domenica 1 settembre 2013

L'evocazione (2013)

Qualche giorno fa sono riuscita, finalmente, a vedere anch’io questo L’evocazione (The Conjuring) di James Wan, salutato da amici e blogger come una delle rivelazioni horror dell’anno e come minimo uno dei film più spaventevoli degli ultimi tempi.


Trama: i membri della famiglia Perron, appena trasferitisi nella casa nuova, cominciano a venire perseguitati da strani e pericolosi fenomeni sovrannaturali. I coniugi Warren, esperto demonologo lui e sensitiva lei, cercheranno di aiutare la sfortunata famiglia, anche a rischio della propria vita.


Comincerò la recensione dicendo che Wan non è scorretto: di più. Alla storia vera della famiglia Perron, scritta con la consulenza di una delle figlie ormai adulta e di Mrs. Warren in persona e conseguentemente inquietante già di per sé, ha infatti aggiunto a mo’ di corollario un altro caso a cui hanno partecipato i Warren, quello della bambola Annabelle. Per una che, come me, ha la fobia di pupazzi e pagliacci, questo è stato un vero colpo basso soprattutto perché, alla vista della demoniaca bambola, la cui espressione è esponenzialmente più malvagia di quella dell'originale, ho rischiato di lasciare la sala al quinto minuto di proiezione e morire di tachicardia. E anche dopo ho avuto un paio di scompensi perché il buon Wan riesce ad ingannare persino lo spettatore più scafato piazzandogli il colpo di scena al momento previsto... ma da un'angolazione completamente inaspettata! Doppiamente maledetto quindi. Scherzi a parte (e chi scherza...?) L'evocazione non è solo inganni e spaventi a buon mercato, anzi: è un validissimo film d'atmosfera, dove l'inquietudine aleggia genuina e palpabile per tutta la durata, dove ogni dettaglio è finalizzato a far paura e dove, per quanto si abbondi di cliché, l'omaggio sentito agli horror anni '70 viene trasformato in un pregevole riaggiornamento del genere e non in semplice scopiazzatura.


Oltre all'incredibile ed intelligente accuratezza con cui viene trattato l'elemento horror (molto bella la scena in cui viene sfatato il mito che vuole gli oggetti posseduti, quando invece questi ultimi sarebbero solo degli "specchi" che ingannano gli umani, unici papabili "dimore" di eventuali demoni) quello che rende L'evocazione diverso rispetto ad altre pellicole simili è l'attenzione verso l'elemento umano: sia i membri della famiglia Perron che i Warren vengono presentati in modo che lo spettatore possa, se non affezionarsi, perlomeno interessarsi a loro e al loro destino e lo stesso vale per i personaggi secondari come, per esempio, le due povere ragazze che compaiono all'inizio. Simile risultato viene raggiunto soprattutto grazie alla bravura degli attori, tutti sicuramente in parte: personalmente, da quando ho cominciato a guardare Bates Motel, ho sviluppato una passione per Vera Farmiga e quella sua aria contemporaneamente malinconica e dura e trovo che in questo L'evocazione riesca a dare il meglio di sé. Gradevolissimi anche l'aspetto vintage delle sue mise, il modo in cui Wan alterna movimenti di macchina molto classici ad alcune innovazioni più moderne, come le riprese al contrario o due "tirate di capelli/piedi" alla Paranormal Activity, nonché un paio di citazioni di un paio di capisaldi horror come L'esorcista, Amityville Horror e Poltergeist. Insomma, magari L'evocazione non sarà l'horror del millennio ma a me è piaciuto molto e ho dormito male per almeno una notte, quindi lo consiglio. Sono rimasta solo con un dubbio: i 14enni di oggi soffrono di disagi alla prostata, sono già assuefatti alle sigarette, devono farsi le pippe perché la ragazzina seduta loro vicina non gliela da o sono semplicemente stupidi? No, perché il viavai che c'era in corridoio durante la proiezione rasentava quello dell'orario di punta nella metro di Tokyo e la cosa simpatica è che TUTTI camminavano battendo le mani. Chi ha visto il film capirà il motivo dello "scherzone" ma, figlioli, non fate paura. D'altra parte, se penso che erediterete il pianeta potrei cominciare a urlare per il terrore, sì.


Di Vera Farmiga (Lorraine Warren), Patrick Wilson (Ed Warren) e Lili Taylor (Carolyn Perron) ho parlato ai rispettivi link.

James Wan è il regista della pellicola. Malese, ha diretto film come Saw – L’enigmista, Dead Silence, Insidious e Insidious: Chapter 2. Anche sceneggiatore, produttore e attore, ha 36 anni e dirigerà il settimo capitolo della saga Fast & Furious.


