orfane e la suora loro tutrice. Inizialmente felici davanti a tanta fortuna, le ragazzine e la suora scopriranno che avrebbero fatto meglio a rimanere senza un tetto sulla testa...


Come si fa a scrivere un post su un film che non ho visto? Io ricordo benissimo che il primo Annabelle non era nulla di che sia per quel che riguarda la regia che la trama eppure mi aveva spaventata parecchio; nel caso di Annabelle: Creation, però, parliamo di vero terrore, di un'ora e 49 minuti di tensione costante, di maschi che urlavano in sala come Solange dopo una manicure sbagliata, di bestemmie volanti, di un sollievo devastante alla comparsa della scritta "fine primo tempo", della sensazione di avere corso i 100 metri piuttosto che essere rimasta seduta in poltrona al cinema. Davanti a un film durante il quale più volte ho ribadito al mio amico "non ce la faccio più, basta, andiamo via!" prima di mettermi a strillare incurante della natura pubblica di un cinema, come posso parlare con cognizione di causa della regia (che a me è sembrata valida, con movimenti di macchina strani e una cura del dettaglio molto piacevole ma considerate il fatto che esisteva il terribile "filtro mano" quindi la particolarità percepita poteva anche semplicemente derivare dal modo contorto in cui stavo seduta in poltrona...), degli effetti speciali o degli interpreti? Annabelle: Creation è sicuramente derivativo, stiamo pur sempre parlando del quarto capitolo di una franchise, però non è stupidello come Annabelle, che a tratti sembrava la versione poveraccia di Rosemary's Baby, bensì è permeato di una cattiveria tale da far tremare i polsi persino a Ouija: L'origine del male. Benché, infatti, il bodycount finale sia esiguo, la sceneggiatura di Gary Dauberman (il quale ha evidentemente imparato dagli errori di Annabelle) non ha un solo momento morto e sfrutta ogni topos legato a bambole assassine, possessioni demoniache, case infestate, patti col demonio e malvagio pupazzame assortito per far letteralmente ca*are in mano lo spettatore, agendo in sinergia con un regista particolarmente amante del buio e di ciò che in esso si nasconde.


Tolta infatti la cattivissima faccia da ca**o di Annabelle (che vorrei capire quale bambina sana di mente vorrebbe averla in casa o anche solo sfiorarla e 'sto cretino di fabbricante ne avrebbe costruite ben CENTO, mica una, Cristo!) quello che fa più paura è ciò che non viene mostrato: corridoi bui, palline che vengono scagliate nell'oscurità, pozzi profondi, angoli morti dove potrebbe nascondersi la qualunque, lampadine che si svitano o esplodono lasciando la vittima inerme a pregare tutte le inutili divinità del creato, stanze enormi dove qualcosa si muove appena oltre la messa a fuoco della cinepresa, specchi che mostrano ombre inquietanti, sono tutti elementi visivi che annichiliscono lo spettatore rendendolo incapace di prevedere il jump scare perché, di fatto, Annabelle: Creation è uno jump scare continuo. Come ho detto, non c'è un attimo di tregua e persino il finale, che si collega direttamente ad Annabelle, è un'ultima zampata di cagarella sicura. Diretta conseguenza di questa scelta di "non mostrare" è l'aria molto artigianale di Annabelle: Creation, che si appoggia a pochi effetti speciali di ottima fattura, incentrati soprattutto sulla figura del demone nascosto all'interno della bambolaccia, e a delle scenografie molto belle ed evocative, zeppe di croci più o meno rovesciate ed elementi horror nascosti qua e là. Detto questo, io avevo già subodorato la morte per attacco cardiaco dopo aver visto la faccetta inquietante della piccola Lulu Wilson, nuova reginetta dell'horror che già aveva dato molte soddisfazioni in Ouija: L'origine del male, ma diciamo che anche tutti gli altri attori (a parte le due mocciose anonime messe giusto per far numero) hanno il loro perché e non sembrano dei pezzi di carne da macello che aspettano solo l'arrivo di Annabelle a farli morire d'ansia. Poi, per carità, può anche darsi che mi sia inventata tutto e che Annabelle: Creation sia un film orribile e per nulla pauroso: tanto, chi l'ha visto?


