mercoledì 9 maggio 2018

L'isola dei cani (2018)

Ho aspettato fino a lunedì ma finalmente anche io ho potuto vedere L'isola dei cani (Isle of Dogs), l'ultimo film diretto e co-sceneggiato da WES ANDERSON!! (Ok, prometto che è l'ultima volta che userò il caps lock)


Trama: in una metropoli giapponese del futuro, il bieco sindaco Kobayashi ha deciso di confinare tutti i cani su un'isola adibita a discarica, col beneplacito degli abitanti terrorizzati dall'influenza canina. Il suo pupillo, il dodicenne Akira Kobayashi, decide però di andare in cerca del cane Spots e si imbatte in un gruppetto di quadrupedi dell'isola che lo aiuteranno nell'impresa...


Come si fa a non volere bene a quello spocchioso snob di Wes Anderson, un regista che può permettersi di girare un cartone animato pensando solo a margine ai bambini, giusto per il gusto di creare un'elegante opera in stop-motion intrisa di perfezionismo, capace di fare esclamare "oooh! e "aaah!" a chiunque sia un minimo nipponofilo e apprezzi la qualità artigianale di sfondi fatti a mano, pupazzetti creati con pelo vero di alpaca e disegni animati dal tratto pulito ed "antico"? Come si fa a non amare chi inserisce nel suo film dialoghi in giapponese non tradotti per un buon 60%, lasciando che sia la musicalità della lingua nipponica a fluire dalle orecchie al cuore dello spettatore annullando le barriere linguistico-culturali? Certo, all'inizio del film ci sono le istruzioni per affrontare al meglio questa strana scelta e le stesse fanno parte dell'ironia che traspare da ogni sequenza de L'isola dei cani, ma obiettivamente persino il mio compagno di visioni è rimasto abbastanza spiazzato mentre io, che amo il Giappone con tutto il mio indegno corazon, non ho potuto fare altro che abbandonarmi all'atmosfera e piangere forte per non avere avuto il tempo di studiare quanto avrei voluto questa magnifica lingua e godermi così i dialoghi non sottotitolati. Ma calmiamoci un attimo, di cosa parla L'isola dei cani? Come da titolo, la trama racconta di un luogo in cui tutti i cani della città di Megasaki, in Giappone, vengono confinati in un'isola a causa di una presunta epidemia di influenza canina; ciò da il via alla ricerca del piccolo Akira, disperato per la scomparsa del fedele cane Spots ([supottusu]), ma è soprattutto il modo di introdurre quella che a me è sembrata una feroce critica ai partiti di estrema destra sempre più affermati in tutto il mondo, quelli che cavalcano il terrore delle persone e che non si fanno scrupolo ad alimentare voci allarmiste che allontanano i pensieri del popolo da problemi realmente pressanti onde concentrarli su specchietti per le allodole, ricorrendo a segregazione e allontanamento piuttosto che trovare soluzioni più costruttive. Certo, così a farci la figura dei malvagi sono gli amanti dei gatti, cosa che mi ha un po' spezzato il cuore, ma cosa ci vogliamo fare? Per i piccoli, ma anche per i grandi, c'è poi la deliziosa storia dell'amicizia tra il piccolo Akira e il selvatico randagio Chief, con risvolti da soap opera divertenti e commoventi, oltre a tutto il coro di esilaranti comprimari portatori ognuno di una piccola idiosincrasia Andersoniana.


Per quel che riguarda la realizzazione, come ho detto sopra la visione de L'isola dei cani è pura gioia. Gli omaggi alla cultura giapponese si sprecano e mi dolgo solo di non conoscere a menadito il cinema nipponico perché secondo me ci sarebbe da stilare un elenco di influenze tratte da capolavori della settima arte orientale anche meno conosciuti, non solo le opere di Kurosawa o i cani meccanici ispirati a mechaGodzilla; personalmente, mi è sembLato di vedere una citazione del capolavoro del mangaka Junji Ito, Uzumaki, con le inquietanti spirali che increspano le acque che bagnano l'Isola dei Cani a mo' di presagio di sventura, ma Anderson ha sicuramente attinto a piene mani anche dal teatro kabuki, dall'ukiyo-e, dalle stampe tradizionali, mentre passando a occidente non mancano le nuvolette di polvere tipiche di Snoopy, i cartelloni elettorali alla Quarto potere o le capigliature ricce in stile Un angelo alla mia tavola. Poi, c'è da dire che le citazioni saltano sì subito agli occhi ma risultano più interessanti la simmetria sempre tanto gradita al regista, le scelte cromatiche legate a ciò che si dice vedano i cani (niente verde né rosso quando viene mostrato il punto di vista dei cagnolini, ci avete fatto caso?), l'alternanza di vivaci campi lunghi che trasformano le scene in quadri dinamici e di intensi primi piani che non solo sviscerano le emozioni dei pupazzini ma li rendono al meglio, con tutte le loro imperfezioni di animali provati dalla fame, dalla sporcizia, dalla disperazione (e anche gli esseri umani sono ben caratterizzati, con quei visetti duri come porcellana e allo stesso tempo morbidi morbidi, espressivi da morire). A dire il vero, guardando L'isola dei cani occhi e cervello (e orecchie, ché la colonna sonora di Alexandre Desplat è pregevolissima!) vengono caricati da così tanti elementi, così tante cose belle ed interessanti, che bisognerebbe rivederlo almeno un paio di volte per essere in grado di scrivere un articolo sensato che possa rendere omaggio alla bravura inconfutabile di Wes Anderson, quindi vi consiglio di non stare tanto a pensarci su e correre al cinema prima che la distribuzione impietosa lo tolga!