La quattordicenne Joey King, che nel film interpreta Christine, aveva già partecipato a Il cavaliere oscuro - Il ritorno come ragazzina della prigione e a Il grande e potente Oz come bimba sulla sedia a rotelle e conseguentemente voce della bambolina di porcellana; la “sorella” Cindy invece, alias Mackenzie Foy, non è altri che la Renesmee (o come amo chiamarla, Esmeerda) del Twilight cinematografico ed ecco spiegato perché, povera creatura, tira testate negli armadi per tutto il film. Come ultima bimbetta segnalo Sterling Jerins, che qui interpreta la figlia dei Warren dopo essere stata già una delle pargole di Brad Pitt in World War Z, mentre la donna anziana che ascolta la lezione dei Warren nella sequenza in cui è presente anche Lili Taylor è proprio la vera Lorraine Warren! La cosa mi mette ancora più paura, son sincera. E altrettanto fastidio mi procura la notizia che è già stato annunciato un seguito del film. Voi non ci pensate e, se L'evocazione vi è piaciuto, recuperate Gli invasati, Amytiville Horror (basato sul "caso di Long Island" che viene proposto ai Warren alla fine del film) e Poltergeist - Demoniache presenze. ENJOY!!

28 commenti:

  1. visto ieri sera. Piaciuto molto, in alcuni punti davvero terrificante.Fortunatamente non avevamo 14enni imbecilli in sala...eran tutti a vedere Shadowshunter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringraziate il Dio dell'horror, allora! :P

      Elimina
  2. Sono molto curioso, spero di vederlo domani.
    E spero mi riservi un ottimo rientro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sì anche se dopo la visione brucerai tutti i pupazzetti del Fordino XD

      Elimina
  3. Anche se evito questi film, questo sembra proprio ben fatto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto, ma siccome ricordo che il genere ti fa paura... consiglio di evitarlo come la peste!!

      Elimina
  4. Me ne hanno parlato benissimo, tanto che dovrei vederlo stasera, Wan se non si perde si sta rivelando una vera garanzia per quel che concerne l' Horror, vediamo se continua il Trend positivo anche con Insidious 2.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ancora vedere il primo ma Saw mi era piaciuto. Il malese (muto solo il giovedì) mi da molta fiducia!

      Elimina
  5. molto spaventoso.
    l'unica cosa che non mi ha convinto è che sul finale si spegne improvvisamente e diventa parecchio prevedibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il finale è una replica de L'esorcista, ma in generale mi è comunque piaciuto parecchio.

      Elimina
  6. Io davvero non capisco tutto questo entusiasmo da gente che stimo e che so che ne mastica, di horror. Forse non mi sono spaventato come te (nella prima parte sì, ma poi?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, sicuramente non è innovativo né fa urlare al miracolo ma è fatto bene, diretto e recitato ancora meglio. Ha una bella atmosfera e mette paura in più punti, inoltre l'aria vintage gli da una marcia in più. Forse il mio "gusto" si è addormentato visti i tempi magri ma ribadisco che se ci fossero più horror così e meno rumenta come ESP o Paranormal Activity il mondo sarebbe un posto migliore.

      Elimina
    2. Bah, a me fece più paura Paranormal Activity la prima volta (solo la prima, eh), che non si può nemmeno definire un film. Quindi credo che il mio tiepido apprezzare il film di Wan derivi dal fatto che nel finale svacca violentemente, tanto che dimentico persino gli spaventi della prima parte (cioè, con la scena dell'uomo dietro la porta e quella dell'armadio sono stato veramente male).

      Elimina
    3. Il finale effettivamente è l'unica cosa che non mi ha fatta uscire di testa (il pre-finale, invece, mi ha uccisa!) ma le due scene che citi, quella dell'armadio in particolare, sono tantissima roba!

      Elimina
  7. Visto da poco anch'io, nonostante alcuni stereotipi classici anche a me è piaciuto...la passione per i bambolotti è innata in Wan, vedi Saw e Dead silence :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dead silence devo recuperarlo come Insidious, spero di dormire la notte! XD

      Elimina
    2. Dead silence non fa paura, Insidious ha una seconda parte in guardabile ma forse ti farà fare ugualmente tanti spaventi...

      Elimina
    3. Li proverò entrambi presto, spero!

      Elimina
    4. D'accordo con Frank Romantico, Insidious e Dead silence non sono certamente i prodotti migliori di Wan; molto meglio The Conjuring e molto molto molto meglio Saw :D

      Elimina
    5. Saw l'avevo visto all'epoca, spettacolare e l'unico che mi ricordo di tutta la saga. Gli altri li recupero comunque.

      Elimina
  8. Oh, allora devo proprio vederlo... hai confermato anche tu quel che dicono tutti, in giro... Mi fido :)

    Moz-

    RispondiElimina
  9. ah, adesso ho capito perchè lo consideri scorretto...
    Comunque molto bello.

    RispondiElimina
  10. Eh... le bambole... :D
    Ingiusto, Wan, ad aver alterato Annabelle. Spero non la faccia incazzare sul serio. :D

    PS: grazie per il link. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovere! Era un post troppo interessante e alla fine sono riuscita a leggerlo! :)
      Quanto a Wan... oh, affari suoi, così impara!

      Elimina
  11. Molto bello come post, interessantissimo. Ma quindi tu dici che il caso Long Island si tratti del caso che poi ha ispirato Amytiville Horror? Bel film comunque, fatto molto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per i complimenti!
      Sì, ne avevo avuto sentore quando guardavo il film e poi ho avuto conferma cercando in rete! :)

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...