Del regista David F. Sandberg ho già parlato QUI. Miranda Otto (Esther Mullins) e Anthony LaPaglia (Samuel Mullins) li trovate invece ai rispettivi link.

Stephanie Sigman interpreta Sorella Charlotte. Messicana, ha partecipato a film come il bellissimo Miss Bala, Spectre, Once Upon A Time in Venice e alla serie Narcos. Ha 30 anni.


Nella foto delle suore in Romania, quella che Sorella Charlotte fa vedere al Sig. Mullins, si intravede una suora in penombra: quella suora non è altro che l'entità malvagia di cui parlerà The Nun, girato proprio in Romania ed ennesimo spin-off della saga iniziata con L'evocazione e continuata con The Conjuring - Il caso Enfield, dove la suora compare per la prima volta; The Nun dovrebbe uscire l'anno prossimo mentre The Conjuring 3 al momento è in fase di sceneggiatura e ci sono voci persino sulla realizzazione di un film relativo all'Uomo Storto del secondo The Conjuring. Inutile dire che converrebbe recuperaste tutta la franchise e ovviamente Annabelle se questo Annabelle: Creation vi fosse piaciuto. ENJOY!



13 commenti:

  1. Il primo Annabelle è una delle peggiori e più inutili porcherie che abbia visto di recente (e non solo).
    Mi stupisce che un'appassionata di horror come te sia rimasta tanto terrorizzata da questo sequel, che a questo punto mi hai quasi incuriosito a guardare...

    Anche se ho come l'impressione che potrei rimanerne terrorizzato pure io, ma solo per la sua qualità. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualitativamente parlando, SUPPONGO, come direbbe Bellosguardo, che sia migliore del primo... ma ribadisco, chi lo ha guardato? XD

      Elimina
  2. vabbè io una sbirciatina gliela do, tanto gli horror me piacciono troppo hahaha xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare di aver letto su FB che non ti sia piaciuto troppo :P

      Elimina
  3. Ti dico la verità, mi sono ca*ata in mano anche io. Ci aggiungerei un sacco di "ma", ma la verità è che Dauberman deve avermi fatto un qualche torto nella vita precedente, perché il suo modo di sviluppare l'orrore, in questa saga come in The Conjuring 2, proprio non mi va giù. Perché sta fretta? C'è qualcuno tra la bambola, la suora o l'uomo storto che lo insegue?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fretta di Dauberman perplime un po' anche me ma questa volta è stata annegata dal terrore. Dubito che The Nun però mi farà così paura, pare Marilyn Manson e io al Reverendo ho sempre voluto bene!

      Elimina
  4. Sinceramente ero incuriosito da questo seguito affidato al regista di Lights Out, però puntavo ad un recupero home video. Adesso però sono così curioso che quasi quasi vado a vedermelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A mio avviso questo è un tipo di pellicola che in home video non rende... a meno che non si stia in una casa buia ed isolata :P

      Elimina
    2. Hai ragione in home video questa pellicola non rende. Alla fine sono andato a vederlo la scorsa settimana. Sinceramente momenti di tensione non mancano, però il film non mi ha terrorizzato ai tuoi livelli. Rimane un buon horror, che secondo me spaventerà sopratutto chi il genere lo mastica poco (infatti non mi spiego come mai abbia fatto tutta sta presa su di te). Un momento veramente ben realizzato e sopra la media è la scena delle due ragazze che giocano sotto il lenzuolo.

      Elimina
    3. Conta che io sono terrorizzata dalle bambole. Ma sinceramente terrorizzata. Durante la scena che citi avevo il cuore in gola, mannaggia T__T

      Elimina
  5. Mi è piaciuto di più del primo questo secondo capitolo!
    La suora che spinge la carrozzella con la falcata da maratoneta è il pezzo più inquietante 😱😱

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, letta così fa riderissimo però XD

      Elimina
    2. Eh ma è così dai!! Arriva in quel modo, con l'incedere ZAN ZAN ZAN ZAN che detto così fa anche ridere in effetti!! 😂😂😂

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...