Del regista e co-sceneggiatore Wes Anderson ho già parlato QUI. Bryan Cranston (voce originale di Chief), Edward Norton (Rex), Bob Balaban (King), Bill Murray (Boss), Jeff Goldblum (Duke), Greta Gerwig (Tracy Walker), Frances McDormand (interprete Nelson), Scarlett Johansson (Nutmeg), Harvey Keitel (Gondo), F. Murray Abraham (Jupiter), Tilda Swinton (Oracolo), Ken Watanabe (Primario di chirurgia), Fisher Stevens (Scrap), Liev Schreiber (Spots) e Anjelica Huston (Barboncino muto) li trovate invece ai rispettivi link.

Courtney B. Vance è la voce originale del narratore. Americano, ha partecipato a film come Caccia a Ottobre Rosso, Pensieri pericolosi, Una cena quasi perfetta, La fortuna di Cookie, The Divide, Final Destination 5, La mummia e a serie come E.R. Medici in prima linea e American Crime Story - Il caso O.J. Simpson. Anche produttore, ha 58 anni e due film in uscita.


Roman Coppola è la voce originale di Igor nonché co-sceneggiatore del film. Figlio di Francis Ford Coppola e principalmente produttore, ha partecipato a film come Il padrino, Il padrino - Parte II, Apocalypse Now Redux e Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma, inoltre ha lavorato come doppiatore in Fantastic Mr. Fox. Anche regista, ha 53 anni.


Kunichi Nomura, che presta la voce al sindaco Kobayashi, è co-sceneggiatore del film ed è già apparso in film come Lost in Translation e Grand Budapest Hotel. A fargli compagnia tra i doppiatori c'è nientemeno che Yoko Ono, nei panni dell'assistente Yoko-ono, per l'appunto, e sempre rimanendo in ambito scienziati ci sono attori giapponesi assai famosi come Takayuki Yamada (Crows Zero) e Ryuhei Matsuda (Nana, Tabù - Gohatto). Detto questo, se vi fosse piaciuto L'isola dei cani recuperate Fantastic Mr. Fox. ENJOY!


22 commenti:

  1. Spero di riuscire a vederlo dato che nel cinema che c'è dalle mie parti tolgono i film ancora prima che i distributori dicano "A".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, occhio perché domani escono Loro 2 e due cretinate sicuramente distribuite benissimo come il film con Frank Matano e Show Dogs, quindi il rischio è concreto...

      Elimina
  2. Come forse ti dicevo già, non sono un fan di Anderson - perfetto, ma boh, mi annoia tanto che è bello e preciso - ma ogni volta mi ci approccio sprerando faccia breccia. Farò lo stesso con L'isola dei cani, anche se non mi precipiterò in sala. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavolta è un Anderson più incazzato e profondo, secondo me ti piacerà. E poi è davvero una delizia per gli occhi questo film!

      Elimina
  3. Visto qualche giorno fa con mia moglie che adora i cani,quindi non potevo scappare,
    però per fortuna è piaciuto anche a me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io preferisco i gatti ma i pulciosetti di Anderson sono adorabili!

      Elimina
  4. È un film veramente bellissimo, sopratutto se si ama il Giappone e i cani. Come dici tu andrebbe rivisto più volte per comprenderlo al 100%.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche perché tra sottotitoli, scritte e mille altri particolari è inevitabile che qualcosa vada perso!

      Elimina
  5. Io adoro Wes Anderson perché è fissato con la simmetria perfetta come me! XD Lo voglio rivedere!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io non vedo l'ora di riguardarlo, soprattutto vorrei godermi le voci originali!

      Elimina
  6. Di manga e di "giapponesismi" non capisco nulla, e ti ringrazio per le preziose informazioni... in ogni caso il film è davvero bello: finalmente Wes Anderson è "cresciuto" ed ha realizzato un lavoro che va molto oltre i deliziosi (ma un po' ripetitivi) esercizi di stile degli ultimi anni. Questo è un grande film politico, il cui significato va molto oltre la storia che racconta. Spero di riuscire a scriverne presto, in ogni caso merita davvero applausi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensa che io adoro anche i suoi esercizi di stile :PP
      Questo però l'ho trovato piacevolmente malinconico ed arrabbiato!

      Elimina
  7. Film davvero molto bello, che ho trovato però un po' freddino e distaccato nel finale. Mi ha emozionato e divertito e qui Wes Anderson è riuscito pure ad essere un bel po' cattivo! Ancora però non è riuscito a farsi amare, per quanto mi riguarda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anderson è spesso "freddo e distaccato" nei finali, sembra sempre che i suoi personaggi rimangano un po' lì, ad aspettare la tempesta, anche quando tutto finisce bene.
      E' anche per questo che lo adoro :)

      Elimina
  8. Lo vedrò senz'altro,da cinofila nipponofila,preparo una scorta di fazzoletti!

    RispondiElimina
  9. Adesso è in visione, prestissimo sarà in recensione xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, spero possa piacere tanto anche a te!

      Elimina
    2. mi è piaciuto e anche tanto, più tardi ne parlo ^^

      Elimina
    3. Bene, sono contenta :)

      Elimina
  10. Da me purtroppo non è arrivato, mi toccherà aspettare in DVD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da noi lo hanno lasciato giusto una settimana. Purtroppo è stato distribuito in uno dei periodi peggiori...

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...